Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: FRANCO PATONICO

La nev' a S'nigaja / La neve a Senigallia

Prima a dicembr' e po' a g'nar'
com' tutti anch'io dicev',
è 'invern' e manc' par',
nun fa fred' e n' fa la nev'.
Ma è stata 'n illusion',
m' sa ch' n' c (i)' armann'
p'r aria' sta stagion':
farà fredd' anch' st'ann'.
E la cunferma po' c'è stata:
'l vent' è adè gambiat';
sә l'avә vam' scampata,
puntual' lu' è arrivat. '
Ha cuminciat' pian' pianin',
prima butava 'n po' d'acquetta
ch' sa la bora e 'l bausin'
è div'ntata piova stretta.
Enn' po' 'nut' l' mar'ggiat'
e hann' fatt' 'n bel macell'.
l' arә nil' hann' magnat'
e n' s'è' salvat' invell';
Sa ch'l vent' ch' tirava
ha cuminciat' a sfarfallà,
ma la nev' nun taccava,
p'rché duveva anco'gә là.
Ma da la sera a la mattina
avresti vist' ch' chiaror"!
Da l' culin' a la marina
anicò bianc', era 'n candor'.
E oggi è com' ier',
anzi 'l temp' è p'ggiurat';
ha fatt' tutt' 'n m'stier'
e S'nigaja ha incasinat'.
La nev' fresca nun c (e) bagna,
avem' salvat' 'l cont' in banca:
n'acada gì in muntagna,
farem' machì la stimana bianca.


La neve a Senigallia
Prima a dicembre e poi a gennaio
come tutti anch'io dicevo
e' inverno e neanche pare,
non fa freddo e non fa la neve.
Ma è stata un' illusione,
mi sa che non ci rimane
per aria questa stagione:
farà freddo anche quest'anno.
E la conferma poi c'è stata:
il vento adesso è cambiato,
se l'avevamo scampata
puntuale lui è arrivato.
Ha incominciato pian pianino,
prima buttava un po' d'acquetta
che con la bora e l'aria fredda
è diventata pioggia stretta.
Sono poi venute le mareggiate
e hanno fatto un bel macello,
l'arenile hanno mangiato
e no si è salvato nessun posto.
Con quel vento che tirava
ha incominciato a sfarfallare,
ma la neve non attaccava
perché doveva ancora gelare.
Ma dalla sera alla mattina,
avresti visto che chiarore!
Dalle colline alla marina,
tutto bianco, era un candore.
E oggi è come ieri,
anzi il tempo è peggiorato;
ha fatto tutto un mestiere
e Senigallia ha incasinato.
La neve fresca non ci bagna,
abbiamo salvato il conto in banca,
non occorre andare in montagna
faremo qui la settimana bianca.
Franco Patonico
Composta giovedì 16 febbraio 2012
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: FRANCO PATONICO

    La nev' a S'nigaja/ La neve a Senigallia

    Prima a dicembr' e po' a g (e)nar'
    com' tutti anch'io dicev',
    è 'invern' e manc' par',
    nun fa fred' e n' fa la nev'.
    Ma è stata 'n' illusion',
    m' sa ch' nun c (i) armann'
    p'r aria' sta stagion':
    farà fredd' anch' st'ann'.
    E la cunferma po' c'è stata:
    'l vent' è adè gambiat';
    s (e) l'av (e)vam' scampata,
    puntual' lu' è arrivat. '
    Ha cuminciat' pian' pianin',
    prima butava 'n po' d'acquetta
    ch' sa la bora e 'l bausin'
    è div'ntata piova stretta.
    Enn' po' 'nut' l' mar'ggiat'
    e hann' fatt' 'n bel macell'.
    l' ar (e)nil' hann' magnat',
    e n' s'è' salvat' invell';
    Sa ch'l vent' ch' tirava
    ha cuminciat' a sfarfallà,
    ma la nev' nun taccava,
    p'rché duveva anco'g (e)là.
    Ma da la sera a la mattina
    avresti vist' ch' chiaror''!
    Da l' culin' a la marina
    anicò bianc', era 'n candor'.
    E ogg (i) è com' ier',
    anzi 'l temp' è p'ggiurat';
    ha fatt' tutt' 'n m'stier'
    e S'nigaja ha incasinat'.
    La nev' fresca nun c (e) bagna,
    avem' salvat' 'l cont' in banca:
    n'acada gì in muntagna,
    farem' machì la stimana bianca.

