Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Mariella Mulas

Mamma ti amo sempre ovunque sarai

Mai distanze ti separeranno da me
Anche nei percorsi del destino
Mia ancorata dimora di grembo, tu
Mio essenziale traguardo di vita, tu
Amandoti per ciò che sei
Tu che hai dato anima semplicemente
Insieme ai tuoi pensieri
Al tuo desiderio del mio sorridere sereno
Musa tu delle mie ancestrali verità
Ovunque hai cresciuto spazi e mente
Seguendo io te sullo stesso binario
Eventi di esistenza accanto piano maturata
Moltiplicando ragionamenti del cuore
Portando tu silente pesi dolenti celati d'ansia
Rovistando segreti e misteri del tempo
Esplorando soluzioni risolute
Origliando tu le mie tristezze
Vociando però forte il coraggio e la volontà dei prosegui
Unendo tenacemente speranze
Nutrite dalle tue parole materne
Quando a volte abbandono io orizzonti
Unica tu a disegnare ugualmente il sole
Eremo non più scorto solitario
Svelato radiante luminoso dai tuoi occhi in me
Ancora con carezze del primo bacio
Respiro che colgo sicuro come in quel remoto vagito
Annusando così tra fiori il tuo esistere amato
Invincibile ed eterno profumo di rose d'amore di te.
Mariella Mulas
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Mariella Mulas

    L'essenza del desiderio d'amore

    Il desiderio,
    come lucertola
    attende calore...
    immoto
    su pietre d'illusioni
    fissa attimi
    e minuto dopo minuto
    insinua
    il suo esistere...
    Guarda visioni
    poste in angoli muti,
    cerca ansiti
    in immagini
    che il vento
    trasporta
    in scorribande
    di misteri...
    accoglie il sorriso
    se il cuore
    apre il suo tempio
    di oracoli
    che di parole d'amore
    plasmano
    l'essenza sua vitale.
    Mariella Mulas
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Mariella Mulas

      Dov'è l'amore...

      Dov'è... dov'è l'amore...
      Ditemi.
      Qualcuno ne ha parlato,
      magnificato,
      esaltato...
      Dov'è... dov'è l'amore...
      Qualcuna l'ha anche sfiorato,
      l'ha scortato,
      forse visto poi rotolare
      come perla saltellante, là,
      perdendosi
      sotto l'armadio dei vestiti
      dismessi.
      Dov'è l'amore...
      Ditemi...
      Travestito negli occhi,
      insinuato nell'anima,
      appeso su labbra,
      invaghito nella mente.
      Ditemi.
      vaga su un arcobaleno,
      goccia improvvisa di nube
      o si confonde nel tramonto.
      E'alba o
      fulmine di temporale...
      È spaventato, timido,
      imbarazzato,
      o suadente celato
      tra iridi boreali
      che rincorrono effetti di luce
      a esplodere ardente?
      Dov'è l'amore...
      E cerco ancora fermagli
      impreziositi d'emozione
      ad appuntare pronta
      il suo rinomato sospiro
      quando fuggente va
      dove il mio cuore
      proprio non sa.
      Mariella Mulas
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Mariella Mulas

        Mi descrivesti l'anima

        Mi descrivesti
        l'anima,
        eleganti vesti
        di un incontro per caso.
        Ed io, taciturna,
        osservavo il tuo sorridere.
        Leggero approntasti
        la mia vita,
        e mi portasti su vette
        di sogni...
        Con tenacia andai nel tempo
        a ricercare sempre di te
        quell'attimo di fascino,
        trovai spesso orli scuciti,
        ma rammendai ogni delusione,
        ricamai fantasia,
        e tu, per caso,
        sorridesti di mie rughe d'amore
        usando vesti di parole
        eleganti di passato,
        e io così indossai
        i tuoi capelli bianchi
        come guanti a proteggere
        morbidi le nostre mani,
        ormai stanche.
        Mariella Mulas
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Mariella Mulas

