Scritta da: FRANCO PATONICO

Garbin'

St' vent' ch' c(e) fiara
ogg(i) par' ch' t' sciagatta;
gi s' suda a nun fa gnent'
e s'appicciga la pell'.

'L sol' com' 'l fog,
ch' scotta e brugia l'aria
e invell t'arpara l'ombra
da sta luc(e) ch' t' accega.

'l garbin increspa 'l mar'
e la sabbia ch' 'n v(e)llut',
ma s(i) vultass' da l(e)vant
la busa 'n po' c(e) sciora.

Garbino

Questo vento che ci bruciacchia
oggi pare che ti leva il fiato,
gi si suda a non far nulla
e si appiccica la pelle.
Il sole come il fuoco
che scotta e brucia l'aria
e in nessun posto ti ripara l'ombra
da questa luce che ti acceca.
Il garbino increspa il mare
e la sabbia che un velluto,
ma se girasse da levante,
la bava di vento un po' ci rinfresca.
Franco Patonico
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: FRANCO PATONICO

    La moj va in vacanza

    La moj va in vacanza

    p (e) ppacc (e) ' ' 'n migragnos'
    cunosc (e) sol'la fatiga
    e 'na giurnata d'ripos'
    n'la cunc (e) pisc (e) miga.
    Quant'magna sgulfanat'
    e i piac'n'po' tropp''l vin'
    e subit'dop'ch'ha magnat',
    fa giust''n paluginin'.
    La bella moj, ch'nun trolla
    ogni tant'suspira e sbuffa.
    Sa la parananza sempr'molla
    s'd da fa, ma dic (e) ch' stuffa.
    "Stann'giria a fa l'vacanz'
    p'cura st'mal'd'schiena
    a sta chiusa nt'd stanz'
    marit'mia 'na gran pena."
    "In vacanza manch'a p (e) nsacc (e)
    c (i) 'avem''n sacc'd'faccend'
    com'pensi te d'andacc (e)
    e po' in d, quant's'spend!"
    "P (e) ppacc (e) ' fa com't'par',
    io c'(i) 'ho propri 'n gran bisogn'
    e s (e) n't piac (e) a g giu 'l mar'
    da p (e) r me, nun m'v (e) rgogn'.
    E po' n'spend'manch''n bocc':
    v a durm da mi fratell'
    'nd magn'anch'a scrocc'
    se i guard'ma ch 'l munell'.
    Io ' t'aspett'fra sett'giorni
    a s-nigaja, dria marina;
    e nun fa ch'po' t'artorni
    s (e) n't'fa l'aria fina.
    E p (e) ppacc (e) fa quel ch'pol',
    'i c (e) vol'la pazienza;
    la moj stavolta l'lascia sol',
    ma 'i ha rimpit'la cr (e) denza.
    E tra gira e smusina,
    passa 'l temp'com''n lamp'
    e la dumennica mattina
    lascia g 'l lavor'd'l camp'.
    I d s'artrov'n'a la Rutonda
    'nd sapem'c' l'atmusfera
    c''l silenzi rott'da l'onda
    fin'a quant'n'vien'la sera.
    " Chiss se te t'arcordi
    da quant' ch 'n'fai l'amor ",
    " Ma c fai ad m'mordi!
    C t'ha pres'... c vai in calor?"
    " Dai p (e) ppacc (e) n't'fa ved'"
    'i dic'la moj imbarazzata,
    e n's'enn messi manch'a sed'
    ch''na guardia s' f (e) rmata.
    " m'sa ch''l fat'p (e) r dispett'
    c (e) vol''n po' d'educazion'
    'na stimana ch'v'l'ho dett'
    ad v'fo cuntravv (e) nzion,"
    " 'n mument'vigiless,
    iera stav'da 'n'antra part',
    s arrivat'propi adessa
    e com'so 'nut', ad arpart'."
    " Gi, s'ved'ch'v (e) n da fori,
    n' p (e) r v, e p'sta signora:
    ma troppi omi fa i favori,
    s (e) vo 'n f gnent'... lia lavora!"
    Franco Patonico
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: FRANCO PATONICO

      'N guadr'd'autor'

      'L pi bel guadr d'casa mia 'na finestra,
      quella ch'guarda vers "l mar'
      e ch'sol sal sol s'colora.
      Spess'la mattina'l ciel' rosa e c (e) lest'
      e la sera, a l (e) vant', buta sul turchin'
      sa qualch'sbaff d'ross'e d'arancion'.
      E anch" l mar fa la part'sua:
      s' calm' cangiant', tra'l grig (i) e l'azur
      e par d'madr (e) perla,
      ma quant' moss'diventa verd',
      rigat'da l'ond'ch's'fan'la fuga.
      Al largh'l ciel' ner'da mett'paura
      e all'urizzont'sal mar's'cunfond'.
      A riva invec (e), la curent'ch'smov'la sabbia
      fa'n turbidon'e'nd l'onda lascia la batigia
      su la risacca c (i) arman'na buffa bianca.
      Po' vien'la nott'e, sal temp'bon,
      anic s'fa scur'e sil (e) nzios'.
      Sul ciel balugina'na stella
      e in mar'c''l lum'd"na batana
      ch'va lenta e leva i rem'
      v (i) cin'al s (e) gnal d'ogni nassa.


      Il mare, mutevole elemento,
      a volte calmo, altre mosso e
      burrascoso offre lo spunto
      al pittore di riprodurre in tela
      i molteplici aspetti...
      e chi ha una finestra con vista
      al mare pu vantarsi di
      mostrare un quadro che non
      mai lo stesso e capace di
      emozionare ogni volta.
      Franco Patonico
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: FRANCO PATONICO

        L'ottimista

        L'Uttimista
        Foss'vera com'c (i) 'arconta
        chi al guvern'e c (i) cunsola,
        ma la gent'nun tonta,
        e gi pensa ch''na fola

        Chi c (i) 'ha sol "l ventisett'
        e duvr sbarc'l lunari
        ogg (i) giorn's'p p (e) rmett'
        giust'quel ch' n (e) c (e) ssari.

        " 'l mal nostr' nt la testa
        c' bisogn'd'uttimism',
        fra d giorni sar festa
        e chi l'armedia 'l consumism'."

        'l dic (e) chi c (e) cumanda
        e'l ripet'anch" l giurnal':
        chi po' fa la dumanda
        p'la tess (e) ra pustal'.

        Anch'quel ch'p'natura
        sempr'stat "n uttimista,
        'n c (i) 'avr miga paura,
        n'ha da fa la faccia trista!

        Io n'vurria pass da matt'
        s (e) ho cumprat" n t (e) l (e) visor',
        bel gross'e ultra piatt'
        e ad so anch'io'n d (e) bitor'.

        Ma dal giorn'ch'l'ho acces'
        tutta'n'antra sinfunia:
        la borsa cala e'l Pil sces'
        e la finanza in agunia.

        Dai curagg (ie) uttimisti!,
        si n'av anc cumprat',
        quest''l temp'di acquisti,
        pagarem'dop'a rat'!

        Chi cummercia fa a fidass',
        c' la crisi ch' mundial'
        i up'rai'na mucchia a spass'
        e anch'l'America va mal'.

        C (i) 'arman sol'la sp (e) ranza,
        ch'la migragna n'p dur,
        s (e) 'l guvern'n'c (e) finanza,
        sol"n sant'la po' cur.

        E po' ho dett'ma mi moi:
        chi sta a galla e chi va sotta,
        'nt st'mond'voi o nun voi,
        chi ha d'av... lassa ch'fiotta!
        Franco Patonico
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di