Scritta da: Marta Emme

Spiove

Per l'opposizione è prerogativa una
solida ricognizione e ripartir
mollando la frizione (attriti interni), per
seguir di quel contratto (di governo)
tutti i punti di cucitura (tra M5S e
lega) e di sutura (famoso piano B su
uscita Europa) nella loro applicazione in
una futura dimensione. Infatti coi soliti
proclami (promesse) non si superano
gli esami e i cittadini non sono dei
salami! Vogliono avere libere le mani
(voto) per stracciar, se serve, dei nuovi
governanti, i folli piani (le non
coperture). Solo così la spioggia* cade
e rinfresca, tra i filari di alberi, le
strade (idee); e tutto ciò è quanto, qui,
in "Italia made".

*spioggia: è il gocciolamento che cade dagli alberi appena finita la pioggia. Spioggia rappresenta il fascino dell'imprevisto.
Marta Emme
Composta sabato 2 giugno 2018
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Marta Emme

    Intelligenza miope

    Se, in quello, un grillo vuoi veder,
    aspetta almeno il canto per valutar
    cos'è; che senza occhiali (da
    miope), credi, si riduce il tuo saper.
    E se poi le lenti sul naso a fuoco
    metti, allor, nessuno più potrà farti
    stupidi giochetti (ingannarti), tanto
    per esser schietti schietti. E questa
    indicazione è per affermare che le
    cose a fondo si devono esaminare
    e in diretta propria (visione personale)
    è da caldeggiare, per poterle penetrare
    (comprendere). E farsi un'idea, infine,
    che sia almeno quadrimensionale,
    così che, per bontà sua, ti possa gli
    orizzonti spalancare. E non importa
    se non è sensazionale basta che di
    fattura sia, non di meno, temporale
    oltre che spaziale, che si possa
    insomma nel futuro proiettare.
    Correggere la vista quindi si può, e
    serve a non vedere il mondo da un
    oblò.
    Marta Emme
    Composta giovedì 31 maggio 2018
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Marta Emme

      Ritrovare il senno

      Il risultato elettorale, in modo
      puntuale (come era prevedibile),
      più di un leader ha fatto digerire
      male (per le vicende successive),
      financo a vomitare; ma, niente
      più di questo, c'è ora da
      recriminare. Unica è la morale
      che se ne può ricavare: mai più
      con questa legge elettorale, per
      pura logica, si deve andare a
      votare. Logica che, niente
      niente, qui è vista pur nella sua
      accezione stoica* (filosofia).

      *Nella Stoica, la logica è il procedimento del conoscere e dunque solo se il voto è utile (efficace a governare) la volontà del
      popolo si manifesta.
      Marta Emme
      Composta lunedì 28 maggio 2018
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Marta Emme

        Pungiglione

        Non chiedo niente che non mi
        possa dare, che non vuoi; non
        mi metterò a pigolare*
        (raccomandarmi), una ragione
        di certo me ne saprò fare. È
        che il tuo cuore per un attimo
        è svenuto* (ha perso il contatto
        con la realtà) e in quell'istante
        ti sei perduto. Non voglio da te
        ciò che non è compiuto* (non
        viene anche dal cuore), altrove
        saran rivolti attenzione e studio,
        sempre partendo dal mio
        semplice ma imprescindibile
        fiuto* (sincerità). Insomma, non
        voglio vivere, grazie a te, in
        formalina piuttosto cercar in me
        coraggio e stima.
        Marta Emme
        Composta lunedì 30 aprile 2018
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di