Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: FRANCO PATONICO

Dov'è la pace?

Dimmi papà, dov'è la pace,
perché l'uomo non è capace
di andare d'amore e d'accordo
e si dimostra così sordo
di fronte a cotanta povertà
e al bisogno di libertà?

La pace, figlio, sta nel cuore,
lei si compendia con l'amore
e con i buoni sentimenti,
non potrà esser altrimenti.
Vedi, ogni giorno se ne parla
e vorrebbe ognuno cercarla

nella casa del suo vicino,
ma tien l'arma sotto il cuscino.
Per me il problema è solo questo:
se l'uomo fosse un po' più onesto,
con la mano sulla coscienza,
ma non vuol rimanere senza:

lui combatte per la ricchezza
che gli dà tanta sicurezza.
Si può vincere la povertà
se ci fosse solidarietà.
San Francesco l'ha predicato
lodando Dio ed il creato.

Ma qui c'è ancora chi è cattivo
e finché questo sarà vivo
per noi c'è solo la speranza
di un po' di pace e tolleranza,
anche se poi, su questa terra
c'è sempre chi vuol far la guerra.
Franco Patonico
Composta giovedì 30 maggio 2013
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: FRANCO PATONICO

    Quando si è persa l'anima

    Tu, alawita siriano,
    rinneghi il fratello
    e senza ritegno
    rovesci l'involucro
    della tua coscienza.
    Mostri al popolo,
    senza pudore,
    le tue interiora,
    mentre l'anima tua
    viene rapita
    dai conati di fumo
    vomitati da Aleppo
    e dalla regale Damasco.
    Il tuo seggio
    è un trono di pietra
    grondante di sangue,
    che fluisce dal tormento
    delle tue brame.
    Logoro è lo stendardo
    che resiste al vento
    della shari'a,
    ma si piega lo stelo
    della tua dinastia.
    Bashar al-Asad,
    domani il tuo esercito
    sarà terracotta,
    sepolto tra le macerie
    di una misera storia.
    Sarà allora
    che il viandante siriano
    ritroverà l'antico destino
    tra la sua gente
    non più prigioniera
    del lungo silenzio
    e la seguirà
    nel suo nuovo cammino.
    Franco Patonico
    Composta mercoledì 22 maggio 2013
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: FRANCO PATONICO

      La luce della luna

      La luc d'la luna

      Io t'guard, oh luna piena,
      te n'sei miga com"l sol',
      c' hai'na luc ' ch'rass. rena,
      lù, invec', propi n'vol'

      ch's'usservà senza ucchiai
      e, si c prov', quell'm'cega,
      ma sa te n'succed'mai,
      la b. lezza tua n's'nega.

      Adè t'ammir'incantat'
      e m'par'da ved'ch'l vis'
      ch'da sempr'ho immaginat'.

      Luna m'argali'n surris'
      sa l'illusion'd'ess'stat'
      do' s. condi in paradis'.

      Traduzione:
      La luce della luna

      Io ti guardo, oh luna piena,
      tu non sei mica come il sole,
      hai una luce che rasserena
      lui, invece, proprio non vuole

      che si osserva senza occhiali
      e, se ci provo, quello mi acceca,
      ma con te non succede mai,
      la bellezza tua non si nega.

      Ora ti ammiro incantato
      e mi pare di vedere quel viso
      che da sempre ho immaginato.

      Luna mi regali un sorriso
      con l'illusione di essere stato
      due secondi in paradiso.
      Franco Patonico
      Composta domenica 7 aprile 2013
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: FRANCO PATONICO

        Ieri, oggi e domani

        S' ier',  e duman,
        invec d' tre parol'
        ch' s'us. n' p. l temp'
        s' pudess. r' aduprà
        p. r bev' e p, r magnà,
        al sup. rm. rcat'
        c' saria sempr' la fila
        p. r capà 'i giorni mej.

        'L passat' è com 'l vin':
        s'è vecchá 'ha valor'
        e nt l'etichetta c'è stampat'
        l'ann' ch'è imbuttjat;
        'l pr. sente è com' 'l pan',
        cott' e sfurnat'
        e l futur' è 'n bell' ov
        sa drenta 'na surpresa.

        Chi pia l'ov' è fiducios'
        e nun vol' d. lusion';
        foss' finalmente'
        qualca suddisfazion'!
        Già, p. rché 'l futur'
        è com' 'n tern' al lott'
        dipend' dal d. stin
        ch' l'ha surt. ggiat'.

