Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Mariella Mulas

Pensiero di donna

Io,
identità di me,
donna
dalle mille sfere
rotolanti il tempo
che finisce,
dai mille solleciti
spazzati dal vento,
io mi chiedo
dove posso ricamare
sorrisi,
dove essi saranno sorrisi,
e non smorfie
della vita.
Guardo intorno,
e perplessa
ho disgusto del senso
del mondo,
gira all'incontrario,
per festeggiare morte.
Gira veloce,
staccando da sé
il domani
che immorale oggi
s'agita in menti
alla corruzione proni.
Io, donna,
piccola cosa pensante,
rifiuto l'arbitrio
feroce del maschio,
che in quell'angolo
decide chiuso,
rifiuto il sangue
che elargisce
con lame fendenti,
rifiuto l'egoismo
dei pensieri
che oltrepassino
la libertà.
Io, identità
amareggiata,
ma esaltata da spirito
d'amore,
voglio fermare il suo giro
sbagliato
in questo mondo,
voglio spazio pulito
a guardare
il tempo che non muore,
il tempo della vita amata,
il tempo della vita ritrovata
che con occhi
brillanti e lungimiranti
ritorni sicura in ogni identità
ed io, donna ormai stanca,
ne vivrò un attimo felice,
appagata e leggera,
poi con il mio destino
ritornerò un ultima volta
a ricordarmi di me.
Mariella Mulas
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Mariella Mulas

    Il mare m'ama

    Il mare m'ama,
    si veste d'azzurro brillante
    a intrigare sensi,
    fraseggia con piccole onde
    amanti di brezze
    per accarezzare
    il cuore.
    Rifocilla in me
    quel senso di stupore
    sempre nascente nel respiro
    e, in risacche melodiose,
    mi porta la sua voce
    che è cantilena
    di un ricordare antichi e
    nuovi passi sulla sabbia.
    Il mio mare m'ama
    accendendo i miei occhi
    con i suoi riflessi
    ed io, languida
    e innamorata
    perdutamente,
    mi lascio racchiudere
    chiusi gli occhi,
    nel suo limpido fluido grembo
    un'altra volta,
    embrione palpitante.
    Mariella Mulas
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Mariella Mulas

      Bevanda di felicità

      Vorrei un centro d'onde
      e tufferei il cuore...
      dolcemente cullata
      sin dove il sole tramonta
      o dove esso guarda
      di raggi suoi nascenti
      il confine dei monti...
      Vorrei luce
      su ogni spasimo nascosto,
      un po' di dolce golosa
      bevanda di sentimenti
      ad impiastricciarmi
      di maliziosa
      felicità... le labbra.
      Un buon giorno di un cielo
      che non guarda mai
      il mio silenzio...
      ma chiacchiera allegro
      con le ore che vivo,,,
      e solo così
      potrei anche morire
      ... ridendo!
      Mariella Mulas
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Mariella Mulas

        Amare... con tutto il cuore

        Amore,
        talismano della vita,
        in auspici continui
        d'emozione... intrigante,
        a volte persecutore di sogni
        pur cullati con attenzione
        e pur ugualmente fragili,
        ma sempre maestosi
        d'intensità.
        Amore,
        per sussurri al cielo,
        per carezze sfibranti,
        per sguardi dell'anima
        che ama di passione
        anche quando tutto
        appare perso,
        o testarda,
        per sostenere battiti
        in percorsi lunghi
        di mani strette,
        tra pellegrinaggi
        di passi sinceri
        occhi negli occhi.
        E quando lontano
        invece pone
        il suo segno invisibile
        sulla vita solitaria
        resta accanto
        quella sensazione turbante
        ogni rimpianto,
        d'aver amato,
        sempre,
        anche per un attimo,
        ... con tutto il cuore.
        Mariella Mulas
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Mariella Mulas

          Occhi di bimba

          Interrogo spesso
          occhi di bimba,
          so che risposte
          sono lì
          a ricordare vita.
          Ed io ridivento
          pura e ascolto
          incantata,
          e m'addentro
          in un regno dove
          tutto è fantasia
          e nello stesso attimo
          logica
          e sorrisi e bronci,
          e passeggiate e corse,
          in meraviglie di scoperte,
          e sono tangibili quegli attimi
          di tempo
          che, di malizia,
          non contamina mai
          il cuore...
          e anche se
          il buio, a volte,
          è mostro nelle sue notti,
          un angelo materno
          accarezza sempre
          la sua fronte
          che ride ricordando giochi.
          Mariella Mulas
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Mariella Mulas

            Ti lascio un bacio

            Ti lascio un bacio
            e solo il cuore
            saprà il suo valore...
            Ma si può accostare
            a un battito d'ali
            di una farfalla innamorata
            sul fiore,
            o all'esultanza
            nel saluto del bimbo
            che si arrampica sul suo ritornato
            amato papà...
            Si può avvicinarlo,
            intenso di gioia,
            a quel sorriso stupito
            rivolto ad un amico
            o carissima amica,
            mai scordati,
            improvvisamente risentiti
            a ricordare
            avventure o emozioni.
            Ti lascio un bacio
            e se vuoi
            potrai anche ritrovare
            qualcosa di me,
            i miei sogni,
            la voglia di abbracci,
            la tenerezza coltivata
            come germoglio
            da riconoscersi sempre visibile
            in ogni prato
            dell'anima.
            Ti lascio il mio bacio
            e solo il cuore
            rafforzerà il suo senso,
            che forse capirai
            e conserverai,
            compiuto di un ricordo
            pure quando il mio sipario
            sarà abbassato infine stanco
            sullo spettacolo recitato dalla vita.
            Mariella Mulas
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Mariella Mulas

              Il sorriso del cuore

              Transumanze
              di riverberi di pensieri
              tra luna e anima
              in un cercare punti di stelle
              ad interrogare
              sospesi indizi...
              e piano quell'esplorare
              scruta ogni dimensione,
              elenca percorsi possibili
              per arrivare
              posata nel tempo
              dove tutto si svolge,
              pur definito,
              tutto sfugge,
              pur conscio di ambita meta.
              E limiti, alla fine,
              poni a richieste
              e fai mille volte resoconti
              di ciò che tangibile
              è nella tua vita...
              Così, lasci solo ai sogni
              continuare viaggi
              astratti
              dove solo il cuore
              sa di poter sorridere.
              Mariella Mulas
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Mariella Mulas

                Scale d'infinito

                Non ho linee
                per marcare viaggi oltre,
                ho solo idee di miraggi...
                Edere sospinte
                in scale d'infinito
                all'ascolto di voci
                su nell'invisibile preludio
                di suoni stellari.
                Non ho sempre chiare visioni,
                quelle sì, poiché sono discrete
                in ogni apertura di sensazione turbata.
                Ho però sopiti profumi
                che rincorro di estati,
                al suono di un mare cantore
                di abissi tra fruscii
                di delfini che si perdono
                e si ritrovano, s'inseguono
                e si lanciano per arrivare
                lassù dove onda è raggio di Dio.
                Non ho luci accecanti
                per sobbalzare del buio dell'anima.
                Ma sosto spesso alla luce fioca
                di luna trasparente,
                fissa su stelle ammutolite
                ancora da nuvole impazzite d'acqua
                che annebbiano il loro palpitare,
                ma io con loro, agito la voglia
                di detergere gocce da gote...
                e mi arrampico su edere
                appoggiate a scale d'infinito
                a baciare di sorrisi
                punte di solitudine.
                Mariella Mulas
                Vota la poesia: Commenta