Scritta da: FRANCO PATONICO

L'amor è 'n sest' sens' / L'amore è un sesto senso

L'amor' bocca dapp'rtutt',
drenta 'l cor' e nt' la testa:
e ugual' a 'n tarl', a 'n rus'ghin'
pia l'stommigh' e i budei.

Più d' 'n ladr' è sil'nzios',
ma è 'n guai si fa rumor';
e' 'n traditor' ch' fa la spia,
e n' vol' ess' prigiunier'.

Ogni suspir' o batt'cor
rintrona pegg' d'n tambur'.
E' astratt', lu' n' s' tocca,
ma s (e) t' tocca, t' scumbina.

Com' l'acqua è inudor',
o prufumat' più d' 'n fior.
Pol' ess' dolc (e) o anch' amar,
indigest' o d'licat'.

St'amor è anch' evan'scent',
n' pia post, ma è invadent';
è l'gger' più d' l'aria,
ma più d' l'aria è cunsistent'.

Po' ess' sol' 'n fil' d' fiat'
o sidonca 'n carrarrmat';
n' c'è rimedi p' curall',
nè giova ess' vaccinat'.

Saria propi 'n sest' sens'
ch' i altri cinqu' c (e) cunfond'
t'imbacucca e a vulell',
se te c (e) caschi, po' ess' bell'.


L'amore entra dappertutto
dentro il cuore e nella testa:
è uguale a un tarlo, a un rodimento,
prende lo stomaco e l'intestino.
Più di un ladro è silenzioso,
ma è un guaio se fa rumore;
è un traditore, che fa la spia
e non vuol essere prigioniero.
Ogni sospiro o batticuore
rintrona peggio d'un tamburo;
è astratto, lui non si tocca,
ma se ti tocca, ti scombina.
Come l'acqua è inodore
o profumato più d'un fiore;
può essere dolce o anche amaro,
indigesto o delicato.
Questo amore è anche evanescente,
non prende posto, ma è invadente;
è leggero più dell'aria,
ma più dell'aria è consistente.
Può essere solo un filo di fiato,
o altrimenti un carro armato;
non c'è rimedio per curarlo,
né giova essere vaccinato.
Sarebbe proprio un sesto senso
che gli altri cinque ci confonde;
ti imbacucca e a volerlo,
se tu ci caschi, può essere bello.
Franco Patonico
Composta giovedì 24 novembre 2011
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: FRANCO PATONICO

    Il mio paese

    'l paes' mia

    Machi so nat'
    e quest' è 'l post più bell';
    machì so armast
    e m' sa che n' vagh invell'.
    Machì ho cuntat'
    ogni sass' e ogni madon'
    e ho scupert'
    ogni via e ogni canton'.
    Machì vo' in gir'
    e incontr' ma la gent':
    o è parent' o è 'n amic'
    o 'n cunuscent'.
    E s' v' l' ho da dì
    'ndo' s' campa mej,
    machì ho vissut'
    i giorni mia più bej.


    Il mio paese

    Qui sono nato
    e questo è il posto più bello;
    qui sono rimasto
    e mi sa che non vado in nessun posto.
    Qui ho contato
    ogni sasso e ogni mattone
    e ho scoperto ogni via e ogni cantone.
    Qui vado in giro
    e incontro la gente:
    o è parente o un amico
    o un conoscente.
    E se ve lo devo dire
    dove si vive meglio,
    qui ho vissuto
    I giorni miei più belli.
    Franco Patonico
    Composta mercoledì 15 dicembre 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: FRANCO PATONICO

      L'appuntament' (l'appuntamento)

      L' appuntament'

      'n appuntament' vol' di' puntualità
      e po' ess' 'n impegn' o 'na casualità,

      ma quant' volt' s' perd' st'appuntament'
      e c' s'arpara dietra 'n contrattemp'?

      "N'ho armess la svegghia e n' m' so'sv'gghiat!"
      o la colpa è d'n fatt' inasp'ttat.,

      Ma purtropp' c'è chi n' l' scorda miga
      e n' s' sparagna manc' la fatiga.

      P'r lia 'l temp' pol' ess' long' o cort',
      in do' parol', io parl' d' la mort'.

      T'avess' scritt' 'l nom' sul libr' ner',
      'n c'è chi è più pr'cis' o più sincer'.

      E n' vòl' cert' l' raccumandazion',
      s'è nuta l'ora, manc' 'na dilazion'.

      C' sarinn' do' modi a falla scumbinà,
      e s' c (e)' provi, poj anch' scantunà.

      'n mod' saria d' fatt' truvà già mort',
      ma è com' s (e) s'anticipass la sort.

      C'è 'n antr' mod', ma costa 'na furtuna:
      prend' al vol' 'n razz' p' la luna.

      Lassù 'n mes' dura 'na nott' e 'n giorn';
      Sa do' stiman', è 'n ann' ch' giri intorn'.

      Cusì la mort' p'r pià l'appuntament'
      n' c (i)'arcapezza e 'i pol passa d' ment'.

      TRADUZIONE:

      L'APPUNTAMENTO

      Un appuntamento vuol dire puntualità
      e può essere un impegno o una casualità,
      ma quante volte si perde questo appuntamento
      e ci si ripara dietro un contrattempo?
      "Non ho rimesso la sveglia e non mi sono svegliato!"
      O la colpa è di un fatto inaspettato.
      Ma purtroppo c'è chi non lo scorda mica
      e non si risparmia neanche la fatica.
      Per lei il tempo può essere lungo o corto,
      in due parole, io parlo della morte.
      T'avesse scritto il nome sul libro nero,
      non c'è chi è più preciso o più sincero.
      E non vuole certo le raccomandazioni,
      se è venuta l'ora, neanche una dilazione.
      Ci sarebbero due modi per farla scombinare,
      un modo sarebbe di farti trovare già morto,
      ma è come se si anticipasse la sorte.
      C'è un altro modo, ma costa una fortuna:
      prendere al volo un razzo per la luna.
      Lassù un mese dura una notte e un giorno;
      con due settimane, è un anno che giri intorno.
      Così la morte per prendere l'appuntamento
      non si raccapezza e le può passar di mente.
      Franco Patonico
      Composta mercoledì 11 maggio 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: FRANCO PATONICO

        P'custruì l'amor'

        P' custrui' l'amor'

        L'up'rai manual'
        sa la cariola pina
        careggia puntual'
        la rena e la calcina.

        Po' vien' 'l murador'
        ch' custruisc' 'l mur'
        e lu' ch' fa 'l lavor'
        sa ch'è 'n m'stier' dur'.

        Ma più dur' è fa a l'amor'
        'ndò c (e) vol' 'l s'ntiment':
        è 'na quistion d' cor'
        ch' scumbina v'rament'.

        'l madon' è 'l desideri
        e 'l ciment' è la passion',
        ma se 'n s' fa sul seri
        nun regg (e) la custruzion'.

        Davera saria pegg'
        s (e) n' c (e) fuss' st' pilastr'
        ch' in ogni casa regg'
        e salva dal disastr'.

        Ma l'om' è sframason',
        'n po' tropp' mat'rial';
        la donna ha ragion
        a vulell' 'più gignal.

        C (e) duvria p'nsa' ben'
        chi corr' dietra 'na gonna;
        ch' s'arcurdass' almen'
        d'la festa d' la donna.
        Franco Patonico
        Composta giovedì 24 febbraio 2011
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di