        Invec' 'l pr'sent',
        ch' saria 'l filon d' pan',
        si armann nt la cr. denza
        pudrebb' pia d' muffa.
        Li stess succed' ma 'l vin'
        si n'è ben cuns. rvat'
        sigura s'infurtisc'
        e serv' sol p. r cucinà

        Se 'l vin' è duv. ntat' acet'
        l' ov è andat' a mal''
        e 'l pan' s'è muffit',
        magari avem' sbaiat'
        a gì al sup. rm. rcat'.
        L'unica suluzion'
        è campà ogni giorn'
        senza curr dria ma 'l temp.

        P. rché 'l temp' n' s'compra
        e manch 's ' po' arvend';
        com 'l pan' s' cunsuma,
        e ognun' sa com' spend'.
        Sp. ram' ch' duman'
        la pulittica gambiass
        e d'l temp' ch ' arman'
        n'  faran' pagà l' tass'.

        Traduzione: Ieri, oggi e domani
        Se ieri, oggi e domani invece di tre parole che si usano per il tempo si potessero adoperare per bere e per mangiare, al supermercato ci sarebbe sempre la fila per scegliere i giorni migliori.
        Il passato è come il vino, se è vecchio ha valore e nell'etichetta c'è stampato l'anno che è stato imbottigliato. Il presente è come il pane, cotto e sfornato e il futuro è un bel uovo con dentro la sorpresa.
        Chi prende l'uovo è fiducioso e non vuole delusioni; ci fosse finalmente qualche soddisfazione!
        Già perché il futuro è come un terno al lotto, dipende dal destino che ce l'ha sorteggiato. Invece il presente, che sarebbe il filone di pane, se rimane nella credenza potrebbe prendere di muffa. Lo stesso per il vino, se non è bene conservato sicuro si inacidisce e serve solo per cucinare...
        Se il vino è diventato aceto, l'uovo è andato a male e il pane si è ammuffito, magari abbiamo sbagliato ad andare al supermercato. L'unica soluzione è vivere ogni giorno senza correre dietro al tempo.
        Perché il tempo non si compra e neanche si può rivendere, come il pane si consuma e ognuno sa come spendere. Speriamo che domani la politica cambiasse e del tempo che ci rimane non ci faranno pagar le tasse.
        Franco Patonico
        Composta martedì 13 novembre 2012
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: FRANCO PATONICO
          Ch' turment' sta finanza!

          'L pr. sident', ch s'intend' d' finanza,
          ha dichiarat' ch' l'Italia c (i)' ha sp. ranza
          e anch' la Grecia nun andrà più a fond'.

          La G. rmania, sa la Merkel i rispond',
          ch' i debiti nun dev. n' aum. ntà
          e qualch'altr' sagrifici s'ha da fa.

          P. r Esopo o Fedro saria 'na bella faula:
          'l ricch' cumanda e 'l por can' s'incaula.
          V' ricurdè d' la cicala e d. la furmiga?

          A st' mond' c'è chi canta e chi fatiga.
          Io n' so' s'è mei, sa tutt' st' scunquass',
          mett' i soldi sotta 'l mat. rass',

          oppur a fa 'n bell' inv. stiment
          e sp. rà ch' passa prest' st' mument'.
          Ade' p. r no' è propi 'nuta l'ora

          d. fa do' conti p. r v'nin' fora.
          Io poss' di' d' n' guardà ma Neno
          ch' l'inv. stiment' l'ha fatt' sotta 'n treno.

          Traduzione: Che tormento questa finanza!
          Il Presidente che s'intende di finanza, ha dichiarato che l'Italia ha speranza e anche la Grecia non andrà più a fondo.
          La Germania, con la Merkel, gli risponde che i debiti non devono aumentare e qualche altro sacrificio si deve fare.
          Per Esopo o Fedro sarebbe una bella favola: il ricco comanda ed il povero cane si incavola.
          Vi ricordate della cicala e della formica? A questo mondo c'è chi canta e chi fatica.
          Io non so se è meglio, con tutto questo sconquasso, mettere i soldi sotto il materasso oppure fare un bel investimento e sperare che passi presto questo momento.
          Adesso per noi è proprio venuta l'ora di far due conti per venirne fuori.
          Io posso dire di non guardare a Neno, che l'investimento l'ha fatto sotto un treno.
          Franco Patonico
          Composta martedì 28 agosto 2012
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: FRANCO PATONICO

            In vacanza con la crisi

            So andat' stamattina,
            giust' p' 'n mument',
            a spass' dria marina
            e ho vist' tanta gent'.

