Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Anna De Santis

A mio figlio

Mio grande amore,
per le tue bugie, dettate dai vent'anni
stai distruggendo un sogno,
per il tuo orgoglio e le tue manie.
Non posso parlare, gridare,
otterrei il contrario,
né prenderti a schiaffi,
fino a farti male.
Ti posso solo amare,
come solo una mamma sa fare.
Non nasconderti dietro
ai lasciami fare, non ti preoccupare,
so dove andare, chi frequentare.
Ti prego amore,
la notte voglio dormire
senza contar le ore.
Non trovare giustificazioni
alle tue azioni,
ci son passata anch'io,
Indietro non potrai tornare
e quante mortificazioni!
Non seguire sentieri tortuosi,
non seminare in terreni infruttuosi,
cerca di seguire il cuore,
ti prego amore...
Anna De Santis
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna De Santis

    Non ti scorderò mai

    Ci sarai sempre quando avrò paura
    quando mi cimenterò
    in una nuova avventura.
    Porterò sempre un tuo ricordo,
    un amuleto forse
    posto nelle mie mani
    e le tue parole:
    Attenta amore, sola rimani,
    corri incontro alla vita
    ma voltati a guardare
    tutto il tuo passato.
    Tu sai quanto ti ho amato,
    ti basterà per il resto dei tuoi giorni
    tutto il mio amore,
    anche quando sarai sola
    portalo nel cuore.
    Non lasciar andare mai via i ricordi,
    seguiranno ed arricchiranno la tua storia.
    Andrò via da te
    e quando più non ci sarai.
    Mamma non ti scorderò mai.
    Anna De Santis
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna De Santis

      Paura d'amare

      Quando le tue braccia stringeranno il cuscino,
      nessun ricordo rimarrà, nel cuore
      mai niente proverai se non ti lasci andare.
      La tua vita scivola in un letto calmo,
      dove l'acqua non incontra inganno,
      dove le pietre non dovrai scansare,
      né le rapide attraversare....
      Non proverai gioia né dolore
      Se non hai mai avuto un amore
      per la paura di dover soffrire,
      e certamente comincerai a morire.
      Ora lanciati, è una folle corsa,
      una strada ad ostacoli da superare,
      stanca avrai modo di riposare
      ma se non provi cosa vuoi fare?
      Ricorda il rischio è sempre presente,
      ma è meglio vivere anche perdente,
      non lasciar scorrere questa tua età,
      perché il tuo cuore, senza provare, ne morirà.
      Anna De Santis
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Anna De Santis

        La libertà

        La libertà
        Libertà è una parola difficile,
        costretta dalla vita ad essere fraintesa,
        libertà ingabbiata dalle nostre paure,
        dai momenti, da certi discorsi,
        da gente ignorante che non capisce niente.
        Il mio pensare è libero, ma non si può sentire,
        piano arriva, a chi mi vuol capire,
        a volte come eco, sussurrato per non fare male,
        ma a volte, forte grida nel mio cuore
        Libertà di amare, in tutte le sue forme,
        sopra ogni nuvola dove sono le mie orme,
        dove ogni notte mi trascino
        stanca di vivere una vita di parvenza
        dove ognuno si tiene dentro quel che pensa,
        libertà virtuale dove tutti stanno male,
        dove il ti voglio bene si deve pensare,
        una carezza si deve pesare,
        dove l'amore non è più un piacere,
        libertà ancora... ma quando? È ancora da conquistare.
        Anna De Santis
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Anna De Santis

          Follia

          Con le mie mani darò forma alle emozioni,
          ai miei giorni tristi,
          ai momenti persi,
          gioia nei colori,
          musica e poesia.
          Darò vita alla morte,
          cambierò la sorte,
          col mio pennello il sole avrà più luce,
          del mare sentirai la voce.
          Darò forma ai sogni
          ai miei desideri,
          salirò per colli,
          sfondando ogni scuro
          e cadrò in fondo, sempre più insicuro.
          Salirò nel cielo insieme a quelle rondini,
          per seguirne il volo.
          Fermerò il tempo,
          sul viso di chi mi ha voluto bene,
          sarò per voi pagliaccio e funambolo,
          venite avanti, sarò tutto quello che volete
          nelle mie tele, nelle mie creature
          a cui darò vita col mio cuore.
          Vi regalerò un po' di fantasia,
          per chi vorrà seguirmi
          in questa mia follia.
          Anna De Santis
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Anna De Santis

            La mia storia

            Nelle mie poesie troverai me, quello che ho avuto
            la mia storia in frasi scritte
            ed in quelle solo pensate
            perché il coraggio a volte l'ho perduto.

