Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: FRANCO PATONICO

L'ottimista

L'Uttimista
Foss'vera com'c (i) 'arconta
chi è al guvern'e c (i) cunsola,
ma la gent'nun è tonta,
e già pensa ch'è'na fola

Chi c (i) 'ha sol "l ventisett'
e duvrà sbarcà'l lunari
ogg (i) giorn's'pò p (e) rmett'
giust'quel ch'è n (e) c (e) ssari.

" 'l mal nostr'è nt la testa
c'è bisogn'd'uttimism',
fra dò giorni sarà festa
e chi l'armedia è'l consumism'."

'l dic (e) chi c (e) cumanda
e'l ripet'anch" l giurnal':
chi po' fa la dumanda
p'la tess (e) ra pustal'.

Anch'quel ch'p'natura
è sempr'stat "n uttimista,
'n c (i) 'avrà miga paura,
n'ha da fa la faccia trista!

Io n'vurria passà da matt'
s (e) ho cumprat" n t (e) l (e) visor',
è bel gross'e ultra piatt'
e adè so anch'io'n d (e) bitor'.

Ma dal giorn'ch'l'ho acces'
è tutta'n'antra sinfunia:
la borsa cala e'l Pil è sces'
e la finanza è in agunia.

Dai curagg (ie) uttimisti!,
si n'avè ancò cumprat',
quest'è'l temp'di acquisti,
pagarem'dop'a rat'!

Chi cummercia fa a fidass',
c'è la crisi ch'è mundial'
i up'rai'na mucchia a spass'
e anch'l'America va mal'.

C (i) 'arman sol'la sp (e) ranza,
ch'la migragna n'pò durà,
s (e) 'l guvern'n'c (e) finanza,
sol"n sant'la po' curà.

E po' ho dett'ma mi moi:
chi sta a galla e chi va sotta,
'nt st'mond'voi o nun voi,
chi ha d'avè... lassa ch'fiotta!
Franco Patonico
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: FRANCO PATONICO

    Come un guerriero

    Un giorno deporrò tutte le armi
    per affrontar il viaggio nella mente
    poiché vano sarà il richiamarmi
    dall'aldilà che dura eternamente.

    Se nulla sono stato, or dunque sono,
    anche se poi sarò così com'ero;
    dal mondo partirò senza frastuono
    e di nessun ricordo prigioniero.

    Io ti combatterò fatale sorte
    per l'ombra che proietti sulla vita,
    ma poi le braccia tese saran corte
    e debole la presa delle dita.

    So che l'impeto mio non ti sbaraglia,
    e il gelo annienterà questo calore,
    ma da guerriero ti darò battaglia,
    per contrastar l'oblio da vincitore.
    Franco Patonico
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: FRANCO PATONICO

      Zak

      La quercia è il suo universo
      Zak l'aggredisce freneticamente
      fra le rughe della corteccia
      e non indugia:
      esplora ogni nodo del ramo maestro,
      fin sulla cima, poi torna e si ferma
      sulle zampe a rampino.
      È incessante quel moto vivace
      di mandibole e antenne.
      Quel maschio formica
      distingue gli umori
      di femmine e soldati
      e, con l'acre secreto,
      rimarca i confini.
      Al termine s'erge, come bandiera,
      su un esile stelo
      ninnato dal vento.
      L'albero intanto, ormai ebbro di sole,
      allunga i suoi legni che subito infronda.
      Esita Zak, ha percezione.
      Ripassa il percorso,
      si getta, s'aggrappa,
      poi strappa e sperona
      e dà sotto con lena.
      Si scuote e quel fremito
      sprona lo slancio.
      Va contro i germogli
      ancor teneri e afilli,
      ma è sorpreso da un filo di ragno
      e nell'affanno, un tribolo vano.
      Povero Zak!
      Ora è stretto alle zampe
      e quel viluppo gli sale sul ventre,
      sul torso e sul capo
      finché l'ultimo spasmo
      ci svela un pietoso
      e triste abbandono.
      Franco Patonico
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: FRANCO PATONICO

        Un viaggio nel cosmo

        È una mia presunzione
        l'escursione più ardita
        in teorie sulla vita.

        Vaga altrove il pensiero
        che trasporta la mente
        su nel cosmo silente,

        con l'antica ambizione
        di carpirne il mistero.