            Cert' ch' machì d' fora
            'l sol' scotta e s' boll'
            e fan' propi ben lora
            a sta tutti quanti a moll'.

            'l mar' è 'na d. lizia:
            è 'n brod', ma è pulit';
            questa è 'na duvizia
            p'r chi ogg (i) l'ha capit.

            Si guardam' ma la spiaggia,
            adè in piena stagion',
            chi faceva la gaggia
            ha sbaiat l' pr. vision'.

            Dic (e): "E' crisi dapp. rtutt'
            e l' spees' ènn più car';
            quest' è 'n ann' brutt'
            addio vacanz' al mar!"

            Culmò c (i)'ha mess' paura,
            ma p. rò no' a S. nigaja
            avem' prest' truvat' la cura
            e piam' 'l sol' su 'la sdraia.

            'l mar' è calm' e 'l temp' è bell'
            e c (e) gudem' la calda istat';
            'ndo' guardi n' trovi invell'
            chi s' trattien' o s'è privat'.

            E te bagnin' sta pur attent'
            a succorr' a chi n' sa nutà,
            a chi s'affoga o pia spavent'
            e a chi s' sta a lam. ntà.



            Sono andato questa mattina,
            giusto per un momento,
            a spasso lungo la marina
            e ho visto tanta gente.
            Certo che qui di fuori
            il sole scotta e si bolle,
            e fanno proprio bene loro
            a stare tutti quanti a mollo.
            Il mare è una delizia:
            è un brodo, ma è pulito;
            questa è una dovizia
            per chi oggi l'ha capito.
            Se guardiamo alla spiaggia,
            adesso in piena stagione,
            chi faceva il menagramo
            ha sbagliato le previsioni.
            Dice: "E' crisi dappertutto
            e le spese sono più care;
            questo è un anno brutto
            addio vacanze al mare!"
            Così ci ha messo paura,
            però noi a Senigallia
            abbiamo presto trovato la cura
            e prendiamo il sole sulla sdraia.
            Il mare è calmo è il tempo è bello
            e ci godiamo la calda estate;
            dove guardi non trovi in nessun posto
            chi si trattiene o si è privato.
            E tu bagnino sta pure attento
            a soccorrere chi non sa nuotare,
            a chi si affoga o prende spavento
            e a chi si sta a lamentare.
            Franco Patonico
            Composta lunedì 20 agosto 2012
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: FRANCO PATONICO

              La Politica

              La pulitica

              Che rotta d'scatul'sti pulitici,
              m'stann'a div'ntà guasi antipatici;
              n'vuria mustrà d'ess'p'ssimista
              e manch duv'ntà'n qualunquista.

              Anch'mi nipot'ch'sent'st'quistion',
              por'cocc', fa'na gran cunfusion';
              m'ha dett': "nonno, ma i puliticanti
              cò fann'p'r ess'aculmò impurtanti?"

              "La pulitica, fiol'n'è com'par',
              t'l'fo capì sa n'esempi familiar':
              tu padr'guadagna e a prima vista
              saria p'r tutti no''l capitalista;

              tu madr'drenta casa'i tien'botta,
              c'guverna e pensa alla pagnotta.
              Sotta d'lora c'sei te e i tu fratei:
              'l popul'ch'chied'd'sta mei.

              'l più piccul ch'ancò pia'l biberon,
              rappr'senta'l futur'd'la nazion',
              mentr'la donna è c'la signora
              d'la class'up'raia ch'lavora.

              Hai capit'ninin com'funziona?
              E''n lavor'ch'int'ressa ogni p'rsona".
              'Na nott''l frat'lin's'è mess'a piagn'
              e qualcun'duveva purtall'al bagn'.

              Mi nipot', ch'era malì prova a ninal',
              ma propi n'c'era vers'd'calmal'.
              Ch'l fiulin'ormai s'era sv (e)'iat,
              ha fatt'la cacca e s'era impattacat'.

              E vist'ch'piagneva e n's'zittava,
              e ch'la madr'era sul lett'ch'russava,
              'l grandicell'cerca'l padr'ch'n'c'era,
              e ha p'nsat'd'sv'jà la cam'riera.

              Ma lia n'sent'e lù s'pia la cura
              d'guardà dal bug'd'la s'rratura.
              Tra l'scur'e ch'l pog'd'chiaror',
              la ved'sa'l padr'ch'sta a fa l'amor'.