            Ricordi che volevo mettere da parte
            cicatrici che fanno ancora male
            ma in quello specchio ci sono sempre io
            mentre il tempo passa e mi riconosco
            nelle giornate tristi come d'autunno in un intricato bosco...

            Forse ho sbagliato nel concedermi troppo
            nell'amplificare i sentimenti
            nel confidare tutti i miei tormenti
            nel riporre fiducia a chi non meritava
            sono qui a fare il mea culpa
            non volevo certo farmi dire brava...

            Nonostante tutta l'esperienza
            non riesco a cambiare
            agisco sempre in buona fede
            e metto al primo posto la speranza.

            Molto è scivolato sul mio viso
            ma qualche ruga segna ogni passaggio
            ho trovato alla fine un comodo posto
            e mi sono fermata
            non era certo il mio sogno
            mi sono adattata
            la vita spesso non ti fa scegliere
            come tu vorresti
            ma ti fa sognare ancora
            come potresti...
            ed io ho trovato nello scrivere e nella fantasia
            per fortuna un'altra via...
            Anna De Santis
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Anna De Santis

              Lassamo er monno comme se trova

              Senti jè disse la gallina ar gallo,
              è ora che anco tu te covi l'ova,
              so stufa de stà sempre quà drentro
              vojo annà a passeggià un po' de libertà.
              Certo, je disse er gallo assai contento,
              de potesse un poco riposare,
              me piace questo cambio,
              però me devi da promette
              che alle 5 svej er mio padrone,
              devi da cantà presto ogni mattina
              sennò te rischi na bastonatina.
              Va avanti per un po' la gallinella,
              tutta sera su pe l'aia abballa
              e ogni mattina all'arba va a cantà.
              Doppo quarche mattina nun se sveja più la gallina
              che tutto er giorno avea razzolato.
              Ecco er padrone che se fa sull'uscio:
              gallo che te sei inceppato?
              Mo vengo giù te sgozzo e me te magno,
              impaurita la gallina
              se rifugia ner pollaio
              mentre er gallo se sente strillà.
              La storia te insegna che co le femmine
              li patti nun se ponno fà
              quanno che vengono pe te aiutà
              te vonno solo rovinà
              e te se rigirano comme ponno fà.
              Scusame dello scambio burrascoso,
              fa la gallina ar gallo
              abbassanno le scelle,
              nun pensavo fosse così pericoloso.
              Rimettemo er monno comme stava
              tu canti la mattina, io covo l'ova.
              Anna De Santis
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Anna De Santis

                A Pallina ( il mio cane)

                Sarò la tua mamma,
                che non hai conosciuto,
                per quelle bestie che ti hanno abbandonato
                ti allatterò, ti cullerò,
                ti scalderò con il mio amore,
                dolce sarà vederti crescere.
                Amore mio, amore senza parole,
                morbidoso rifugio delle mie carezze,
                delle mie giornate fredde,
                davanti al fuoco di un camino.
                Sei lo sfogo di tutte le amarezze,
                il confidente, col mio bicchier di vino,
                di quello che vorrei gridare
                e che dentro fà male.
                Il mio piccolo cucciolo invadente,
                mi stai a sentire
                con gli occhi innamorati,
                senza dire niente.
                Solo gioia a non finire,
                senza discutere, senza intervenire.
                Amore, non servono parole
                quando tanti anni abbiamo trascorso insieme,
                sei il pretendente sognato,
                fedele, fino a morire,
                ma tu lo sai quanto ti ho amato.
                Anna De Santis
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Anna De Santis

                  Senza parole

                  Voglio ricordarti così
                  senza troppe parole
                  asciugando ancora una lacrima
                  dopo tanto amore
                  che non è mai stato inutile o dimenticato.
                  Mia compagna fedele
                  In questi lunghi anni trascorsi insieme
                  hai visto crescere i miei figli e crescere me
                  ogni giorno sentivo la gioia di averti vicina
                  la complicità che ci legava
                  senza consigliarmi né condizionarmi
                  hai saputo seppur discreta
                  calmare a volte la mia ira con la tua dolcezza
                  e quel musino che si strusciava
                  per avere e farmi una carezza
                  e bastava guardarti negli occhi
                  che tutto il resto diventava niente.
                  Insieme condiviso gioie e dolori
                  nel tuo come nel mio cuore sempre presente
                  e sapevi tu come consolare
                  quella mia pena e quel mio aspettare
                  il figlio che doveva tornare...
                  non potrò mai dimenticare
                  e non avrò mai più in nessuno
                  così vicino seppur amandomi infinitamente
                  senza mai parlare...
                  Anna De Santis
                  Vota la poesia: Commenta