Scritta da: Marta Emme

Pericolosa ingenuità

Se in Europa non s'alzano i toni,
pur con fortissime contestazioni,
e lo vorrei dire ora a Gentiloni, è
dato per scontato che gli italiani
son tanto tanto buoni che si
prendon "quelli" * (clandestini e
richiedenti asilo) dei barconi; pur
il Papa ha i suoi testimoni. Per
Dio, questa gente si deve collocar
in tutti i paesi dove vuole andar,
senza in Italia neanche tappa far,
e ciò si deve subito realizzar
perché molto presto, qui, i diritti
umani non si potranno ottemperar.
Poi nessuno, ma proprio nessuno
si dovrà scandalizzar, cascando
dalle nuvole perché s'è fatto pollo*
(fesso) e come può volar! Così,
domani non avrà, quel che oggi si
sta facendo, valor di umanità.
Poi, per voler gli altri scimmiottar*
(ius soli), ci dimentichiamo che
tutto si deve contestualizzar; ed è
quando la realtà non si sa
interpretar, che solo dal lustro*
(onore che da) ci si fa abbagliar.
Marta Emme
Composta martedì 20 giugno 2017
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Marta Emme

    Acqua subitissimo!

    Desalinizzare, un impegno epocale
    e per lo sviluppo umano uno snodo
    centrale, perché dal mare siamo
    circondati, eppur, a morir di sete
    destinati. È una incongruenza
    da sanar con vera impazienza.
    La ricerca scientifica è la chiave,
    ma qui, nell'occhio, non c'è un
    fuscello c'è una trave. Con più
    di un telethon allor la si deve
    finanziare, con priorità assoluta,
    non si può indugiare. Perché
    il popolo da se stesso, soltanto,
    così, dalle mancanze della politica,
    si può affrancare. E questa è
    diventata legge in un mondo di
    chiassose fanfare* (partiti perdigiorno).
    Marta Emme
    Composta venerdì 9 giugno 2017
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Marta Emme

      Pubbliche opere

      Nel pubblico costruire, in quel che
      si va a investire, soffia il vento che
      parla di avvenire quando anche i
      pochi soldi son spesi bene e col
      senno di chi alla propria terra *
      (nazione) tiene, con oculata visione
      e priorità assoluta a gente che or
      o da sempre si trova sbattuta, non
      in opere futili che pur deturpan la
      natura. E alla faccia dell'esproprio*
      (dei terreni), lì* (terza corsia Firenze-
      mare), c'è chi* (autostrade per
      l'Italia S. p. A - regione Toscana -
      ministero ambiente) invece par
      abbia battuto la testa sodo*
      (svalvola). Perché è come un
      megafono, di ogni uomo, la vita*
      (parla a tutti), e allor vadano a
      spagliare* (fare altro) i politici
      che non l'han capita.
      Marta Emme
      Composta venerdì 2 giugno 2017
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Marta Emme

        Brexit

        L'Inghilterra è una snobbissima e
        nebbiosa terra, lì han la puzza sotto
        il naso così non è per caso che
        vedon, ciò che non conviene, così
        volgare da darsi alla fuga, per non
        farsi contaminare. Nell'Europa,
        del resto, stanno più in alto*
        (geograficamente), che per
        raggiungerli serve pur fare un
        incredibile salto* (Manica). Ma
        tengon la distanza perché
        l'immigrato non lo vogliono, in
        sostanza. Altro che antieuropeisti
        sono solo degli arrivisti, eppur son
        i primi responsabili* (inquinamento
        e sfruttamento colonie) di esodi
        mai visti. Che l'Europa valuti bene
        a fondo, quando va a saldare
        il conto* (l'uscita). Non si faccia
        tanti scrupoli che non siamo mica
        stupidi! Or tantissimo mi dolgo
        per la strage tremenda*
        (Manchester 24-05-2017), ma
        tutto ciò ha un senso, anche se
        non sembra. Perché in un mondo
        di deficienti a pagar son sempre
        gli innocenti.
        Marta Emme
        Composta giovedì 25 maggio 2017
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Marta Emme

          Accoglienza in patria

          L'accoglienza paga
          ma è ipocrita dir
          che non ingrassa la mala.
          Si faccia il bene di quella gente*
          portando lavoro ove vivono,
          là ove non c'è niente.
          Così si costruiscono veri ponti:
          con mirati interventi e utilissimi fondi
          e sempre facendo tornar,
          con lo sviluppo umano, i conti.
          Invece di illuder dei disperati
          che arriveranno a maledir pur
          ove son nati. Eppur ci sono
          ancora dei pirla che invece
          di contrastar la guerra vanno
          per il mondo a imbandirla.
          Marta Emme
          Composta domenica 21 maggio 2017
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di