        Scruto gli astri lucenti
        come polline asperso
        dentro il vasto l'universo;

        seguo il moto dei mondi
        nei tracciati dei voli
        dentro nubi di soli;

        scopro cieli ormai spenti
        buchi neri e profondi.

        In quel caos perfetto
        vedo nascer l'essenza
        della nostra esistenza

        che in principio evolve
        dallo stadio inerme
        di minuscolo germe,

        poi realizza il progetto
        che il destino assolve.
        Franco Patonico
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: FRANCO PATONICO

          Solitudine

          Son qui, com'è qui l'insetto,
          come il sasso e come il fiore,
          nella quiete di quest'ore,
          son qui solo al mio cospetto.

          Questo cielo ancor sereno
          sarà cupo e turbolento,
          poi spazzato via dal vento
          e squarciato dal baleno.

          Quella valla rappezzata
          è distesa fino al colle,
          ma nel tempo delle zolle
          sarà coltre violentata.

          Tutt'intorno non c'è gente
          testimone al mio sgomento:
          per quel dì che sarò spento
          lascio tutto o forse niente.

          Cedo al mondo i miei difetti
          con le ansie e con le noie
          e a voi cari, le mie gioie
          nello scrigno degli affetti.
          Franco Patonico
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: FRANCO PATONICO

            Un nuovo giorno

            Sera dolcissima
            lasciami andare,
            fammi volare
            oltre quei tetti
            dove il cielo si apre
            al battere d'ali.

            Notte di sogno
            portami altrove
            attraverso i sentieri,
            sui prati e sui campi,
            dove germogliano
            i miei pensieri.

            Mattino che nasce
            non farmi aspettare,
            dipana i grovigli
            delle mie convinzioni
            e cancella le attese
            di false illusioni.
            Franco Patonico
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: FRANCO PATONICO

              Ch' 'l diaul d'Dringulin (Quel diavolo di Terremoto)

              Ch' 'l diaul d'dringulin

              l'ser'dop'cena,
              d'invern'sotta l'fest',
              gì a lett'pareva prest'
              e s (e) nonna era in vena
              d'arcuntacc (e) qualca fola,
              tutti a sed'sopra la rola.
              Nisciun d'nò fiatava
              e c (e) bastava cusì pog'
              p'sta svegghi intorn'al fog'.
              E nonnna cò arcuntava?
              Com'tutt'l'altr'ser',
              tirava fora l'om'ner'.
              "Sent'i coppi sopra 'l tett':
              sa sta piova e sa st'vent'
              sarà 'na nott'da spavent'!
              E s (e) po' tr (e) mass' 'l lett',
              n'avè paura sa ninin,
              è ch' 'l diaul'd'dringulin',
              ma nò sem'siguri.
              Piuttost', vò stasera
              arcudevv'la pr (e) ghiera".
              E com'lia arbatteva i scuri,
              'l men'troll'd'nò era gitt'
              già a lett'zitt'zitt'.
              Franco Patonico
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: FRANCO PATONICO

                Filastrocca d'l cuntadin'

                Filastrocca d'l cuntadin'

                Com'tutt'l'matin'
                sve (ggh) ia'l gall'ma l'galin'

                senza arlogg (i) lù sa l'ora
                e dal pular'l'manda fora.

                'L cuntadin's'alza dal lett'
                e'l piccion'vien'giù dal tett';

                anch'la cioccia sgappa prest'
                sa i pulcini dal canestr',

                ma la gatta arman'da sola
                a durmì sopra la rola.

                C (i) 'ha'l vitell''na s (e) ttimana
                e prend''l latt'da la mungana;

                'l maial'par ch'sarnocchia
                e nt'l trocc's'pastrocchia.

                Già scudinzula p'l'ara
                'l cagnulin'ma la v (e) rgara

                e'l sumar'nun c (i) cred'
                ch''l caval'dorm'in pied'.

                C'è'l din don ch'fa la rota
                e nt'la pozza'l pesc (e) nota,

                anch'l'anitra c (e) sguazza,
                l'oca fugg (e) e starnazza.

                La capra zompa dal fienil'
                e ruba l'erba ma'l cunil'.

                Chi n'fa gnent'e chi fatiga,
                'l passarin'pia'na muliga;

                'l rundon'ancò nun vola,
                filastrocca campagnola.
                Franco Patonico
                Vota la poesia: Commenta