Scritta da: FRANCO PATONICO

La brocca cretta

La brocca cretta

'Na volta, n'a brocca nova
s' cumprava al m'rcat'
'ndò anch' adè s' trova
qualcò ch' n' va spr'cat'.

Anch'io 'n giorn' ho cumprat'
'na bella brocca p'r l'uliva
che po' a casa ho pr'parat'
com' nonna la cundiva.

C (i)'ho mess' 'l sal' e i spicchi d'aj
'l finocchi e qualca scorza
d' m'rarancia, e dop' dai,
a muscinalla, p'rò a forza

d' pialla su e po' d' sbatt',
vag (h) 'n spigul' a intuppà.
Ho rott' la brocca e 'l dann' è fatt',
s' n' foss' 'l nonn' a rim'dià.

E l'op'ra sua è sempr' pronta,
par' 'n chirurg (h) o 'n calzular';
sal fil' d' ferr' e sa 'na ponta,
ogni pezz' ha armess' al par'.

Aculmò ma no' è s'rvita
e tanti anni adup'rata;
la brocca cretta e arcugita
nun l'avem' più gambiata.

Traduzione:
Una brocca incrinata
Una volta, una brocca nuova
si comprava al mercato,
dove anche adesso si trova
qualcosa che non va sprecato.
Oggi anch'io ho comperato
una bella brocca per l'oliva
Oggi anch'io ho comperato
una bella brocca per l'oliva
che poi a casa ho preparato
come nonna la condiva.
Ci ho messo il sale e gli spicchi d'aglio,
il finocchio e qualche buccia
d'arancia e dopo dagli
a mescolarla, però a forza
di prenderla su e poi di sbattere,
uno spigolo sono andato a intoppare.
Ho rotto la brocca e il danno è fatto,
se non fosse il nonno a rimediare.
E l'opera sua è sempre pronta,
pare un chirurgo o un calzolaio;
con il filo di ferro ed una punta,
ogni pezzo ha rimesso aderente.
Così a noi è servita
e tanti anni adoperata;
la brocca incrinata e ricucita,
non l'abbiamo più cambiata.
Franco Patonico
Composta martedì 24 aprile 2012
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: FRANCO PATONICO

    È primavera!

    L'aria d' Pasqua già t'arcora,
    t' manda via l'umor' ner';
    levi 'l capott' e n' vedi l'ora
    d' v'stitt' più l'gger'.

    Se vai vers' la campagna,
    dapp'rtutt', sta pur' cert',
    la primavera n' s' sparagna,
    e la r'spiri a nas' apert'.

    Ma sta atenti, nun vurria
    ch' sa st'aria frizzantina
    te suffrissi d'all'rgia,
    alora è mej anda' a marina,

    'ndo' l'ambient' è già divers':
    'l mar' po' ess' azzur' o verd',
    e s' hai gambiat' n' c (i)' hai pers':
    machì è l' sguard' ch' s' perd'.

    S' perd' fin' a l'urizont'
    e fa vula' la fantasia;
    d' miracul', t' rendi cont'
    ch' l' frégn' ènn gitt' via.


    L'aria di Pasqua già ti rincora,
    ti manda via l'umore nero,
    togli il cappotto e non vedi l'ora
    di vestirti più leggero.
    Se vai verso la campagna
    dappertutto, stai pur certo,
    la primavera non si risparmia
    e la respiri a naso aperto.
    Ma stai attento, non vorrei
    che con questa aria frizzantina
    tu soffrissi di allergia
    allora è meglio andare a marina,
    dove l'ambiente è già diverso:
    il mare può essere azzurro o verde,
    e se hai cambiato, non ci hai perso:
    qui è lo sguardo che si perde.
    Si perde fino a l'orizzonte
    e fa volar la fantasia;
    di miracolo, ti rendi conto,
    che i malumori sono andati via.
    Franco Patonico
    Composta giovedì 5 aprile 2012
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: FRANCO PATONICO

      I vecchi hanno le orecchie lunghe

      I vecchi hann' l' recchi (e) long (h)

      Vivev' nt' 'n borg'
      d' pora gent'
      ch' s (e) cunt (e)ntava
      d' pogh' o d' gnent'.
      C'era anch' 'l ricc (h)',
      e sapev' 'ndò stava,
      d' rad' s' v'deva
      ma n'impurtava.