    Prima a dicembre e poi a gennaio
    come tutti anch'io dicevo
    e' inverno e neanche pare,
    non fa freddo e non fa la neve.
    Ma è stata un' illusione,
    mi sa che non ci rimane
    per aria questa stagione:
    farà freddo anche quest'anno.
    E la conferma poi c'è stata:
    il vento adesso è cambiato,
    se l'avevamo scampata
    puntuale lui è arrivato.
    Ha incominciato pian pianino,
    prima buttava un po' d'acquetta
    che con la bora e l'aria fredda
    è diventata pioggia stretta.
    Sono poi venute le mareggiate
    e hanno fatto un bel macello,
    l'arenile hanno mangiato
    e no si è salvato nessun posto.
    Con quel vento che tirava
    ha incominciato a sfarfallare,
    ma la neve non attaccava
    perché doveva ancora gelare.
    Ma dalla sera alla mattina,
    avresti visto che chiarore!
    Dalle colline alla marina,
    tutto bianco, era un candore.
    E oggi è come ieri,
    anzi il tempo è peggiorato;
    ha fatto tutto un mestiere
    e Senigallia ha incasinato.
    La neve fresca non ci bagna,
    abbiamo salvato il conto in banca,
    non occorre andare in montagna
    faremo qui la settimana bianca.
    Franco Patonico
    Composta lunedì 6 febbraio 2012
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: FRANCO PATONICO

      Bon Natal' / Buon Natale

      Da domila anni e 'n po',
      sia ch' sem' cr'denti o no,
      f'st'ggiam' com' c (e) par'
      l' f'stività più car'.
      No' s'apetta 'l Natal'
      sa la scelta d'l r'gal'
      di v'stiti e d' la cena:
      c (e) s'ntim' tutti in vena.
      anch' s' scurdam' spess'
      ch' 'l Natal' duvria ess'
      fra tutt' c (h)' l'altr' cos'
      più 'n event' r'ligios'.
      Ma po' a la fin' s' fa anicò
      e andria ben' anch' aculmò:
      i r'gai e 'n bel c (e)non',
      com' vol' la tradizion'.
      S' farann' cuntenti i fioj,
      'n p'nsier' ma la moj,
      i auguri ma i parenti
      e ma tutti i cunuscenti.
      Fatt' quest', ben' o mal',
      pass'rà anch' 'l Natal',
      insiem' com' cunvien',
      p'r vulecc (e) anco' più ben'.


      Buon Natale
      Da duemila anni e un po',
      sia che siamo credenti, o no,
      festeggiamo come ci pare
      le festività più care.
      Noi si aspetta il Natale,
      con la scelta del regalo,
      dei vestiti e della cena:
      ci sentiamo tutti in vena.
      Anche se dimentichiamo spesso
      che il Natale dovrebbe essere,
      fra tutte quelle altre cose,
      più un evento religioso.
      Ma poi alla fine si fa tutto,
      e andrebbe bene anche così,
      i regali e un bel cenone,
      come vuole la tradizione.
      Si faranno contenti i figli,
      un pensiero alla moglie,
      gli auguri ai parenti
      e a tutti i conoscenti.
      Fatto questo, bene o male,
      passerà anche il Natale,
      insieme come conviene,
      per volerci ancor più bene.
      Franco Patonico
      Composta giovedì 8 dicembre 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: FRANCO PATONICO

        L'amor è 'n sest' sens' / L'amore è un sesto senso

        L'amor' bocca dapp'rtutt',
        drenta 'l cor' e nt' la testa:
        e ugual' a 'n tarl', a 'n rus'ghin'
        pia l'stommigh' e i budei.

