Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: FRANCO PATONICO

Filastrocca p'i munei

Filastrocca p'i munei

c' chi vien' da luntan'
e va d' fuga o va pian',
s (e) va pian' nun s' la pia
tant' arriva e po' va via.

Se vien' 'na volta al giorn'
pogh' dop' arf ritorn';
s (e) vien' 'na volta al mes',
ha sparagnat' su l' spes';

s' (e) vien' 'na volta all'ann',
nun fa ben' e nun fa dann'.
Ma s (e) vien' quant' i par'
pol g ai monti oppur' al mar'.

S (e) v (e)niss' a casa mia
m'arcumand' l'all (e)gria,
culmo' s' canta e po' s' sona,
e che 'l Signor c (e) la mandi bona.


Filastrocca per i monelli

c' chi viene da lontano
e va di fretta o va piano,
se va piano non se la prende
tanto arriva e poi va via.

Se viene una volta al giorno
poco dopo rif ritorno;
se viene una volta al mese
ha risparmiato sulle spese;

Se viene una volta all'anno,
non fa bene e non fa danno.
Ma se viene quando gli pare
pu andare ai monti oppure al mare.

E se venisse a casa mia
mi raccomando l'allegria,
cos si canta e si suona
e che il Signore ce la mandi buona.
Franco Patonico
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: FRANCO PATONICO

    La medaglietta miracolosa

    Cari  Sposi,
    Nt' la vita ognun' strada facend',
    prima o poi arriva nt' 'n incroc(e):
    c' chi va dritt' e chi n' s'arrend',
    e chi si fa 'l segn' d' la croc(e).

    Anch' vuialtri ogg(i) se' arrivati
    'nd la d(e)cision', davera, impurtant'
    ma quei com' vo', ch'enn innamurati,
    d' sigura nun s' sbaia pi d' tant'.

    Sta m(e)daietta ch' io v'argal',
    ma te nipot' e ma la cara sposa,
    s' n' fa ben', nun fa manch' mal':
    c' chi dice ch' miraculosa.

    Traduzione:
    Cari sposi
    Nella vita, strada facendo,
    prima o poi si arriva ad un incrocio:
    c' chi va diritto e chi non s'arrende,
    e chi invece si fa il segno della croce.

    Anche voialtri oggi siete arrivati
    dove la decisione, davvero, importante,
    ma quelli come voi che sono innamorati,
    di sicuro non si sbagliano pi di tanto.

    Questa medaglietta che vi regalo
    a te nipote e alla cara sposa,
    se non fa bene, non fa neanche male:
    c' chi dice ch' miracolosa.
    Franco Patonico
    Composta sabato 5 settembre 2009
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: FRANCO PATONICO

      I voi ben (Le voglio bene)

      Fioj mia,
      vo' m' dumand
      s'io voi ben'
      ma vostra madr'?

      C(i)av ragion,
      n' l' digh mai,
      ma lia p'r me
      com' 'na mistiganza
      d'erb' bon' e prufumat'
      ch' m' dann'
      la dip(e)ndenza.
      Anzi,
      s' duvessi arman'
      sol' 'n giorn' senza,
      mi pia'n such,
      'n' scunfort'
      'na crisi d'astinenza.


      Figli miei,
      voi mi domandate
      se io voglio bene
      a vostra madre?

      Avete ragione,
      non lo dico mai,
      ma lei per me
      e come un miscuglio
      di erbe buone e profumate
      che mi danno
      la dipendenza.
      Anzi,
      se dovessi rimanere
      solo un giorno senza,
      mi prende un non so che,
      uno sconforto,
      una crisi di astinenza.
      Franco Patonico
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: FRANCO PATONICO

        Gi p(e)l fium' - Gi per il fiume

        And a spass' gi p(e)l fium'
        s' r(e)spira un'antr' aria,
        e s' sent' 'n antr' prufum'.

        Anic armast' ugual'
        e chi mach fa 'l chiass'
        nn l' solit' cical'.

