Complessi di frustrazione
impatti di realtà
tutto gira troppo velocemente non ho ancora preso il ritmo
vedo. Osservo. Analizzo. Capisco. Comprendo
non vivo
il tuo sguardo
certo qualcosa di più
cerco qualcosa di più

non vale la pena vivere soffrendo così tanto
non credo di poterti scordare.
Vorrei solo che le cose andassero meglio.
Vorrei solo sentirmi bene.
Come ho sempre sognato.
Mi manchi...

ma che cosa spero a fare?
Anonimo
Vota la poesia: Commenta
    Ti voglio bene
    Ti voglio bene non solo per quello che sei, ma per quello che sono io quando sto con te.
    Ti voglio bene non solo per quello che hai fatto di te stesso, ma per ciò che stai facendo di me.
    Ti voglio bene perché tu hai fatto più di quanto abbia fatto qualsiasi fede per rendermi migliore,
    e più di quanto abbia fatto qualsiasi destino per rendermi felice.
    L'hai fatto senza un tocco, senza una parola, senza un cenno.
    L'hai fatto essendo te stesso.
    Forse, dopo tutto, questo vuol dire essere un amico.
    Anonimo
    Vota la poesia: Commenta

      Se un giorno

      Se un giorno non potrò pronunciare il tuo nome
      Sarà perché sono diventato muto.
      Se non riconoscerò il tuo volto
      Sarà perché sono diventato cieco
      Se non sentirò la tua voce
      Sarà perché sono diventato sordo
      Ma anche se muto, cieco e sordo
      Il mio cuore si accorgerà di te
      Parlerà, ascolterà e vedrà
      E sentirai l'amore sgorgare
      Come una sorgente d'acqua pura
      Diverrà un ruscello, un torrente e poi un fiume
      Che strariperà nel mare immenso
      Come il mio amore.
      Anonimo
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di