      No' fioj s' giugava
      sa l' palin',
      sa i tappi d' latta
      e l' figurin':
      a leon' o lett'ra
      o a batt'mur';
      e s' stava d' fora
      fin ch' era scur'.

      Mi madr' m' chiamava,
      era 'na noia
      a fa chi compiti
      d' malavoja.
      M' dava più gust'
      a tizzà 'l fog (h)
      a sta su la rola
      p'r me era 'n giog (h)'.

      L'arlogg' era 'l sol'
      e all' nov' eri a lett'
      p' i grandi la radio
      e p'r no' 'n giurnalett'.
      Lora sgrullav'n
      da adoss' la fatiga;
      mi nonn' era a sed'
      e fumava 'na ciga.

      Ma me m' piaceva
      a sta sa mi nonn'
      ch' d' nott' s'alzava
      e n'aveva più sonn'.
      L'ho vist' sempr' vecchi (e)
      senza p'nsà
      ch' anch' lu' ha avut'
      'na giovin' età.

      M'arcord' ch' diceva
      ch' tutti i vecchi (e)
      han' curva la schina
      e long (h)' l' recchi (e),
      e m' spiegava
      'l p'rché e 'l p'r com':
      "questa fiol 'mia
      è la cundanna d' l'om'.

      Fin' da ragazz'
      ho' sempr' lavurat'
      e nt' chi anni,
      sai quant' n'ho passat'!
      La fatiga 'na mucchia
      e m'ha ingubbit',
      slungat' l' recchi (e)
      e pogh' imbirbit'.

      Chi è furb' n' lavora
      e n' è miga 'n cas'
      ch' ma i birbanti
      s' slonga 'l nas'.
      Se t' cresc' l' recchi (e)
      e sei stat' un signor'
      in paradis'
      avrai 'l post' d'unor'".
      Franco Patonico
      Composta giovedì 15 marzo 2012
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: FRANCO PATONICO

        La nev' a S'nigaja / La neve a Senigallia

        Prima a dicembr' e po' a g'nar'
        com' tutti anch'io dicev',
        è 'invern' e manc' par',
        nun fa fred' e n' fa la nev'.
        Ma è stata 'n illusion',
        m' sa ch' n' c (i)' armann'
        p'r aria' sta stagion':
        farà fredd' anch' st'ann'.
        E la cunferma po' c'è stata:
        'l vent' è adè gambiat';
        sә l'avә vam' scampata,
        puntual' lu' è arrivat. '
        Ha cuminciat' pian' pianin',
        prima butava 'n po' d'acquetta
        ch' sa la bora e 'l bausin'
        è div'ntata piova stretta.
        Enn' po' 'nut' l' mar'ggiat'
        e hann' fatt' 'n bel macell'.
        l' arә nil' hann' magnat'
        e n' s'è' salvat' invell';
        Sa ch'l vent' ch' tirava
        ha cuminciat' a sfarfallà,
        ma la nev' nun taccava,
        p'rché duveva anco'gә là.
        Ma da la sera a la mattina
        avresti vist' ch' chiaror"!
        Da l' culin' a la marina
        anicò bianc', era 'n candor'.
        E oggi è com' ier',
        anzi 'l temp' è p'ggiurat';
        ha fatt' tutt' 'n m'stier'
        e S'nigaja ha incasinat'.
        La nev' fresca nun c (e) bagna,
        avem' salvat' 'l cont' in banca:
        n'acada gì in muntagna,
        farem' machì la stimana bianca.