        Più d' 'n ladr' è sil'nzios',
        ma è 'n guai si fa rumor';
        e' 'n traditor' ch' fa la spia,
        e n' vol' ess' prigiunier'.

        Ogni suspir' o batt'cor
        rintrona pegg' d'n tambur'.
        E' astratt', lu' n' s' tocca,
        ma s (e) t' tocca, t' scumbina.

        Com' l'acqua è inudor',
        o prufumat' più d' 'n fior.
        Pol' ess' dolc (e) o anch' amar,
        indigest' o d'licat'.

        St'amor è anch' evan'scent',
        n' pia post, ma è invadent';
        è l'gger' più d' l'aria,
        ma più d' l'aria è cunsistent'.

        Po' ess' sol' 'n fil' d' fiat'
        o sidonca 'n carrarrmat';
        n' c'è rimedi p' curall',
        nè giova ess' vaccinat'.

        Saria propi 'n sest' sens'
        ch' i altri cinqu' c (e) cunfond'
        t'imbacucca e a vulell',
        se te c (e) caschi, po' ess' bell'.


        L'amore entra dappertutto
        dentro il cuore e nella testa:
        è uguale a un tarlo, a un rodimento,
        prende lo stomaco e l'intestino.
        Più di un ladro è silenzioso,
        ma è un guaio se fa rumore;
        è un traditore, che fa la spia
        e non vuol essere prigioniero.
        Ogni sospiro o batticuore
        rintrona peggio d'un tamburo;
        è astratto, lui non si tocca,
        ma se ti tocca, ti scombina.
        Come l'acqua è inodore
        o profumato più d'un fiore;
        può essere dolce o anche amaro,
        indigesto o delicato.
        Questo amore è anche evanescente,
        non prende posto, ma è invadente;
        è leggero più dell'aria,
        ma più dell'aria è consistente.
        Può essere solo un filo di fiato,
        o altrimenti un carro armato;
        non c'è rimedio per curarlo,
        né giova essere vaccinato.
        Sarebbe proprio un sesto senso
        che gli altri cinque ci confonde;
        ti imbacucca e a volerlo,
        se tu ci caschi, può essere bello.
        Franco Patonico
        Composta giovedì 24 novembre 2011
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: FRANCO PATONICO

          Il mio paese

          'l paes' mia

          Machi so nat'
          e quest' è 'l post più bell';
          machì so armast
          e m' sa che n' vagh invell'.
          Machì ho cuntat'
          ogni sass' e ogni madon'
          e ho scupert'
          ogni via e ogni canton'.
          Machì vo' in gir'
          e incontr' ma la gent':
          o è parent' o è 'n amic'
          o 'n cunuscent'.
          E s' v' l' ho da dì
          'ndo' s' campa mej,
          machì ho vissut'
          i giorni mia più bej.


          Il mio paese

          Qui sono nato
          e questo è il posto più bello;
          qui sono rimasto
          e mi sa che non vado in nessun posto.
          Qui ho contato
          ogni sasso e ogni mattone
          e ho scoperto ogni via e ogni cantone.
          Qui vado in giro
          e incontro la gente:
          o è parente o un amico
          o un conoscente.
          E se ve lo devo dire
          dove si vive meglio,
          qui ho vissuto
          I giorni miei più belli.
          Franco Patonico
          Composta mercoledì 15 dicembre 2010
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: FRANCO PATONICO

            L'appuntament' (l'appuntamento)

            L' appuntament'

            'n appuntament' vol' di' puntualità
            e po' ess' 'n impegn' o 'na casualità,

            ma quant' volt' s' perd' st'appuntament'
            e c' s'arpara dietra 'n contrattemp'?

