Scritta da: Marta Emme

Pubbliche opere

Nel pubblico costruire, in quel che
si va a investire, soffia il vento che
parla di avvenire quando anche i
pochi soldi son spesi bene e col
senno di chi alla propria terra *
(nazione) tiene, con oculata visione
e priorità assoluta a gente che or
o da sempre si trova sbattuta, non
in opere futili che pur deturpan la
natura. E alla faccia dell'esproprio*
(dei terreni), lì* (terza corsia Firenze-
mare), c'è chi* (autostrade per
l'Italia S. p. A - regione Toscana -
ministero ambiente) invece par
abbia battuto la testa sodo*
(svalvola). Perché è come un
megafono, di ogni uomo, la vita*
(parla a tutti), e allor vadano a
spagliare* (fare altro) i politici
che non l'han capita.
Marta Emme
Composta venerdì 2 giugno 2017
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Marta Emme

    Brexit

    L'Inghilterra è una snobbissima e
    nebbiosa terra, lì han la puzza sotto
    il naso così non è per caso che
    vedon, ciò che non conviene, così
    volgare da darsi alla fuga, per non
    farsi contaminare. Nell'Europa,
    del resto, stanno più in alto*
    (geograficamente), che per
    raggiungerli serve pur fare un
    incredibile salto* (Manica). Ma
    tengon la distanza perché
    l'immigrato non lo vogliono, in
    sostanza. Altro che antieuropeisti
    sono solo degli arrivisti, eppur son
    i primi responsabili* (inquinamento
    e sfruttamento colonie) di esodi
    mai visti. Che l'Europa valuti bene
    a fondo, quando va a saldare
    il conto* (l'uscita). Non si faccia
    tanti scrupoli che non siamo mica
    stupidi! Or tantissimo mi dolgo
    per la strage tremenda*
    (Manchester 24-05-2017), ma
    tutto ciò ha un senso, anche se
    non sembra. Perché in un mondo
    di deficienti a pagar son sempre
    gli innocenti.
    Marta Emme
    Composta giovedì 25 maggio 2017
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Marta Emme

      Accoglienza in patria

      L'accoglienza paga
      ma è ipocrita dir
      che non ingrassa la mala.
      Si faccia il bene di quella gente*
      portando lavoro ove vivono,
      là ove non c'è niente.
      Così si costruiscono veri ponti:
      con mirati interventi e utilissimi fondi
      e sempre facendo tornar,
      con lo sviluppo umano, i conti.
      Invece di illuder dei disperati
      che arriveranno a maledir pur
      ove son nati. Eppur ci sono
      ancora dei pirla che invece
      di contrastar la guerra vanno
      per il mondo a imbandirla.
      Marta Emme
      Composta domenica 21 maggio 2017
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Marta Emme

        Et mater est

        Par di veder una mucchina
        materna, dove attinger linfa
        preziosa* (sicurezza), ch'è quel
        che governa una storia di
        madre così sempre moderna.
        Ove trovi un legame profondo,
        ch'è il più forte del mondo.
        Che non tradisce neppur se,
        l'esser tuo, è immondo;
        perché, se può, una mucchina
        così ti rimette in pista,
        nonostante la tua imperdonabile
        svista. E se proprio la vuoi
        intenerire cerca d'esser sempre
        buono, senza esser fesso,
        nell'agire. Come di lei si può
        parimenti dire.
        Marta Emme
        Composta sabato 20 maggio 2017
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Marta Emme

          Resilienza

          O biancospino, di fior candidi vestito,
          eppur silenzioso mentore in un
          mondo da tante insidie intristito,
          insidie che son come le tue spine
          nascoste, perché ove meno te lo
          aspetti son poste. Anche le fate,
          nella fantastica narrazione, di te
          hanno grande considerazione perché
          le tue spine son per la loro protezione.
          A fin del proprio bene, dunque,
          rivolgiam le tante pene, e, così forti
          diventeremo che niente più temeremo.
          Nell'animo saldi saremo, come fate
          del biancospino, e allor più pronti ad
          affrontar le avversità del destino.
          Marta Emme
          Composta martedì 16 maggio 2017
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di