        Io m'arcord ch' da fiol
        passav' tant' temp'
        giu' p(e)l fium' oppur' al mol.

        P(e)r no' era 'na gara
        sa 'n am' e 'l fil' d' spagna
        a p(e)sc 'na baldigara

        o a caccia d' animai
        di raghni e ciambotti
        e n' andavi a casa mai,

        ma ad chi c'(i) va pi,
        s' fa anic d' fuga,
        e se guardi mal gi

        vedi 'sol' 'n fium lent'
        ch' tra i greppi e i caneti,
        va e nun l' ferma gnent.


        Andare a spasso, gi per il fiume
        si respira un'altra aria
        e si sente un altro profumo.

        Ogni cosa rimasta uguale
        e chi, qui fa il chiasso
        sono le solite cicale.

        Io mi ricordo che da bambino
        passavo tanto tempo
        gi per il fiume oppure al molo.

        Per noi era una gara
        con l'amo ed il filo di nylon (filo di spagna)
        pescare una baldigara (cefalo)

        o a caccia di animali,
        di ramarri e di rospi
        e non andavi a casa mai.

        Ma adesso chi ci va pi
        si fa tutto alla svelta
        e se guardi laggi

        vedi solo un fiume lento
        che tra i greppi e i canneti
        va e non lo ferma nulla.
        Franco Patonico
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: FRANCO PATONICO
          "D ind'ndam"

          Se nunvulend s (e) nti a d
          a s (e) nigaja "d, ind'ndam"
          nun p (e) ns ch'n mach
          sunam'tutti l'campan'.

          'L bell' ch'la risposta,
          da sempr'e chiss com',
          manch'a fall'a posta,
          "a la messa al dom".

          Foss'sol p'cujun
          o'n bel vers'p'fa rima,
          ma ind s'dev'and
          te n'sai men'd'prima.


          Se non volendo
          senti dire a Senigallia
          "dimmi dove andiamo?"
          Non pensare che noi qui
          suoniamo tutti le campane.
          Il bello che la risposta
          da sempre e chiss come,
          neanche a farlo a posta
          "a la Messa al Duomo".
          Fosse solo per canzonare
          o un bel verso per far rima,
          ma dove si deve andare,
          tu ne sai meno di prima,.
          Franco Patonico
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: FRANCO PATONICO
            D'invern' a S-nigaja

            E' fredd'.
            Dal mar' sent' ch'arriva
            'l lament' d' la sirena.
            'n c' in gir' n' anima viva:
            'na nott' d' luna piena.

            Luna sbiavita dal n(e)bbion'
            ch' ad' s' taia sal curtell'
            e  c' la  luc(e) d' 'n  lampion'
            ch' nascond' anch' l' stell'.

            Dagi la guazza ha mullat'
            la strada, 'l docc(h) e la marina
            e l'  barch' enn'  urm(e)ggiat'
            ferm' adoss' a la banchina.

            E' fredd'.
            Camin' mezz' intirizzit'
            e sal coll'  'n po' 'artirat';
            c(i)'ho l' man' indul(e)nzit',
            ma so' sempr' innamurat'.

            Pens' ch'  n' la cambiaria
            sta  citt 'n' po' scuiunata:
            a S(e)nigaja c' staria
            anch' ad ch' indurm(e)ntata.

            Sem' anco' a  m(e)t  f-brar'
            e l'invern' c(i) avria bastat',
            ma a   Pasqua, in riva al mar',
            s' sent' gi l'aria d' l' istat'.