            "N'ho armess la svegghia e n' m' so'sv'gghiat!"
            o la colpa è d'n fatt' inasp'ttat.,

            Ma purtropp' c'è chi n' l' scorda miga
            e n' s' sparagna manc' la fatiga.

            P'r lia 'l temp' pol' ess' long' o cort',
            in do' parol', io parl' d' la mort'.

            T'avess' scritt' 'l nom' sul libr' ner',
            'n c'è chi è più pr'cis' o più sincer'.

            E n' vòl' cert' l' raccumandazion',
            s'è nuta l'ora, manc' 'na dilazion'.

            C' sarinn' do' modi a falla scumbinà,
            e s' c (e)' provi, poj anch' scantunà.

            'n mod' saria d' fatt' truvà già mort',
            ma è com' s (e) s'anticipass la sort.

            C'è 'n antr' mod', ma costa 'na furtuna:
            prend' al vol' 'n razz' p' la luna.

            Lassù 'n mes' dura 'na nott' e 'n giorn';
            Sa do' stiman', è 'n ann' ch' giri intorn'.

            Cusì la mort' p'r pià l'appuntament'
            n' c (i)'arcapezza e 'i pol passa d' ment'.

            TRADUZIONE:

            L'APPUNTAMENTO

            Un appuntamento vuol dire puntualità
            e può essere un impegno o una casualità,
            ma quante volte si perde questo appuntamento
            e ci si ripara dietro un contrattempo?
            "Non ho rimesso la sveglia e non mi sono svegliato!"
            O la colpa è di un fatto inaspettato.
            Ma purtroppo c'è chi non lo scorda mica
            e non si risparmia neanche la fatica.
            Per lei il tempo può essere lungo o corto,
            in due parole, io parlo della morte.
            T'avesse scritto il nome sul libro nero,
            non c'è chi è più preciso o più sincero.
            E non vuole certo le raccomandazioni,
            se è venuta l'ora, neanche una dilazione.
            Ci sarebbero due modi per farla scombinare,
            un modo sarebbe di farti trovare già morto,
            ma è come se si anticipasse la sorte.
            C'è un altro modo, ma costa una fortuna:
            prendere al volo un razzo per la luna.
            Lassù un mese dura una notte e un giorno;
            con due settimane, è un anno che giri intorno.
            Così la morte per prendere l'appuntamento
            non si raccapezza e le può passar di mente.
            Franco Patonico
            Composta mercoledì 11 maggio 2011
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: FRANCO PATONICO

              P'custruì l'amor'

              P' custrui' l'amor'

              L'up'rai manual'
              sa la cariola pina
              careggia puntual'
              la rena e la calcina.

              Po' vien' 'l murador'
              ch' custruisc' 'l mur'
              e lu' ch' fa 'l lavor'
              sa ch'è 'n m'stier' dur'.

              Ma più dur' è fa a l'amor'
              'ndò c (e) vol' 'l s'ntiment':
              è 'na quistion d' cor'
              ch' scumbina v'rament'.

              'l madon' è 'l desideri
              e 'l ciment' è la passion',
              ma se 'n s' fa sul seri
              nun regg (e) la custruzion'.

              Davera saria pegg'
              s (e) n' c (e) fuss' st' pilastr'
              ch' in ogni casa regg'
              e salva dal disastr'.

              Ma l'om' è sframason',
              'n po' tropp' mat'rial';
              la donna ha ragion
              a vulell' 'più gignal.

              C (e) duvria p'nsa' ben'
              chi corr' dietra 'na gonna;
              ch' s'arcurdass' almen'
              d'la festa d' la donna.
              Franco Patonico
              Composta giovedì 24 febbraio 2011
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: FRANCO PATONICO

                Ros(e)

                Ros (e)

                Sol' la purezza d' 'na rosa bianca
                t'argala 'l s (e)ntiment' c (e) manca.

                L' stess' effett' t' da 'na rosa rosa,
                ch'è d (e)licata e bella com' 'na sposa.

