Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Salvatore Coppola

Nato a Agrigento (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Proverbi.

Scritta da: Salvatore Coppola

Uomo...

Uomo crudele, malvagio.
Svegliati dall'incoscienza...
e dalla cattiveria che ti circonda!
Tu pensi di vedere, e invece sei accecato
dalla tua presunzione.
... Voglio solo dirti che se un giorno capirai i tuoi sbagli,
e se solo ti togliessi il velo che hai sempre davanti agli occhi
alla mente, al cuore, forse piangeresti per essere stato così duro.
Se solo tu riuscissi a comprendere cos'è la gioia...
riusciresti a leggere in essa tutto l'Amore e lo splendore
che la natura, meravigliosa, ha voluto donarci! di (S. Coppola)
Salvatore Coppola
Composta venerdì 24 settembre 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Salvatore Coppola

    Il mare come me...

    Blu come gli occhi di un padre.
    Verde come gli occhi di una madre.
    Profondo come i miei pensieri.
    Azzurro come il cielo su di me.
    Incantevole come i miei sogni.
    Immenso come il mio desiderio.
    Buio come un angolo di me.
    Freddo come il mio carattere.
    Tempestoso come le mie esperienze.
    Salato come le mie lacrime.
    Io come il mare, il mare come me!
    Salvatore Coppola
    Composta venerdì 24 settembre 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Salvatore Coppola

      L'ultimo soffio di vento

      Ho tanta voglia di fermarmi
      bloccare le gambe tremanti
      i piedi sui freddi mattoni
      incrinati dal tempo dei tempi.

      Fuggire da una vita illusoria
      cavalcare i sentieri del cielo
      trovare la pace nell'anima
      scrutare nel vuoto assoluto.

      Lontano da un mondo dannato
      raggiungere l'estasi eterna.
      e qui che io nacqui, deluso
      alla vista di un mondo perverso.

      Adesso io chiedo al buon Dio
      di darmi in eterno la pace
      sperdendo tristezza e dolore
      con l'ultimo soffio di vento.
      Salvatore Coppola
      Composta lunedì 25 ottobre 2010
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Salvatore Coppola

        Lei... La donna ideale

        Non so se sopravviverò ai miei sogni
        e se riuscirò a realizzare i miei progetti.
        Non so se la mia strada sarà piana
        o se il mio cammino troverà ostacoli.
        È se riuscissi a realizzare i miei sogni,
        quali soddisfazioni avrò avuto dalla vita.
        È se quei progetti non si realizzassero,
        potrei pensare, di esser nato in epoca sbagliata.
        È ancora; Se la strada da percorrere
        fosse tutta in salita, e le mie gambe
        non riuscissero a reggermi lungo il percorso,
        potrei pensare che le forze,
        per superare tutti gli ostacoli,
        mi abbiano decisamente abbandonato.
        E se avessi incontrato la donna ideale,
        capace di darmi tutta la forza e il coraggio
        di cui ho bisogno, in grado di guidarmi
        di seguirmi amorevolmente e con pazienza.
        Sostenermi nelle più ardite delle difficoltà,
        dal canto mio, cosa avrei potuto darle in cambio?
        potrei riuscire ad amarla? riuscirei a farla felice?
        saprei dirle che per me esiste solo Lei?
        farla sentire davvero importante? e che,
        senza di Lei la mia vita non avrebbe avuto alcun senso?
        Ora mi chiedo. Come è possibile
        che mi sia posto tutte queste domande,
        senza riuscire a darmi una plausibile risposta.
        Ecco! Dopo aver spremuto il mio cervello,
        e messo a piano le mie incomprensibili preoccupazioni,
        credo di aver compreso senza ombra di dubbio
        che la forza è il merito per avermi aiutato
        a superare tutti i miei illogici quesiti vada riconosciuto
        a Lei. La donna ideale, la mia donna. A Lei vada
        tutto il mio rispetto e, con il cuore, tutto il mio amore.
        Salvatore Coppola
        Composta sabato 30 ottobre 2010
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Salvatore Coppola

          La mia rosa

          Vorrei immaginarti
          in un sogno d'amore
          in quel mondo di seta,
          preziosa e dorata,
          condurti per mano
          sul lungo sentiero
          aprirti per sempre
          le porte del cuore.
          Tu sola mia gioia
          rallegri la vita
          in un dolce confronto
          di sguardi e carezze
          un insieme di forme
          di corpi e finezze,
          sei tu la mia rosa
          sbocciata alla vita.
          Salvatore Coppola
          Composta mercoledì 12 gennaio 2011
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Salvatore Coppola

