Scritta da: Mariella Mulas

Nostalgia d'amore

Fui bene attenta
alla melodia,
seguii passo
per passo
ogni nota del cuore...
Affastellai ridenti
sensazioni
in echi di stupore,
raccolsi spume
d'azzurri liquidi
per ornare
d'infinito le distese.
E misi lo sguardo
dove più fulgido
l'orizzonte chiamava
la poesia...
Sapevo del canto memore,
sapevo del languore
che sosteneva il senso
dell'anima.
Chinai il capo
e la mia mano scrisse
l'armonia di una nostalgia
d'amore... per te.
Mariella Mulas
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Mariella Mulas

    Linguaggio d'amore

    Parlerò d'amore
    unico linguaggio
    congeniale al cuore...
    Parlerò
    per un brivido della mente,
    affaticata di silenzi
    o di fragori d'abitudine...
    Non ascolterò realtà
    del far polemiche
    a tutto tondo,
    non aspirerò a sollecitare
    potere a uno o all'altro,
    non conterò monete,
    né nelle mie tasche
    né in nessun'altra vuota o piena...
    Dedicherò parole all'amore,
    ne sono ricca ad ogni ora,
    Racconterò d'amore
    nelle carezze del sole,
    nei passi lungo vie,
    nei giochi della fantasia
    con tenere manine tra le mie...
    Alla luna e all'alba
    e con chiunque saprà
    dialogare come me dell'amore,
    insieme con frasi e cuore
    per star bene e sorridere
    ancora un po' d'occasioni,
    in questa vita,
    anche se talvolta patirà sol tradita!
    Mariella Mulas
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Mariella Mulas

      Vergine felicità

      Noi, qui, tra storie
      e sentimenti...
      noi qui,
      forti di dubbi,
      timorosi di certezze,
      noi, guardando ieri,
      affrontando oggi con fatica,
      sbigottendo per domani...
      eterno via vai
      tra sogni e realtà,
      tra attese e mete prossime...
      Noi qui, semplici individui
      che chiedono rifugio
      nello sguardo che comprende,
      che dialoga,
      che rinnega prepotenza,
      che conforta
      e da speranza all'esistenza
      che prosegue, spesso,
      con molteplici rese
      e delusioni ma soprattutto
      con l'inesauribile volontà
      di farcela a tutti i costi.
      Noi qui, per respirare
      e ricordare con dolcezza
      chi non c'è...
      Ma ecco che, ogni volta,
      quando una piccola vita nasce,
      ci riabilita di speranza,
      presto avvertita prediletta di bene
      e allora vivere è incontro meraviglioso
      che costruisce passi
      seguendo nei sentieri
      dei suoi limpidi innocenti occhi
      la vergine felicità!
      Mariella Mulas
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Mariella Mulas

        Essenze di sguardi

        Essenze,
        sguardi d'anima,
        volgo il tempo
        a indagare
        su scogli scoscesi
        se fessure
        offrono ripari.
        In me.
        E l'anima
        satura d'attese
        invita la parola.
        È voce,
        timido bisbiglio
        nei frastuoni
        debordanti
        rimpianti.
        Continua viandante
        al silenzio che ascolta,
        e trova nella chiusa penombra
        di una cappella
        profumo d'incenso
        per una preghiera
        che mitighi
        il senso ineluttabile
        del precipizio
        senza amore.
        Mariella Mulas
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Mariella Mulas

          Mi descrivesti l'anima

          Mi descrivesti
          l'anima,
          eleganti vesti
          di un incontro per caso.
          Ed io, taciturna,
          osservavo il tuo sorridere.
          Leggero approntasti
          la mia vita,
          e mi portasti su vette
          di sogni...
          Con tenacia andai nel tempo
          a ricercare sempre di te
          quell'attimo di fascino,
          trovai spesso orli scuciti,
          ma rammendai ogni delusione,
          ricamai fantasia,
          e tu, per caso,
          sorridesti di mie rughe d'amore
          usando vesti di parole
          eleganti di passato,
          e io così indossai
          i tuoi capelli bianchi
          come guanti a proteggere
          morbidi le nostre mani,
          ormai stanche.
          Mariella Mulas
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di