        La neve a Senigallia
        Prima a dicembre e poi a gennaio
        come tutti anch'io dicevo
        e' inverno e neanche pare,
        non fa freddo e non fa la neve.
        Ma è stata un' illusione,
        mi sa che non ci rimane
        per aria questa stagione:
        farà freddo anche quest'anno.
        E la conferma poi c'è stata:
        il vento adesso è cambiato,
        se l'avevamo scampata
        puntuale lui è arrivato.
        Ha incominciato pian pianino,
        prima buttava un po' d'acquetta
        che con la bora e l'aria fredda
        è diventata pioggia stretta.
        Sono poi venute le mareggiate
        e hanno fatto un bel macello,
        l'arenile hanno mangiato
        e no si è salvato nessun posto.
        Con quel vento che tirava
        ha incominciato a sfarfallare,
        ma la neve non attaccava
        perché doveva ancora gelare.
        Ma dalla sera alla mattina,
        avresti visto che chiarore!
        Dalle colline alla marina,
        tutto bianco, era un candore.
        E oggi è come ieri,
        anzi il tempo è peggiorato;
        ha fatto tutto un mestiere
        e Senigallia ha incasinato.
        La neve fresca non ci bagna,
        abbiamo salvato il conto in banca,
        non occorre andare in montagna
        faremo qui la settimana bianca.
        Franco Patonico
        Composta giovedì 16 febbraio 2012
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: FRANCO PATONICO

          La nev' a S'nigaja/ La neve a Senigallia

          Prima a dicembr' e po' a g (e)nar'
          com' tutti anch'io dicev',
          è 'invern' e manc' par',
          nun fa fred' e n' fa la nev'.
          Ma è stata 'n' illusion',
          m' sa ch' nun c (i) armann'
          p'r aria' sta stagion':
          farà fredd' anch' st'ann'.
          E la cunferma po' c'è stata:
          'l vent' è adè gambiat';
          s (e) l'av (e)vam' scampata,
          puntual' lu' è arrivat. '
          Ha cuminciat' pian' pianin',
          prima butava 'n po' d'acquetta
          ch' sa la bora e 'l bausin'
          è div'ntata piova stretta.
          Enn' po' 'nut' l' mar'ggiat'
          e hann' fatt' 'n bel macell'.
          l' ar (e)nil' hann' magnat',
          e n' s'è' salvat' invell';
          Sa ch'l vent' ch' tirava
          ha cuminciat' a sfarfallà,
          ma la nev' nun taccava,
          p'rché duveva anco'g (e)là.
          Ma da la sera a la mattina
          avresti vist' ch' chiaror''!
          Da l' culin' a la marina
          anicò bianc', era 'n candor'.
          E ogg (i) è com' ier',
          anzi 'l temp' è p'ggiurat';
          ha fatt' tutt' 'n m'stier'
          e S'nigaja ha incasinat'.
          La nev' fresca nun c (e) bagna,
          avem' salvat' 'l cont' in banca:
          n'acada gì in muntagna,
          farem' machì la stimana bianca.

          Prima a dicembre e poi a gennaio
          come tutti anch'io dicevo
          e' inverno e neanche pare,
          non fa freddo e non fa la neve.
          Ma è stata un' illusione,
          mi sa che non ci rimane
          per aria questa stagione:
          farà freddo anche quest'anno.
          E la conferma poi c'è stata:
          il vento adesso è cambiato,
          se l'avevamo scampata
          puntuale lui è arrivato.
          Ha incominciato pian pianino,
          prima buttava un po' d'acquetta
          che con la bora e l'aria fredda
          è diventata pioggia stretta.
          Sono poi venute le mareggiate
          e hanno fatto un bel macello,
          l'arenile hanno mangiato
          e no si è salvato nessun posto.
          Con quel vento che tirava
          ha incominciato a sfarfallare,
          ma la neve non attaccava
          perché doveva ancora gelare.
          Ma dalla sera alla mattina,
          avresti visto che chiarore!
          Dalle colline alla marina,
          tutto bianco, era un candore.
          E oggi è come ieri,
          anzi il tempo è peggiorato;
          ha fatto tutto un mestiere
          e Senigallia ha incasinato.
          La neve fresca non ci bagna,
          abbiamo salvato il conto in banca,
          non occorre andare in montagna
          faremo qui la settimana bianca.
          Franco Patonico
          Composta lunedì 6 febbraio 2012
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di