Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Salvatore Coppola

Nato a Agrigento (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Proverbi.

Scritta da: Salvatore Coppola

I confini del mondo

Per varcare i confini del mondo
ho bisogno di starmene solo
chiuso dentro di me furibondo
le mie lacrime formano un velo.
Non riesco a fermare il dolore
tormentoso e violento nel cuore
mi disprezzo per essere nato
come inutile frutto d'Amore.
A che serve gridare alla gente
che sto male e non voglio soffrire
dicon tutti che "questa è la vita"
voglia il cielo che sia già finita.
Per varcare i confini del mondo
ho bisogno due ali d'Argento,
non ritorno a raccogliere l'ombra
nella notte, la sagoma scura.
Falcerò la mia triste esistenza
come un campo di grano ingiallito;
Nella vita ho diffuso pensieri
le poesie come rime preziose.
Ora chiudo. Il mio tempo è scaduto,
mi preparo a quel lungo viaggio
ho trovato due ali d'Argento
per varcare i confini del mondo!
Salvatore Coppola
Composta martedì 4 gennaio 2011
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Salvatore Coppola

    Un posto dentro il cuore

    Ho tanta voglia di lei
    ho voglia di amarla, gloriarla,
    tenerla su di un fulcro,
    luce di un'anima gentile.
    Ho voglia di sfiorarla
    carezzare i suoi sogni,
    vigilare i suoi pensieri.
    Ho voglia di addormentarmi
    nei suoi occhi scintillanti,
    proteggerla, viverla,
    offrirle la mia vita,
    è con lei viaggiare
    in un mondo di passione,
    vestirmi del suo sorriso.
    È quando il mio amore
    avrà raggiunto l'estremo,
    donerò a lei, la certezza
    di un posto dentro il cuore.
    Salvatore Coppola
    Composta lunedì 21 marzo 2011
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Salvatore Coppola

      La mia aria

      Quante volte
      hai respirato la mia aria.
      Quante volte
      hai goduto del mio sorriso.
      Quante volte
      hai asciugato le mie lacrime.
      Quante volte
      hai sfiorato
      le mie mani con le tue labbra.
      Quante volte
      ti sei rispecchiata
      nelle mie rime.
      Quante volte
      hai seguito la mia ombra
      riflessa sui muri.
      Quante volte
      sei entrata nel mio cuore.
      Quante volte
      nella tua vita
      hai cercato rifugio
      nel mio amore.
      Adesso non fermarti a pensare.
      Prima di darti
      una risposta affrettata,
      leggi attentamente
      dentro il mio cuore,
      fattene una ragione.
      Devi semplicemente convincerti,
      che il sole non potrà mai
      baciare la luna è che,
      le cose della vita spesso,
      non sono come sembrano.
      Salvatore Coppola
      Composta domenica 20 marzo 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Salvatore Coppola

        Come un passero

        Come un passero
        perso nel bosco,
        ti sei chiusa in silenzio
        in un angolo stretto.
        Non riuscivi a capire l'inganno,
        che qualcuno tramava nell'ombra,
        un miserabile uomo malvagio
        ha beffato i tuoi sensi innocenti.
        Come può una persona sommaria
        calpestar la figura di donna
        maledetto quel giorno cresposo,
        che scalfì la dolcezza di un cuore.
        Ora dico a te lurido verme,
        non andare oltre il limite onesto,
        hai distrutto pensieri illibati
        di quel cuore di donna sincero.
        Salvatore Coppola
        Composta mercoledì 23 marzo 2011
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Salvatore Coppola

          Così deve andare

          E così che deve andare
          spalancherò i balconi
          aprirò le finestre al mondo
          chiuderò le porte del cuore.
          E così che andrà
          sarò io e soltanto io
          solo e con l'aiuto di Dio
          raggiungerò l'eternità.
          Lontano in un mondo diverso
          libero di gioire, di correre
          di volare, di morire d'amore
          senza spine irte al cuore.
          E così che deve andare
          per la vita e pieno di vita
          aggrappato alla verità
          con forza e con vigore.
          Così deve andare
          le mie mani riposeranno
          non vorranno più tremare
          e mai più la cercheranno.
          Salvatore Coppola
          Composta mercoledì 27 aprile 2011
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Salvatore Coppola