            Mio piccolo Fiore

            Non cancellare le mie parole
            tienile con te, nel tuo cuore
            fa si che non volino mai via
            e non si dissolvano tristemente nell'aria.
            Non cancellarmi dai tuoi pensieri
            ti serviranno nei momenti di sconforto
            nei momenti in cui ti sentirai sola
            non dimenticare la mia figura
            porta sempre con te il mio ricordo.
            Per mio conto, in quel momento
            avrò la percezione, una forte sensazione
            per un'istante, che qualcuno mi stia pensando.
            chiuderò gli occhi è sorridendo
            navigherò nel mare dei ricordi.
            Mio piccolo fiore. Ancora oggi penso
            a quei momenti con te vissuti
            in assoluta felicità, e al modo intenso
            con cui guardavo i tuoi occhi scintillanti
            di dorata angelica luce solare
            luce che m'infiammava l'anima
            e che al mio palpitante ardente cuore
            infondeva giovinezza e fiero amore.
            Tanto tempo da allora e passato
            mi guardo in giro e penso...
            dove tu possa essere in questo momento,
            perché ho avuto questa sensazione
            come se tu... come se tu mi eri accanto.
            Ecco! D'improvviso tutto svanisce,
            il sorriso, i ricordi, una amara emozione...
            rimane il mio pianto, disperato e affranto,
            al ricordo del tempo e l'amore perduto.
            Salvatore Coppola
            Composta martedì 2 novembre 2010
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Salvatore Coppola

              I miei pensieri

              Vorrei amare il tuo sorriso
              Vorrei amare la tua luce
              Vorrei amare il tuo bel viso
              Vorrei sentire la tua voce.
              Vorrei che in cielo brillino le stelle
              Vorrei la luna risplendesse in te
              coprirti di quel manto colorato
              che la speranza dorma nel mio cuore.
              Vorrei salire in cima alla montagna
              gridare il mio dolore disperato
              non c'è più verde e fiori sulla terra
              dinanzi agli occhi miei smarriti e persi.
              La mente offre al vento i miei pensieri
              ombrosi e freddi volano depressi
              mi sono perso e non so ritrovare
              la strada che dal cielo porta al cuore.
              Salvatore Coppola
              Composta venerdì 29 aprile 2011
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Salvatore Coppola

                Anima fragile

                Anima fragile
                anima nobile
                raggio di sole
                storia di vita.
                Occhi fantastici
                labbra di seta
                primula magica
                cuore incantato.
                Ali spiegate
                volo leggero
                rose incantate
                virtù di pensiero.
                Dolce la notte
                quando si ama
                musica d'arpe
                immensa poesia.
                Anima timida
                anima dolce
                il chiaror di luna
                diamante d'amore.
                Salvatore Coppola
                Composta lunedì 16 maggio 2011
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Salvatore Coppola

                  T'amo

                  Credo nel vero amore
                  e t'amo, t'amo, si, io t'amo
                  come amo le primule
                  e il loro bel fiorire. T'amo.
                  T'amo, t'amo e t'amo ancora
                  come le gocce di rugiada
                  brillano sui fili d'erba,
                  t'amo come i colori della natura.
                  T'amo come amo la vita,
                  come i petali di una rosa
                  sorridenti alle tue carezze
                  ricche del tuo profumo.
                  T'amo, t'amo e ancora t'amo,
                  amo il candore del tuo viso,
                  come amo la grazia del tuo sorriso
                  come la tua bellezza, t'amo.
                  T'amo come l'acqua che mi disseta,
                  t'amo come l'aria che respiro,
                  t'amo come il sole che mi illumina,
                  t'amo perché t'amo e t'amo ancora.
                  Salvatore Coppola
                  Composta venerdì 27 maggio 2011
                  Vota la poesia: Commenta
                    Scritta da: Salvatore Coppola

                    I miei giorni

                    I giorni,
                    non saranno più i miei giorni.
                    Le notti,
                    non saranno più le mie notti.
                    I sogni,
                    non saranno più i miei sogni.
                    I raggi del sole,
                    non scriveranno più nei miei occhi.
                    La luna,
                    non guiderà più la mia ombra.
                    Le stelle,
                    non saranno più le mie lacrime.
                    La terra,
                    non conterà più i miei passi.
                    I fiori,
                    non sbocceranno più per me.
                    I ruscelli
                    non laveranno più i miei pensieri.
                    ll cuore,
                    non parlerà più di un grande amore.
                    Le ore,
                    non saranno più il mio tempo.
                    ed il passato,
                    cancellerà le mie speranze future.
                    Salvatore Coppola
                    Composta sabato 21 maggio 2011
                    Vota la poesia: Commenta