Scritta da: FRANCO PATONICO

P'custruì l'amor'

P' custrui' l'amor'

L'up'rai manual'
sa la cariola pina
careggia puntual'
la rena e la calcina.

Po' vien' 'l murador'
ch' custruisc' 'l mur'
e lu' ch' fa 'l lavor'
sa ch'è 'n m'stier' dur'.

Ma più dur' è fa a l'amor'
'ndò c (e) vol' 'l s'ntiment':
è 'na quistion d' cor'
ch' scumbina v'rament'.

'l madon' è 'l desideri
e 'l ciment' è la passion',
ma se 'n s' fa sul seri
nun regg (e) la custruzion'.

Davera saria pegg'
s (e) n' c (e) fuss' st' pilastr'
ch' in ogni casa regg'
e salva dal disastr'.

Ma l'om' è sframason',
'n po' tropp' mat'rial';
la donna ha ragion
a vulell' 'più gignal.

C (e) duvria p'nsa' ben'
chi corr' dietra 'na gonna;
ch' s'arcurdass' almen'
d'la festa d' la donna.
Franco Patonico
Composta giovedì 24 febbraio 2011
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: FRANCO PATONICO

    Ros(e)

    Ros (e)

    Sol' la purezza d' 'na rosa bianca
    t'argala 'l s (e)ntiment' c (e) manca.

    L' stess' effett' t' da 'na rosa rosa,
    ch'è d (e)licata e bella com' 'na sposa.

    Ma s (e) l'amor' ma te t' dà la scossa,
    allora c (e) vuria 'na rosa rossa,

    basta ch' n' sei g (e)los' com' cla farfalla
    ch' s'è pusata su 'na rosa gialla.

    Quant'arpensi ma l'amor ch'nun c (i)'hai più,
    vall' in cerca sa 'n bucciol'd' rosa blu,

    rosa nobil', v (e)lata d' tristezza
    ch' 'nt (e)n (e)risc (e) 'l cor sa la b (e)lezza.

    S (e) po' 'l'amor' t'ha lasciat' 'n dispiacer,
    'l culor ch' fa p'r te saria 'l ner'.

    Ma tra i culori, n' trovi propi quell',
    'na rosa nera, anco'n'è nata invell'.


    Solo la purezza di una rosa bianca
    ti regala il sentimento che ci manca.
    Lo stesso effetto ti dà una rosa rosa
    che è delicata e bella come una sposa.
    Ma se l'amore ti dà la scossa
    allora ci vorrebbe una rosa rossa,
    basta che non sei geloso come quella farfalla
    che si è posata su una rosa gialla.
    Quando ripensi all'amore che non hai più
    vallo in cerca con un bocciolo di rosa blu,
    rosa nobile, velata di tristezza,
    che intenerisce il cuore con la bellezza.
    Se poi l'amore ti ha lasciato un dispiacere,
    il colore che fa per te sarebbe il nero.
    Ma tra i colori non trovi proprio quello,
    una rosa nera ancora non si trova in nessun posto.
    Franco Patonico
    Composta lunedì 1 novembre 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: FRANCO PATONICO
      Parla com' magni
      (o magna com' parli)

      Se te parli com' magni
      po' ess' ch' n' c (e) capim',
      ma se la robba è bona
      poj parla' anch' in dialett'.

      Da no' s' magna ben',
      basta sapè 'ndo' andà;
      s' giri, anco' s' trova
      chi adopra 'l rasagnol'.

      Se po' te t'accuntenti
      e t' piac (e) 'l fast-food,
      quel ch' n' strozza ingrassa,
      ma e mej 'n bel panin'.

      Chi va dietra la moda
      cerca 'n'alt (e)rnativa,
      frances, americana,
      esotica o cines'.

      Cert' è quistion' d' gusti!
      S' magni quel ch' trovi
      e magari sa l'imbut',
      nun pudrai manc' discorr'.

      C (i)' avessi invec (e) mod
      d' magnà com' s' dev'
      e sgambiacc (e) do' parol',
      saria tutta salut'.

      O parli com' magni,
      o magni com' parli,
      caro mio c (e) poj scumett'
      ch' va ben' anch' 'l dialett'.


      Parla come mangi
      (o mangia come parli)
      Se tu parli come mangi
      può essere che non ci capiamo,
      ma se la roba è buona
      puoi parlare anche in dialetto.
      Da noi si mangia bene,
      basta sapere dove andare;
      se giri, ancora si trova
      chi adopera il mattarello.
      Se poi tu ti accontenti
      e ti piace il fast-food,
      quello che non strozza ingrassa,
      ma è meglio un bel panino.
      Chi va dietro alla moda
      cerca un'alternativa,
      francese, americana,
      esotica o cinese.
      Certo è questione di gusti!
      Se mangi quello che trovi
      e magari con l'imbuto,
      non potrai neanche discorrere.
      Ci avessi invece modo
      di mangiare come si deve
      e scambiarci due parole,
      sarebbe tutta salute.
      O parli come mangi,
      o mangi come parli,
      caro mio ci puoi scommettere
      che va bene anche il dialetto.
      Franco Patonico
      Composta giovedì 21 gennaio 2010
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: FRANCO PATONICO

        Il traffico a Natale

        Il traffico, nelle pause,
        concede spesso attimi
        di riflessione
        che prendono lo spunto
        dal comportamento
        delle persone.
        La gente rimane anonima
        sino a quando,
        motivi diversi,
        indesiderati, non intervengono
        a pungolarne la mente:
        un sorpasso,
        una frenata,
        un semaforo,
        un vigile.
        Quanto inquietudine!
        Eppure a casa
        li aspetta il Natale.
        Franco Patonico
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: FRANCO PATONICO

          Ritornano i canti

          Un fruscio leggero
          fra gli abeti illuminati;
          un rincorrersi di suoni
          tra i vicoli innevati.
          C'è un'armonia di note
          nelle canzoni antiche,
          che svegliano i ricordi
          della mia età fanciulla.
          Ritornano i canti
          in folate di stornelli,
          come tanti pentagrammi
          che scendon dalle stelle.
          È un vento melodioso
          che sfiora le montagne
          e le pareti inghirlandate
          del mio piccolo presepe.
          Il volo degli Auguri
          non reca alcun presagio,
          ma insegue in cielo i sogni,
          della notte di Natale.
          Franco Patonico
          Composta venerdì 27 novembre 2009
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di