Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Mariella Mulas

Guardare oltre...

È destino...
La nuvola che passa
e si dissolve...
Forse non era suo il momento
per aggregarsi
e scuotere foglie di pioggia...
e il mandorlo
che sfida l'ultimo gelo
e s'appropria di raggi deboli
imponendo il fiorire dei suoi rami
forse è perché confonde l'effimero tepore
o forse s'inganna d'improvvisi terrosi umori. Guardare oltre...
oltre la mente
segni indefiniti di germogli
che s'incuneano in petali chiusi
apparentemente pronti a palpiti
d'inaspettate visioni... è desiderio.
E avverti solo magia... guardando
al di là del tempo
... che non è però il tuo tempo...
Ed è difficile e infelice poi il solito soffermare lo sguardo su addomesticate sensazioni.
Ma guardare oltre è anche,
per un interminabile attimo,
voler lasciare l'emozione
alimentarsi di sogni quasi reali
che accompagnano passi con un sorriso,
senza far caso che hai già iniziato,
nel medesimo secondo,
a dissolvere nel silenzio ogni illusione.
Mariella Mulas
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Mariella Mulas

    Amarti

    È stato facile... amarti.
    È stato tsunami di sensazioni
    Travolgente, senza ripensamenti.
    Ogni ostacolo infranto
    dal sorriso,
    che imbrigliava il tempo.
    L'emozione come febbre
    che allontanava realtà.
    Giorni di volo d'angelo
    su spazi immortali,
    anima che dondolava
    alle parole.
    Corse immaginarie sull'erba
    tra fiori sbocciati anzitempo
    per una primavera
    indifferente all'autunno.
    Mariella Mulas
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Mariella Mulas

      Ti cerco...

      Nel fiume del tempo
      ti cerco.
      Ti credo presente all'angolo
      del mistero,
      ti attendo fra sogni
      che vagano incerti
      e ascolto il mio cuore
      risuonante di antiche parole.
      Ti cerco percorsa da fragile follia
      in sentieri nascosti
      di luoghi inesistenti
      e tra foglie di un mandorlo
      che di fiori si veste.
      Ti guardo tra volti inventati,
      tra riflessi di risacche ridenti di gocce,
      in un cielo incupito che sorride
      beffardo al sole.
      E... mi rivedo come in un gioco di bimba
      che saltella ma s'allontana impaurita
      dalla penombra oscura
      e tra braccia d'amore scopre
      il solo rifugio dove un sorriso
      è lì sicuro e sincero nello sguardo
      e nel soffio del tuo respiro.
      Mariella Mulas
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Mariella Mulas

        ... Ed io

        Ed io ugualmente
        parlerò di te al cuore,
        continuerò a costruire fantasia
        per raccogliere istanti...
        come tenere dita che disegnano il sole
        sulla pelle
        e che s'intrecciano alle tue
        varcando ebbrezza di sensi...
        Ed io mi consolerò
        di parole che libere
        volano senza tempo
        poggiando emozioni d'amore...
        in un desiderio che si veste
        di sensazioni lasciate alle stelle
        e mentre la luna ascolterà nelle notti
        ogni sospiro d'amanti
        avvertirà anche il mio che languido
        ha sognato te.
        Mariella Mulas
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Mariella Mulas

          Canto

          Voglio cantare l'amore
          Voglio sentire fremiti...
          È viva in me l'emozione...
          Mi accarezza nei sogni
          Mi induce il sorriso...
          Voglio cantare l'amore
          anche se dorme
          anche se sulla nuvola del tempo
          viaggia lontano
          e le sue gocce bagnano solo
          sconosciute vie...
          anche se sguardi mai
          s'incontrano...
          Voglio cantare l'amore
          che vibra di sentimento
          anche se dorme,
          anche se è stanco
          anche se inutile
          conta i palpiti del cuore...
          voglio cantare l'amore
          voglio vestirlo di attesa
          come un primo desiderio,
          come l'attimo
          che credi eterno
          quando danzi,
          innamorata,
          tra braccia e voli... voli...
          in paradiso.
          Mariella Mulas
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Mariella Mulas

            E ti amo

            Istanti mi appartengono
            di te...
            Ricamano la mente...
            Scaldano il tempo
            di un pensiero...
            Istanti pieni di te
            ad ogni sguardo,
            ad ogni parola,
            ad ogni respiro...
            E ti amo nel mio silenzio
            e ti rincorro nei miei gesti
            e ti accarezzo nel mio cuore.
            Istanti come nubi
            che lasciano al sole
            illuminare giardini...
            risuonanti d'echi d'amore...
            Istanti dove note
            accompagnano frasi di sogni...
            Istanti unici per le mie labbra
            che sussurrano, ostinatamente,
            ti amo.
            Mariella Mulas
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Mariella Mulas

              Illuso pensiero

              Illuso pensiero
              stravolgi il ritmo
              e avanzi strisciante
              apparendomi reale
              in riflessi di specchi vitali...
              Mi guardo... non riconosco
              la luce essenziale.
              Vago inutile corpo
              in meandri di moventi
              avvinghiati nella mente
              di fredda obiettività.
              Impazzire non devo
              al gioco del destino
              che ha deciso
              la mia solitudine.
              Ma l'amore si offriva
              come salvagente
              ed era macigno
              per annegare
              nel buio di finte carezze.
              Illuso pensiero
              affonda anche tu
              con me
              ... sarà finalmente oblio.
              Mariella Mulas
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Mariella Mulas

                Guardami...

                Sorte guardami.
                Dimmi quando hai deciso per me.
                Non ti sei accorta dei miei silenzi...
                Non ti fa pensare la mia malinconia.
                Sorte guardami.
                Mi hai definito al primo fiato,
                hai colmato il mio tempo
                ponendo mance che non volevo.
                Hai ordinato le mie ore,
                i miei giorni,
                i miei anni.
                Cosa ho tra le mani
                se non quello che hai imposto
                al tuo viaggiare con te.
                E non so ancora del mio ultimo respiro.
                Sorte guardami
                Mi hai attraversato l'anima
                senza che io potessi
                dire fermati...
                Ed io sono qui umile al tuo volere.

                Continuo a sognare.

                E sono nubi che vanno e vengono.
                Pioggia che disseta campi
                o affoga insetti in solchi invasi d'acqua...
                Sole che scalda o scotta la pelle.
                Mare che risacca lievi spume
                o... onde inquiete

                Continuo a sognare.

                Sorte guardami
                Non ho incatenato a me chimere
                e sono volate...
                Non ho creduto ad illusioni
                e le inseguo inutilmente...

                Continuo a sognare.

                Tu questo solo hai concesso.
                Sogni, come bolle rifrangenti
                luci con parvenze di colori.
                Ma ad una ad una mostrano
                la fragilità all'aria pesante dell'impossibile
                che tu hai forgiato su misura
                al mio vivere.
                Mariella Mulas
                Vota la poesia: Commenta