          Ti voglio bene

          Quante volte
          tre parole
          possono essere
          un fiorir di sensazioni
          che nutrono di vibrazioni
          e danno senso dello sguardo
          di chi ami.
          Quanto è profondo
          avvertire essenziale quel sentimento,
          intenso, che s'allunga
          tra le vene e scorre
          a far sobbalzare il cuore.
          Ti voglio bene...
          del piccolo al risveglio
          e nel richiamo lungo la sua notte misteriosa,
          della madre stanca
          di battaglie quotidiane
          che ti guarda
          la tristezza ma che
          ti consola forte di futuro.
          Di un padre forse a volte burbero
          che poi ti porta alle stelle.
          Ti voglio bene...
          di una nonna che
          non riconosce il suo tempo
          per sorridere di sogni
          ma che vede sempre verdi nei tuoi.
          Dell'amante nell'abbraccio
          per rincorrerti di tenerezza
          prima della passione.
          Ti voglio bene
          di un amico che ha
          simpatia e calore nelle tasche
          in abbondanza,
          dell'amica, sorella di confidenze
          mai trattenute di risate, alla fine.
          Ti voglio bene
          anche nell'umido muso
          di un cane e di un gatto
          che ti sfiora un attimo
          come a dirti... coraggio.
          Ti voglio bene...
          Semplici e uniche parole
          per decifrare la vita di speciali momenti
          consapevole che esisti amata
          in chi amerai sempre.
          Mariella Mulas
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Mariella Mulas

            Ho amato parole

            Ho amato parole.
            ... e le ho udite come voce
            che calda sospirava un sogno...

            Ho amato frammenti
            che come bagliori
            hanno reso visibile l'invisibile.

            Ho amato domande
            che non cercavano risposte...
            Le ho lasciate all'orizzonte
            a confondersi nel mistero.

            Ho amato la malinconia
            che ricamava fili
            di languida vaghezza
            nel mio cuore...

            ho amato l'apparenza
            di un respiro che avrei catturato
            per amare di passione
            anche un'ombra...

            ho amato il silenzio
            che mi portava a riconoscere
            quelle parole che pian piano
            avvolgevano solo di poesia.
            Mariella Mulas
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Mariella Mulas

              Tempo d'autunno

              Autunno,
              mani bronzee,
              carezzevoli
              di albe già
              annebbiate
              da nubi che gonfie
              si scontrano con primi raggi
              nascosti...

              e il vento guarda
              rami e
              impaziente corteggia già
              di foglie al volo
              desolato...

              Appare misero
              in autunno, ora,
              quel colore che fu
              abbagliante nei mesi
              di riflessi limpidi
              tra boschi risuonanti
              scampagnate ardite
              o di un mare
              invaso da risate e giochi.

              Ma è solo pausa
              accudita di silenzio di passi
              per indurre stanchi arbusti ingialliti
              a rigenerare di verdi trifogli
              poi campagne
              e... di arenili
              lasciati solo amoreggiare
              in carezze solitarie
              di risacca.

              ... e il tempo d'autunno
              s'accosta prodigo
              ai quei richiami di riposo
              e di sonnolenti bisogni
              di terra
              che timorosa di geli
              ha in seno promesse di germogli
              che attendendo, certi,
              voce tiepida d'amore.
              Mariella Mulas
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Mariella Mulas

                E continuerò

                Attraverserò sentieri
                anche se s'inerpicassero, sempre
                più impervi, su monti...
                basta che tu stringa la mia mano
                per avvertirmi
                di dirupi sibillini.
                Attraverserò ghiacciai...
                sarò scaldata
                dal tuo sguardo
                mentre ci abbracceremo
                avvolti di bianco accecante
                o da nero pungente della notte
                glaciale.
                Proteggerai i miei occhi
                dal riverbero delle ansie
                con i tuoi carezzevoli.
                ... e continuerò a ridere d'amore
                mentre ascolti stupito
                le mie fantasiose parole
                e seguirai sorridente
                i miei passi sicuri di te
                in questo semplice nostro giardino
                mentre a volte maldestri
                ma sempre uniti
                coltiviamo la vita del tempo
                tra fiori fragili appena sbocciati...
                Mariella Mulas
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Mariella Mulas

                  Come un sogno

                  Ho sospirato
                  notti buie che più veloci
                  s'imbiancassero d'alba...
                  ho cercato luce
                  che portasse chiarore
                  nei pensieri...
                  Come un sogno
                  ho attraversato spazio mentale
                  che ha fermato il tempo
                  e vi ho ritrovato quei primi sorrisi,
                  quelle prime timide parole
                  al gioco ridente di echi
                  lasciati vagare alla brezza
                  di un'età che non evocava passato...
                  Ho lasciato orme
                  ... ricordo
                  sulla quella sabbia
                  che solleticava i nostri corpi
                  e che tra mani poi, impazienti,
                  scivolava su ogni momento di sensualità
                  tra spruzzi di mare accogliente...
                  Come un sogno
                  ancora m'incanto ai flussi dell'onda
                  che intona sempre lo stesso canto
                  e mai stanca del suo disperdersi in gocce
                  ... solo lei ignara e indifferente
                  della nostalgia.
                  Mariella Mulas
                  Vota la poesia: Commenta