            D'inverno a Senigallia
            freddo.
            Dal mare sento che arriva
            il lamento della sirena.
            Non c' in giro un'anima viva,
            un notte di luna piena.
            Luna sbiadita dal nebbione
            che adesso si taglia con il coltello
            e c' la luce di un lampione
            che nasconde anche le stelle.
            Di gi la guazza ha bagnato
            la strada, il porto  e la marina
            e le barche sono ormeggiate
            ferme addosso alla banchina.
            freddo.
            Cammino mezzo intirizzito
            e con il collo ritirato;
            ho le mani indolenzite,
            ma sono sempre innamorato.
            Penso che non la cambierei
            questa citt un po' scoglionata:
            a Senigallia ci starei
            anche adesso che addormentata.
            Siamo ancora a met febbraio
            e l'inverno ci avrebbe bastato,
            ma a Pasqua in riva al mare,
            si sente gi l'aria dell'estate.
            Franco Patonico
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: FRANCO PATONICO

              'L temp'fugg (e)

              'L temp'fugg (e)

              Fiol,
              scors''l temp'
              cus d'fuga ch's'c (i) arpens'
              n'm'par''l vera.

              M'par'iarsera
              ch'sei v (e) nut'al mond'
              e stavi'nt'(u) n fagott'.

              Ma ad sei'n giuvinott'
              ch'va p (e) r cont'sua,
              sta 'tenti!

              M'arcumand,
              n't'fa pi da la bisciola,
              pia'l temp'ch'c (i) vol',

              senza badurlat'
              e tien'a ment'
              ch'anic passa
              nt'(u) n mument'.


              Il tempo fugge

              Figlio,
              passato il tempo
              cos alla svelta
              che se ci ripenso
              non mi par vero
              Mi pare ieri sera
              che sei venuto al mondo
              e stavi in un fagotto.
              Ma ora sei un giovinotto
              che va da solo.
              Stai attento,
              mi raccomando,
              non ti far prendere dalla fretta (paura di non farcela)
              prendi il tempo che ci vuole
              senza perdere tempo
              e ricorda
              che tutto passa
              in un momento.
              Franco Patonico
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: FRANCO PATONICO

                Garbin'

                St' vent' ch' c(e) fiara
                ogg(i) par' ch' t' sciagatta;
                gi s' suda a nun fa gnent'
                e s'appicciga la pell'.

                'L sol' com' 'l fog,
                ch' scotta e brugia l'aria
                e invell t'arpara l'ombra
                da sta luc(e) ch' t' accega.

                'l garbin increspa 'l mar'
                e la sabbia ch' 'n v(e)llut',
                ma s(i) vultass' da l(e)vant
                la busa 'n po' c(e) sciora.

                Garbino

                Questo vento che ci bruciacchia
                oggi pare che ti leva il fiato,
                gi si suda a non far nulla
                e si appiccica la pelle.
                Il sole come il fuoco
                che scotta e brucia l'aria
                e in nessun posto ti ripara l'ombra
                da questa luce che ti acceca.
                Il garbino increspa il mare
                e la sabbia che un velluto,
                ma se girasse da levante,
                la bava di vento un po' ci rinfresca.
                Franco Patonico
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: FRANCO PATONICO