              Rass'gnat'mi nipot'artorna a lett',
              ma nun dorm'e s'mess'a riflett':
              "Adè ho capit'e n'm'sbai miga,
              chi ha'l capital'sfrutta chi fatiga,

              mentr'l guvern'tranquill'sta a durmì
              e ma'l popul'nisciun'l'sta a s'ntì.
              Io d'pulitica nun capisc'n'acca,
              ma ved'st'futur'pien'd'cacca".

              Traduzione:
              La politica

              Che rotta di scatole questi politici,
              mi stanno diventando quasi antipatici;
              non vorrei mostrare d'essere pessimista
              e neanche diventare un qualunquista.
              Anche mio nipote che sente queste questioni,
              povero cocco, fa una grande confusione;
              mi ha detto: "nonno ma i politicanti
              cosa fanno per essere così importanti?"
              "La politica, figliolo, non è come pare,
              te lo faccio capire con un esempio familiare:
              tuo padre guadagna e a prima vista
              sarebbe per tutti noi il capitalista;
              tua madre dentro casa gli tiene botta,
              ci governa e pensa alla pagnotta.
              Sotto di loro ci sei tu e i tuoi fratelli:
              il popolo che chiede di star meglio.
              Il piccolino, che ancora prende il biberon,
              rappresenta il futuro della nazione,
              mentre la donna è quella signora
              della classe operaia che lavora.
              Hai capito figliolo come funziona?
              È un lavoro che interessa ogni persona.
              Una notte il fratellino si è messo a piangere
              e qualcuno doveva portarlo al bagno.
              Mio nipote che era lì, prova a ninnarlo,
              ma proprio non c'era verso di calmarlo.
              Quel figlioletto ormai s'era svegliato,
              ha fatto la cacca e si era impataccato.
              E visto che piangeva e non si zittiva,
              e che la madre era sul letto che russava,
              il grandicello cerca il padre che non c'era,
              e ha pensato di svegliare la cameriera.
              Ma lei non sente e lui si prende la cura
              di guardare dal buco della serratura.
              Tra lo scuro e quel poco di chiarore,
              la vede con il padre che sta a far a l'amore.
              Rassegnato mio nipote ritorna a letto,
              ma non dorme e si è messo a riflettere:
              " Adesso ho capito e non mi sbaglio mica,
              chi ha il capitale sfrutta chi fatica,
              mentre il governo tranquillo sta a dormire
              e al popolo nessuno lo sta a sentire.
              Io della politica non capisco un'acca,
              ma ved'questo futuro pieno di cacca".
              Franco Patonico
              Composta domenica 15 aprile 2012
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: FRANCO PATONICO

                La brocca cretta

                La brocca cretta

                'Na volta, n'a brocca nova
                s' cumprava al m'rcat'
                'ndò anch' adè s' trova
                qualcò ch' n' va spr'cat'.

                Anch'io 'n giorn' ho cumprat'
                'na bella brocca p'r l'uliva
                che po' a casa ho pr'parat'
                com' nonna la cundiva.

                C (i)'ho mess' 'l sal' e i spicchi d'aj
                'l finocchi e qualca scorza
                d' m'rarancia, e dop' dai,
                a muscinalla, p'rò a forza

                d' pialla su e po' d' sbatt',
                vag (h) 'n spigul' a intuppà.
                Ho rott' la brocca e 'l dann' è fatt',
                s' n' foss' 'l nonn' a rim'dià.

                E l'op'ra sua è sempr' pronta,
                par' 'n chirurg (h) o 'n calzular';
                sal fil' d' ferr' e sa 'na ponta,
                ogni pezz' ha armess' al par'.

                Aculmò ma no' è s'rvita
                e tanti anni adup'rata;
                la brocca cretta e arcugita
                nun l'avem' più gambiata.

                Traduzione:
                Una brocca incrinata
                Una volta, una brocca nuova
                si comprava al mercato,
                dove anche adesso si trova
                qualcosa che non va sprecato.
                Oggi anch'io ho comperato
                una bella brocca per l'oliva
                Oggi anch'io ho comperato
                una bella brocca per l'oliva
                che poi a casa ho preparato
                come nonna la condiva.
                Ci ho messo il sale e gli spicchi d'aglio,
                il finocchio e qualche buccia
                d'arancia e dopo dagli
                a mescolarla, però a forza
                di prenderla su e poi di sbattere,
                uno spigolo sono andato a intoppare.
                Ho rotto la brocca e il danno è fatto,
                se non fosse il nonno a rimediare.
                E l'opera sua è sempre pronta,
                pare un chirurgo o un calzolaio;
                con il filo di ferro ed una punta,
                ogni pezzo ha rimesso aderente.
                Così a noi è servita
                e tanti anni adoperata;
                la brocca incrinata e ricucita,
                non l'abbiamo più cambiata.
                Franco Patonico
                Composta martedì 24 aprile 2012
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: FRANCO PATONICO

                  È primavera!