                Ma s (e) l'amor' ma te t' dà la scossa,
                allora c (e) vuria 'na rosa rossa,

                basta ch' n' sei g (e)los' com' cla farfalla
                ch' s'è pusata su 'na rosa gialla.

                Quant'arpensi ma l'amor ch'nun c (i)'hai più,
                vall' in cerca sa 'n bucciol'd' rosa blu,

                rosa nobil', v (e)lata d' tristezza
                ch' 'nt (e)n (e)risc (e) 'l cor sa la b (e)lezza.

                S (e) po' 'l'amor' t'ha lasciat' 'n dispiacer,
                'l culor ch' fa p'r te saria 'l ner'.

                Ma tra i culori, n' trovi propi quell',
                'na rosa nera, anco'n'è nata invell'.


                Solo la purezza di una rosa bianca
                ti regala il sentimento che ci manca.
                Lo stesso effetto ti dà una rosa rosa
                che è delicata e bella come una sposa.
                Ma se l'amore ti dà la scossa
                allora ci vorrebbe una rosa rossa,
                basta che non sei geloso come quella farfalla
                che si è posata su una rosa gialla.
                Quando ripensi all'amore che non hai più
                vallo in cerca con un bocciolo di rosa blu,
                rosa nobile, velata di tristezza,
                che intenerisce il cuore con la bellezza.
                Se poi l'amore ti ha lasciato un dispiacere,
                il colore che fa per te sarebbe il nero.
                Ma tra i colori non trovi proprio quello,
                una rosa nera ancora non si trova in nessun posto.
                Franco Patonico
                Composta lunedì 1 novembre 2010
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: FRANCO PATONICO
                  Parla com' magni
                  (o magna com' parli)

                  Se te parli com' magni
                  po' ess' ch' n' c (e) capim',
                  ma se la robba è bona
                  poj parla' anch' in dialett'.

                  Da no' s' magna ben',
                  basta sapè 'ndo' andà;
                  s' giri, anco' s' trova
                  chi adopra 'l rasagnol'.

                  Se po' te t'accuntenti
                  e t' piac (e) 'l fast-food,
                  quel ch' n' strozza ingrassa,
                  ma e mej 'n bel panin'.

                  Chi va dietra la moda
                  cerca 'n'alt (e)rnativa,
                  frances, americana,
                  esotica o cines'.

                  Cert' è quistion' d' gusti!
                  S' magni quel ch' trovi
                  e magari sa l'imbut',
                  nun pudrai manc' discorr'.

                  C (i)' avessi invec (e) mod
                  d' magnà com' s' dev'
                  e sgambiacc (e) do' parol',
                  saria tutta salut'.

                  O parli com' magni,
                  o magni com' parli,
                  caro mio c (e) poj scumett'
                  ch' va ben' anch' 'l dialett'.


                  Parla come mangi
                  (o mangia come parli)
                  Se tu parli come mangi
                  può essere che non ci capiamo,
                  ma se la roba è buona
                  puoi parlare anche in dialetto.
                  Da noi si mangia bene,
                  basta sapere dove andare;
                  se giri, ancora si trova
                  chi adopera il mattarello.
                  Se poi tu ti accontenti
                  e ti piace il fast-food,
                  quello che non strozza ingrassa,
                  ma è meglio un bel panino.
                  Chi va dietro alla moda
                  cerca un'alternativa,
                  francese, americana,
                  esotica o cinese.
                  Certo è questione di gusti!
                  Se mangi quello che trovi
                  e magari con l'imbuto,
                  non potrai neanche discorrere.
                  Ci avessi invece modo
                  di mangiare come si deve
                  e scambiarci due parole,
                  sarebbe tutta salute.
                  O parli come mangi,
                  o mangi come parli,
                  caro mio ci puoi scommettere
                  che va bene anche il dialetto.
                  Franco Patonico
                  Composta giovedì 21 gennaio 2010
                  Vota la poesia: Commenta