Scritta da: ODIOSA

È colpa mia

Sul mio corpo
l'acqua brucia
ma le ferite bruciano di più,
il suo respiro su di me
e lui che picchia, picchia.

L'acqua scorre
ed io strofino forte
ma quelle mani
sono ancora lì.

I jeans tirati via
"maledetta grida"
ma la voce non c'è.
Nessuno deve sapere
"È colpa mia".

L'acqua scorre
ed io strofino forte
ma quelle mani
sono ancora lì.
Tindara Cannistrà
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: ODIOSA

    A Matteo

    E ti ritrovo lì
    in quella stanza piena di bimbi
    E tu in disparte con la tua lunga criniera bionda
    bello come un angelo
    E ti ritrovo lì chiuso in un mondo di cui
    soltanto tu hai le chiavi.
    E ti ritrovo mentre ti tendo le braccia
    e mi vieni incontro
    e piano piano mi accorgo
    che hai aperto la porta
    di quel mondo strano.
    ... per farmi entrare.
    Eppure io ti ho dato solo un
    sorriso.
    Tindara Cannistrà
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: ODIOSA
      Si perde dentro me
      il tuo sorriso
      scavato nella notte
      degli oblii

      Si perde dentro me
      il tuo pensiero
      sepolto nel labirinto
      del cuore

      Si perde dentro me
      quest'amore
      come un sogno
      senz' ali per volare

      prima ancora che sapesse
      il tuo nome
      prima ancora l'averti
      incontrato

      ti amava.
      Tindara Cannistrà
      Composta venerdì 29 giugno 2012
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di