Scritta da: Mariella Mulas

Il dolore (per non dimenticare...)

Ah gioventù d'oggi,
in un cambio generazionale
di volti
che non hanno memorie...
Eppure scorre sempre
in questa umanità
il dolore...
In ogni luogo della terra
ove è sempre pur presente
la serpe del male
che induce simili a odiare simili,
e a voler cancellare
l'esistere di uomini con uomini,
donne con donne,
bimbi con bimbi...
E dove ha origini il massacro
ancor più menti deformi
predicano morte...
Ah gioventù d'oggi,
inebriati da falsi idoli
di superiorità d'intenti...
come giochi virtuali
unite la maestria del bullismo,
e incalzando ore
di rivitalizzate prepotenze,
urlate il disprezzo di genti,
come vittoria di una coscienza
che non ha coscienza e né sa
cosa fu e cosa è il vero Dolore...
quel Dolore delle Memorie
di un Popolo innocente,
cancellato per delirio
di onnipotenza
e che voi decantate
come drogante baldoria
da bar, rivisitata dal vostro tempo
senza visioni di guerre
e di morti inconsapevoli.
Mariella Mulas
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Mariella Mulas

    Quel bacio

    Avrei voluto
    solo un bacio,
    Quel bacio
    che emoziona
    storie di sentimenti.
    Poteva rallegrare
    cuore, far brillare occhi,
    far ridere all'impazzata
    di un allusivo significato
    impresso su incredule
    labbra.
    Avrei voluto far
    riecheggiare quel battito
    che solo romantico,
    riconosceva i segnali
    di un amore che crescendo
    nominava te in ogni sospiro...
    allora incantato dalle illusioni
    di un sogno che ora
    non c'è più!
    Mariella Mulas
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Mariella Mulas

      Per caso sussurro amico

      Soffermate sempre
      sguardo in sguardo
      per caso incrociato...
      E se colpisce di sincerità
      cercate l'espressione
      della vita...
      È necessario come
      osservarsi riflessi...
      Si potrà forse capire
      se diverrà dialogo
      o silenzio dell'anima.
      Si riuscirà forse così
      a cogliervi l'aria sorridente
      o lontana dai colori
      ammorbidenti linee
      ritratte meste.
      E quegli occhi diverranno
      racconti d'identità,
      pure se ancora sconosciuta,
      ma che infine
      se un sorriso e un saluto
      nasceranno spontanei, allora,
      con un sussurro già amico,
      sentire forse si potrà:
      - Ciao mi chiamo amicizia...
      e tu come ti chiami? -.
      Mariella Mulas
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Mariella Mulas

        Scrivimi...

        Scrivimi...
        meglio che udire solo suoni
        di parole fuggenti.
        Potrò invece fermare emozioni
        negli occhi,
        per consegnarle al cuore,
        con sillabe di tenerezze...
        scrivimi di te,
        non intimidire pensieri...
        io porrò attente orecchie
        nello sguardo leggente,
        e labbra saranno
        a baciare pensieri.
        Non allontanare ricordi,
        userò le tue frasi
        come fiori di un giardino
        curato, cullato dalle mani
        della natura spensierata.
        Scrivimi, e la mia solitudine
        giacerà infine addormentata
        in zolle di essenze di gioia.
        Mariella Mulas
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di