                  L'aria d' Pasqua già t'arcora,
                  t' manda via l'umor' ner';
                  levi 'l capott' e n' vedi l'ora
                  d' v'stitt' più l'gger'.

                  Se vai vers' la campagna,
                  dapp'rtutt', sta pur' cert',
                  la primavera n' s' sparagna,
                  e la r'spiri a nas' apert'.

                  Ma sta atenti, nun vurria
                  ch' sa st'aria frizzantina
                  te suffrissi d'all'rgia,
                  alora è mej anda' a marina,

                  'ndo' l'ambient' è già divers':
                  'l mar' po' ess' azzur' o verd',
                  e s' hai gambiat' n' c (i)' hai pers':
                  machì è l' sguard' ch' s' perd'.

                  S' perd' fin' a l'urizont'
                  e fa vula' la fantasia;
                  d' miracul', t' rendi cont'
                  ch' l' frégn' ènn gitt' via.


                  L'aria di Pasqua già ti rincora,
                  ti manda via l'umore nero,
                  togli il cappotto e non vedi l'ora
                  di vestirti più leggero.
                  Se vai verso la campagna
                  dappertutto, stai pur certo,
                  la primavera non si risparmia
                  e la respiri a naso aperto.
                  Ma stai attento, non vorrei
                  che con questa aria frizzantina
                  tu soffrissi di allergia
                  allora è meglio andare a marina,
                  dove l'ambiente è già diverso:
                  il mare può essere azzurro o verde,
                  e se hai cambiato, non ci hai perso:
                  qui è lo sguardo che si perde.
                  Si perde fino a l'orizzonte
                  e fa volar la fantasia;
                  di miracolo, ti rendi conto,
                  che i malumori sono andati via.
                  Franco Patonico
                  Composta giovedì 5 aprile 2012
                  Vota la poesia: Commenta
                    Scritta da: FRANCO PATONICO

                    I vecchi hanno le orecchie lunghe

                    I vecchi hann' l' recchi (e) long (h)

                    Vivev' nt' 'n borg'
                    d' pora gent'
                    ch' s (e) cunt (e)ntava
                    d' pogh' o d' gnent'.
                    C'era anch' 'l ricc (h)',
                    e sapev' 'ndò stava,
                    d' rad' s' v'deva
                    ma n'impurtava.

                    No' fioj s' giugava
                    sa l' palin',
                    sa i tappi d' latta
                    e l' figurin':
                    a leon' o lett'ra
                    o a batt'mur';
                    e s' stava d' fora
                    fin ch' era scur'.

                    Mi madr' m' chiamava,
                    era 'na noia
                    a fa chi compiti
                    d' malavoja.
                    M' dava più gust'
                    a tizzà 'l fog (h)
                    a sta su la rola
                    p'r me era 'n giog (h)'.

                    L'arlogg' era 'l sol'
                    e all' nov' eri a lett'
                    p' i grandi la radio
                    e p'r no' 'n giurnalett'.
                    Lora sgrullav'n
                    da adoss' la fatiga;
                    mi nonn' era a sed'
                    e fumava 'na ciga.

                    Ma me m' piaceva
                    a sta sa mi nonn'
                    ch' d' nott' s'alzava
                    e n'aveva più sonn'.
                    L'ho vist' sempr' vecchi (e)
                    senza p'nsà
                    ch' anch' lu' ha avut'
                    'na giovin' età.

                    M'arcord' ch' diceva
                    ch' tutti i vecchi (e)
                    han' curva la schina
                    e long (h)' l' recchi (e),
                    e m' spiegava
                    'l p'rché e 'l p'r com':
                    "questa fiol 'mia
                    è la cundanna d' l'om'.

                    Fin' da ragazz'
                    ho' sempr' lavurat'
                    e nt' chi anni,
                    sai quant' n'ho passat'!
                    La fatiga 'na mucchia
                    e m'ha ingubbit',
                    slungat' l' recchi (e)
                    e pogh' imbirbit'.

                    Chi è furb' n' lavora
                    e n' è miga 'n cas'
                    ch' ma i birbanti
                    s' slonga 'l nas'.
                    Se t' cresc' l' recchi (e)
                    e sei stat' un signor'
                    in paradis'
                    avrai 'l post' d'unor'".
                    Franco Patonico
                    Composta giovedì 15 marzo 2012
                    Vota la poesia: Commenta