Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Salvatore Coppola

Nato a Agrigento (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Proverbi.

Scritta da: Salvatore Coppola

Agrigento da sempre

Tra città e paesini
sei da sempre la più bella
non sei grande ma sei ricca
di usanze e tradizioni.
Sei antica nei tuoi pregi
ma sei giovane nel cuore
hai cambiato tanti nomi
da Akragante ad Agrigento.
Dominante verso il mare
sovrastante la tua valle
costruita su in collina
circondata da montagne.
Su pianure e verdi campi
sei l'eterna Primavera
maestosa sul Mar d'Africa
ti rispecchi dalle origini.
Offro al vento la mia Ode
dormi o Diva* nel mio cuore.
Salvatore Coppola
Composta venerdì 14 gennaio 2011
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Salvatore Coppola

    Agrigento da sempre

    Fra città e paiseddri
    si di sempri a cchiù... beddra
    un sì granni ma si ricca
    di usanzi e tradizioni.
    Si antica nnè to pregi
    ma si giovani nnò cori
    a cangiatu tanti nnomi
    da Akraganti ad'Agrigentu.
    Duminanti versu ù mari
    suprastanti la to valli
    costruita nnà cullina,
    circondata de muntagni.
    Dè chianuri e virdi campi
    si l'eterna Primavera
    maistusa nnù mar d'Africa
    ti rispecchi dall'origini.
    Offru ò ventu la mè lodi
    dormi Diva* nnò mè cori.
    Salvatore Coppola
    Composta venerdì 14 gennaio 2011
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Salvatore Coppola

      Chiamami

      Ho bisogno di te,
      ho voglia di sentire
      il tuo respiro,
      il tuo profumo.
      Se potessi carezzare
      le tue mani è,
      portarle sul mio viso,
      toccherei il cielo
      con il cuore.
      Ti amo da morire
      ma non trovo le parole
      per dirtelo.
      Vorrei fermare il mio tempo
      accorciare la distanza
      fra me e il luogo dove tu ti trovi.
      Basterebbe un tuo cenno,
      un qualcosa, anche un timido sguardo,
      perché io possa capire,
      che anche tu mi ami.
      Ed io verrò a cercarti
      anche in capo al mondo.
      Chiamami! Ho bisogno di te!
      Chiamami!... Ti amo.
      Salvatore Coppola
      Composta venerdì 14 gennaio 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Salvatore Coppola

        Solo aria

        Il giorno è arrivato,
        dopo una lunga notte insonne,
        Finalmente, i raggi del sole
        sono entrati nella mia stanza.
        Mi sono liberato di quegli incubi
        sgraziati ed impregnati di sudore
        arroventati fino a bruciare
        il mio corpo perso, e senza difese.
        Il giorno è arrivato
        apro il balcone e respiro, respiro,
        non chiedo grandi cose
        ma solo aria, aria, aria!
        Salvatore Coppola
        Composta mercoledì 1 giugno 2011
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Salvatore Coppola

          Le mie paure

          Ho voglia di vivere,
          di sperare, di volare,
          di amare,
          e con l'amore
          crescere...
          conquistare il mondo.
          Ho voglia
          di chiudere gli occhi,
          di dormire,
          di sognare,
          perché i sogni
          mi raccontino di lei,
          di noi, del domani.
          Ed in quei sogni,
          mi lascerò cullare
          dalle onde
          del mare senza tempo,
          e tra le onde,
          troverò il coraggio
          di fuggire lontano
          dalle ombre
          delle mie paure.
          Ho voglia
          di credere nella gente,
          di amare,
          di essere amato.
          Vorrei confondermi
          tra i fili d'erba
          e sciogliermi
          come una goccia di rugiada.
          Vorrei
          credere nel suo amore,
          nel suo piccolo cuore
          nel suo sorriso,
          e dal suo cuore...
          mi lascerò trasportare.
          Salvatore Coppola
          Composta lunedì 10 ottobre 2011
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Salvatore Coppola