                  La moj va in vacanza

                  La moj va in vacanza

                  p (e) ppacc (e) ' ' 'n migragnos'
                  cunosc (e) sol'la fatiga
                  e 'na giurnata d'ripos'
                  n'la cunc (e) pisc (e) miga.
                  Quant'magna sgulfanat'
                  e i piac'n'po' tropp''l vin'
                  e subit'dop'ch'ha magnat',
                  fa giust''n paluginin'.
                  La bella moj, ch'nun trolla
                  ogni tant'suspira e sbuffa.
                  Sa la parananza sempr'molla
                  s'd da fa, ma dic (e) ch' stuffa.
                  "Stann'giria a fa l'vacanz'
                  p'cura st'mal'd'schiena
                  a sta chiusa nt'd stanz'
                  marit'mia 'na gran pena."
                  "In vacanza manch'a p (e) nsacc (e)
                  c (i) 'avem''n sacc'd'faccend'
                  com'pensi te d'andacc (e)
                  e po' in d, quant's'spend!"
                  "P (e) ppacc (e) ' fa com't'par',
                  io c'(i) 'ho propri 'n gran bisogn'
                  e s (e) n't piac (e) a g giu 'l mar'
                  da p (e) r me, nun m'v (e) rgogn'.
                  E po' n'spend'manch''n bocc':
                  v a durm da mi fratell'
                  'nd magn'anch'a scrocc'
                  se i guard'ma ch 'l munell'.
                  Io ' t'aspett'fra sett'giorni
                  a s-nigaja, dria marina;
                  e nun fa ch'po' t'artorni
                  s (e) n't'fa l'aria fina.
                  E p (e) ppacc (e) fa quel ch'pol',
                  'i c (e) vol'la pazienza;
                  la moj stavolta l'lascia sol',
                  ma 'i ha rimpit'la cr (e) denza.
                  E tra gira e smusina,
                  passa 'l temp'com''n lamp'
                  e la dumennica mattina
                  lascia g 'l lavor'd'l camp'.
                  I d s'artrov'n'a la Rutonda
                  'nd sapem'c' l'atmusfera
                  c''l silenzi rott'da l'onda
                  fin'a quant'n'vien'la sera.
                  " Chiss se te t'arcordi
                  da quant' ch 'n'fai l'amor ",
                  " Ma c fai ad m'mordi!
                  C t'ha pres'... c vai in calor?"
                  " Dai p (e) ppacc (e) n't'fa ved'"
                  'i dic'la moj imbarazzata,
                  e n's'enn messi manch'a sed'
                  ch''na guardia s' f (e) rmata.
                  " m'sa ch''l fat'p (e) r dispett'
                  c (e) vol''n po' d'educazion'
                  'na stimana ch'v'l'ho dett'
                  ad v'fo cuntravv (e) nzion,"
                  " 'n mument'vigiless,
                  iera stav'da 'n'antra part',
                  s arrivat'propi adessa
                  e com'so 'nut', ad arpart'."
                  " Gi, s'ved'ch'v (e) n da fori,
                  n' p (e) r v, e p'sta signora:
                  ma troppi omi fa i favori,
                  s (e) vo 'n f gnent'... lia lavora!"
                  Franco Patonico
                  Vota la poesia: Commenta
                    Scritta da: FRANCO PATONICO

                    'N guadr'd'autor'

                    'L pi bel guadr d'casa mia 'na finestra,
                    quella ch'guarda vers "l mar'
                    e ch'sol sal sol s'colora.
                    Spess'la mattina'l ciel' rosa e c (e) lest'
                    e la sera, a l (e) vant', buta sul turchin'
                    sa qualch'sbaff d'ross'e d'arancion'.
                    E anch" l mar fa la part'sua:
                    s' calm' cangiant', tra'l grig (i) e l'azur
                    e par d'madr (e) perla,
                    ma quant' moss'diventa verd',
                    rigat'da l'ond'ch's'fan'la fuga.
                    Al largh'l ciel' ner'da mett'paura
                    e all'urizzont'sal mar's'cunfond'.
                    A riva invec (e), la curent'ch'smov'la sabbia
                    fa'n turbidon'e'nd l'onda lascia la batigia
                    su la risacca c (i) arman'na buffa bianca.
                    Po' vien'la nott'e, sal temp'bon,
                    anic s'fa scur'e sil (e) nzios'.
                    Sul ciel balugina'na stella
                    e in mar'c''l lum'd"na batana
                    ch'va lenta e leva i rem'
                    v (i) cin'al s (e) gnal d'ogni nassa.


                    Il mare, mutevole elemento,
                    a volte calmo, altre mosso e
                    burrascoso offre lo spunto
                    al pittore di riprodurre in tela
                    i molteplici aspetti...
                    e chi ha una finestra con vista
                    al mare pu vantarsi di
                    mostrare un quadro che non
                    mai lo stesso e capace di
                    emozionare ogni volta.
                    Franco Patonico
                    Vota la poesia: Commenta