            Il mio rimpianto

            Ho un solo rimpianto;
            di non aver vissuto
            intensamente, a lungo,
            come avrei voluto.
            Non ho saputo respirare
            l'aria del cielo infinito
            gli occhi delle stelle
            l'argento della luna.
            Non ho saputo amare
            le gioie della vita
            del mare in tempesta
            i battiti di un cuore impazzito.
            Vago nel nulla o niente
            in cerca di amori infiniti
            di una vita misteriosa
            o di sogni mai vissuti.
            Salvatore Coppola
            Composta giovedì 28 aprile 2011
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Salvatore Coppola

              Nel pozzo della vita

              Camminerò così,
              in punta di piedi
              senza far rumore
              neanche una parola.
              Lascerò ogni cosa
              le mie ali morte
              piuma dopo piuma
              l'aria che respiro.
              Mi affiderò alla sorte grama
              alle onde spumeggianti
              ai vortici infernali
              del mare già in tempesta.
              Camminerò così
              sconfitto e senza meta
              nel pozzo della vita
              affogherò i miei sogni.
              Salvatore Coppola
              Composta venerdì 29 aprile 2011
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Salvatore Coppola

                A fil di penna

                Non posso dir che l'amo
                ad ogni passo incerto,
                il cuore mio s'abbatte
                si arrende, non combatte.
                A fil di penna incido
                due frasi negli appunti,
                alloggio provvisorio
                da grande repertorio.
                Mi chiudo in una stanza
                lambicco la mia mente
                coi nervi a fior di pelle
                consulto un dizionario.
                Sinonimi o contrari,
                inversi ed iperonimi,
                in essi trovo appoggio
                fortificando l'estro.
                Rientro nelle scene
                riprendo a verseggiare
                poesie senza fine
                che scalderanno i cuori.
                Salvatore Coppola
                Composta giovedì 4 agosto 2011
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Salvatore Coppola

                  Mentre ti penso

                  Volevo parlarti di me!
                  Dirti tutto della mia vita,
                  cosa faccio, come sono fatto,
                  di come io,
                  trascorro le mie giornate.
                  Volevo parlarti di me!
                  Dove vado, il lavoro che faccio,
                  se mi incontro con gli amici,
                  di che colore...
                  sono dipinti i miei sogni.
                  Ecco!
                  Di questo vorrei parlarti,
                  non di vissuti banali,
                  non di parole scontate
                  che in te possano creare disagio.
                  Volevo parlarti di me!
                  Di un uomo
                  Che va in giro per il mondo.
                  Di un uomo
                  affamato di verità...
                  In conflitto con le sue stesse idee.
                  Di un uomo
                  che ama, che vuole essere amato.
                  Di un uomo
                  in cerca di quelle emozioni
                  che gli facciano sentire
                  il sapore di una vita speciale.
                  Volevo parlarti di me!
                  Della mia solitudine,
                  di come, insieme a te,
                  potrei armonizzare i miei pensieri.
                  Volevo parlarti di me!
                  Di come s'infiammano i miei occhi
                  dopo aver versato mille lacrime,
                  di come...
                  vorrei stringerti tra le braccia
                  per trasmetterti l'energia
                  di quella fiamma
                  che brucia dentro il mio cuore.
                  Volevo parlarti di me!
                  Per dirti che il vento si placherà,
                  che il mio tempo...
                  raggiungerà presto il suo tempo.
                  Volevo parlarti di me!
                  Del desiderio di volerti amare.
                  Che tu...
                  facessi parte di me, della mia vita,
                  che questo sogno
                  non restasse solo un sogno,
                  ma che mi accompagnasse
                  lentamente fino al sorgere del giorno
                  per ascoltare
                  una canzone d'amore mentre ti penso.
                  Salvatore Coppola
                  Composta domenica 9 ottobre 2011
                  Vota la poesia: Commenta