            A modo mio

            Ora si!
            finalmente
            potrò riposarmi.
            Potrò dormire,
            ma non più
            nei suoi occhi.
            Potrò finalmente,
            vivere a modo mio.
            Lei
            non sarà più
            padrona assoluta
            della mia vita.
            Ed io,
            mai più affaticherò
            il mio cuore
            per proteggerla,
            viverla,
            dedicarle la mia vita.
            Da domani
            butterò nel fuoco
            ogni pensiero,
            le mille lacrime,
            è tutti i ricordi
            che mi hanno soffocato.
            Riprenderò il mio viaggio,
            spiegherò
            le vele dell'amore,
            manovrerò
            il timone della passione,
            solcherò le onde del mare
            fin dove mi porterà il cuore.
            È quando la mia nave
            avrà raggiunto l'estremo,
            avrò l'assoluta certezza
            di aver approdato
            in un porto, al centro del mondo.
            Salvatore Coppola
            Composta sabato 8 ottobre 2011
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Salvatore Coppola

              Giusto il tempo

              Avrei voluto piangere.
              Si! Piangere di gioia, e poi,
              sorridere,
              sorridere così forte
              al tal punto, da sentirmi male.
              Avrei voluto baciarti
              per sentire
              il sapore delle tue labbra;
              è poi,
              sentirmi abbracciare
              da una forte emozione.
              Avrei voluto ardire,
              stringere la tua mano,
              per sentire,
              tutto quel calore,
              che come un fiume con il mare,
              arrivasse fino in fondo al cuore.
              Avrei voluto guardare
              la tua immagine
              riflessa nello specchio,
              è il mio cuore,
              sarebbe rimbalzato fuori dal petto,
              giusto il tempo
              per dirti, che sei tutta la mia vita.
              Salvatore Coppola
              Composta lunedì 26 settembre 2011
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Salvatore Coppola

                Immagine d'amore

                Vorrei averti accanto anima mia,
                anche solo per guardarti.
                Così come la primavera...
                vederti fiorire accanto a me,
                inebriare i miei sensi...
                e perdermi tra le gocce di eternità,
                racchiuse nei tuoi occhi.
                Mentre le tue mani affusolate,
                sfiorano le mie socchiuse labbra
                e dipingono sulla tela ciò che sarà
                l'immagine di un eterno amore!
                Salvatore Coppola
                Composta venerdì 24 settembre 2010
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Salvatore Coppola

                  Amare per amore

                  Io continuerò ad amare
                  per diritto è non per gloria,
                  se non condiviso o disatteso,
                  io continuerò ad amare.
                  Se per incauta insofferenza
                  l'amore non mi sarà complice
                  ed il cuore cesserà di battere,
                  io continuerò ad amare.
                  Se mi mancherà il suo sorriso
                  è la sua mano stringerà,
                  una mano che non è la mia,
                  io continuerò ad amare.
                  Salvatore Coppola
                  Composta venerdì 11 febbraio 2011
                  Vota la poesia: Commenta
                    Scritta da: Salvatore Coppola

                    Le mie mani al cielo

                    La luna si sta spegnendo
                    le stelle vanno via
                    il sole illuminerà altri mondi
                    la terra fermerà i suoi moti.

                    I fiori appassiranno
                    i prati diventeranno deserti
                    e nessun oasi potrà dissetarmi;
                    chiudo gli occhi e vado via.

                    Alzo le mani al cielo
                    piango, mi dispero, urlo,
                    mi inginocchio e prego, prego
                    la luna, le stelle il sole. Vi prego!

                    Non portatemi via la luce
                    non oscurate la mia vita
                    scaldatemi ancora il cuore
                    ridatemi la speranza
                    ed io continuerò ad amare.
                    Salvatore Coppola
                    Composta sabato 11 giugno 2011
                    Vota la poesia: Commenta