Questo sito contribuisce alla audience di
Scritta da: FRANCO PATONICO

Ch' 'l diaul d'Dringulin (Quel diavolo di Terremoto)

Ch' 'l diaul d'dringulin

l'ser'dop'cena,
d'invern'sotta l'fest',
gì a lett'pareva prest'
e s (e) nonna era in vena
d'arcuntacc (e) qualca fola,
tutti a sed'sopra la rola.
Nisciun d'nò fiatava
e c (e) bastava cusì pog'
p'sta svegghi intorn'al fog'.
E nonnna cò arcuntava?
Com'tutt'l'altr'ser',
tirava fora l'om'ner'.
"Sent'i coppi sopra 'l tett':
sa sta piova e sa st'vent'
sarà 'na nott'da spavent'!
E s (e) po' tr (e) mass' 'l lett',
n'avè paura sa ninin,
è ch' 'l diaul'd'dringulin',
ma nò sem'siguri.
Piuttost', vò stasera
arcudevv'la pr (e) ghiera".
E com'lia arbatteva i scuri,
'l men'troll'd'nò era gitt'
già a lett'zitt'zitt'.

Immagini con frasi

    Info

    Scritta da: FRANCO PATONICO
    Riferimento:
    Poesia in dialetto senigalliese.

    Commenti

    1
    postato da , il
    Ancora oggi non riesco a capire perché le nonne di una volta raccontavano sempre brutte favole...

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:7.00 in un voto

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti