Questo sito contribuisce alla audience di
Scritta da: FRANCO PATONICO

I vecchi hanno le orecchie lunghe

I vecchi hann' l' recchi (e) long (h)

Vivev' nt' 'n borg'
d' pora gent'
ch' s (e) cunt (e)ntava
d' pogh' o d' gnent'.
C'era anch' 'l ricc (h)',
e sapev' 'ndò stava,
d' rad' s' v'deva
ma n'impurtava.

No' fioj s' giugava
sa l' palin',
sa i tappi d' latta
e l' figurin':
a leon' o lett'ra
o a batt'mur';
e s' stava d' fora
fin ch' era scur'.

Mi madr' m' chiamava,
era 'na noia
a fa chi compiti
d' malavoja.
M' dava più gust'
a tizzà 'l fog (h)
a sta su la rola
p'r me era 'n giog (h)'.

L'arlogg' era 'l sol'
e all' nov' eri a lett'
p' i grandi la radio
e p'r no' 'n giurnalett'.
Lora sgrullav'n
da adoss' la fatiga;
mi nonn' era a sed'
e fumava 'na ciga.

Ma me m' piaceva
a sta sa mi nonn'
ch' d' nott' s'alzava
e n'aveva più sonn'.
L'ho vist' sempr' vecchi (e)
senza p'nsà
ch' anch' lu' ha avut'
'na giovin' età.

M'arcord' ch' diceva
ch' tutti i vecchi (e)
han' curva la schina
e long (h)' l' recchi (e),
e m' spiegava
'l p'rché e 'l p'r com':
"questa fiol 'mia
è la cundanna d' l'om'.

Fin' da ragazz'
ho' sempr' lavurat'
e nt' chi anni,
sai quant' n'ho passat'!
La fatiga 'na mucchia
e m'ha ingubbit',
slungat' l' recchi (e)
e pogh' imbirbit'.

Chi è furb' n' lavora
e n' è miga 'n cas'
ch' ma i birbanti
s' slonga 'l nas'.
Se t' cresc' l' recchi (e)
e sei stat' un signor'
in paradis'
avrai 'l post' d'unor'".
Composta giovedì 15 marzo 2012

Immagini con frasi

    Info

    Scritta da: FRANCO PATONICO
    Riferimento:
    Traduzione: i vecchi hanno le orecchie lunghe

    Vivevo in un borgo di povera gente che si accontentava di poco o di niente;
    c'era anche il ricco e sapevo dove stava, di rado si vedeva, ma non importava.
    Noi ragazzi si giocava con le palline, con i tappi di latta e le figurine:
    a leone o lettera o a batti muro, e si stava fuori finché era scuro.
    Mia madre mi chiamava, era una noia, a fare quei compiti di malavoglia.
    Mi dava più gusto attizzare il fuoco, a stare sulla soglia del caminetto per me era un gioco.
    L'orologio era il sole e alle nove eri a letto; per i grandi la radio e per noi un giornaletto.
    Loro si scrollavano di dosso la fatica, mio nonno era seduto e fumava una cicca.
    A me piaceva stare con mio nonno che di notte si alzava e non aveva più sonno.
    Sempre vecchio lo vedevo, senza pensare, che anche lui ha avuto una giovane età.
    Mi ricordo che diceva che tutti i vecchi hanno curva la schiena e lunghe le orecchie,
    e mi spiegava il perché e il per come: "questa figliolo è la condanna dell'uomo.
    Fin da ragazzo ho sempre lavorato e in quegli anni, sai quante ne ho passate!
    La fatica molta e mi ha ingobbito, allungate le orecchie e poco imbirbonito
    Chi è furbo non lavora e non è mica un caso che ai birbanti si allunga il naso
    Se ti crescono le orecchie (se ti sei invecchiato) e sei stato un signore,
    in paradiso avrai un posto d'onore".
    Dedica:
    A mio nipote.

    Commenti

    1
    postato da , il
    e' vero che i vecchi hanno le orecchie lunghe. Le esperienze si fanno non solo guardando ma ascoltando molto!

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:9.00 in un voto

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti