Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Dora Pergolizzi

Insegnante scuola infanzia, nato martedì 5 novembre 1963 a Messina (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Dora
La sveglia non suona più
al mattino
anche lei si è fermata
La bicicletta incatenata
in un angolo
abbandonata
La finestra spalancata
unica fonte di luce
Ma fuori è primavera
la terra si è svegliata
ci attende, lei è tornata
Torneremo ad abbracciare
a ridere e scherzare
nei prati e nelle strade
Torneremo a viaggiare
a correre e ballare
ai concerti, nei musei
ad affollare gli stadi
in montagna, al mare
Torneremo ad amare
dai nostri amici
dai parenti lontani
dicendo loro
ci vediamo domani
La speranza non si ferma...
come il tempo
Torneremo a scambiarci
mani e parole
Torneremo come il sole
che ogni giorno sorge
su un mondo che non muore
non deve, non vuole.
Dora Pergolizzi
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Dora
    Cinguettii lontani
    fra l'abbaiar di cani
    e voli di gabbiani
    unici suoni fra silenzi
    fra strade deserte
    e deserto nei cuori
    Primavera è fuori
    ma il profumo dei fiori
    non supera questi muri
    questi son giorni duri
    I sorrisi mascherati
    dietro un sipario bianco
    gli abbracci vietati
    dietro una paura
    Mani lontane, bocche nascoste
    occhi increduli
    La realtà diventa incubo
    mentre tutto si ferma
    tranne le stagioni
    Fuori c'è il sole
    dentro è il grigio inverno.
    Dora Pergolizzi
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Dora
      La Terra ora respira
      e la torbida laguna
      guizzi di pesci attira
      In cieli azzurri e tersi
      si librano gli stormi
      dolce stagione esplode
      di grilli il canto s'ode
      È un fiorir il pianeta
      allorché l'umanità
      a rimembrar sta
      di libertà negata
      Forse la Terra impietosa
      ammala la sua gente
      per liberar la natura
      angusta e sofferente
      Forse sarà un castigo
      o forse una lezione
      per l'uomo che si crede
      del mondo imperatore
      Apriremo le porte
      usciremo nel vento
      finirà questa sorte
      che soffoca nel petto
      Troveremo la Terra
      risanata, guarita
      da questa nuova era
      ricominciar la vita.
      Dora Pergolizzi
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Dora

        Amore dal passato

        Volgi lo sguardo tuo alla mia testa bruna
        che lentamente d'argento si colora
        la tua bocca e il tuo cuore ignoran
        sul viso mio questo pallor di luna.
        Mani come rami nodosi
        percorrono occhi cerulei
        non inali i miei fiori odorosi
        ma ne tocchi solo gli aculei.
        Non pronunci parola
        che mi baci i pensieri
        abbandonata e sola
        lungo tristi sentieri
        non arde più quel fuoco
        si è spenta la passione
        rimane solo l'eco
        di un'amara aberrazione.
        Dora Pergolizzi
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Dora

          Se avessi potuto

          Ho sassi negli occhi
          che frenano il pianto
          un battito incontrollabile
          di un cuore stanco
          Se avessi potuto scegliere
          non sarei mai nata
          Nascondo dietro un grido
          una richiesta d'aiuto
          alla vita non chiedo ore
          mi renderebbe solo dolore
          Mi rivolgo al cielo
          mio unico confessore
          e mi affido ad una preghiera
          che resta inascoltata
          Se avessi potuto scegliere
          non sarei mai nata.
          Dora Pergolizzi
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Dora

            Filosofie

            Amala questa vita
            che ti tradisce ed inganna
            fermati a gustarne il sapore
            ammirata, stupita
            non cercar miracoli
            non cercar di capire
            la vita già per sé
            è miracolo sublime.
            Vivi come se fosse sempre sabato
            come se fosse vigilia di festa
            vivi il tuo giorno tanto agognato
            libera dal futuro la tua testa
            vivi nella tua era
            lascia andare il passato
            come se fosse sempre primavera
            come se fossi sempre amato
            come se fosse sempre giovinezza
            senza malinconia, senza tristezza
            pensa al tuo futuro senza domani
            senza tempeste, senza uragani.
            Amala questa vita, non pensare alla meta
            vivila come fosse infinita
            vivila sempre come se fosse per sempre
            e quando dormirai infin nella tua culla
            pensa che non potrai più temere nulla
            verrà la fine e tu sarai incosciente
            ma non ti avrà finché sarai presente.
            Dora Pergolizzi
            Composta giovedì 10 marzo 2016
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Dora

              Un giorno mi vedrai

              Un giorno mi vedrai volare
              oltre le nubi di un cielo irreale
              non potrà seguirmi il tuo sguardo
              e mi perderai
              cercherai le mie mani
              nei domani che verranno
              vorrai riempirti la mente
              delle mie parole, urlate
              ma non udirai
              che sussurri mescolati al vento
              e allora capirai e rimpiangerai quel tempo
              in cui la nebbia della presunzione
              mi celava al tuo cuore.
              Dora Pergolizzi
              Composta venerdì 6 maggio 2016
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Dora

                Sempre le stelle

                Le stelle ci son sempre,
                anche quando il fulgore le cela
                e, tra il rincorrersi di pianeti,
                cercano spazio nel cielo
                mentre il sole le rende invisibili
                pur fra tanto bagliore.
                A volte troppa luce rende ciechi
                nasconde alla mente particolari,
                come chi è troppo saccente
                oscura la propria intelligenza.
                Le stelle ci son sempre
                brillano di luce propria
                solo a calar della sera
                quando il globo solare
                scompare inghiottito dal mare
                o cade giù oltre il muro
                di un orizzonte infuocato
                Ecco che appaiono, si accendono
                tempestano la volta celeste
                come sogni e speranze
                di chi cerca la luce
                nell'oscurità di un pensiero.
                Dora Pergolizzi
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Dora

                  Nel ricordo

                  Cosa resta di voci
                  nel futuro a voi precluso
                  e per noi che restiamo
                  ormai compromesso
                  Che rimane di risate
                  pensieri e paure
                  di speranze e sogni
                  Resta una giovinezza

                  che rimane eterna
                  indelebile su volti che più avranno
                  sorrisi, lacrime, rossore
                  e si consumeranno
                  mentre, impressi su foto,
                  nel passar di stagioni sbiadiranno
                  Quell'istante
                  dove tutto è finito
                  segna un tempo
                  su un orologio senza ore
                  Dove siete, dove saremo
                  quando l'ultimo soffio
                  svanirà, lasciando solo
                  memorie, immagini fissate
                  in un'epoca trascorsa
                  archiviata nel presente
                  di un ricordo che vive.
                  Dora Pergolizzi
                  Composta lunedì 2 novembre 2015
                  Vota la poesia: Commenta
                    Scritta da: Dora

                    Parole di sale

                    Hai negli occhi le onde del mare
                    ma di sale son le tue parole
                    che cospargi su ferite amare
                    che bruciano ancor e fanno male
                    Dal corallo delle tue labbra
                    del tuo sorriso la luce
                    espandi... ma suoni muti
                    la tua bocca produce.
                    Non parlare, no...

                    tieni lontan le tue mani
                    se non prometti domani
                    al nostro amore.
                    Dora Pergolizzi
                    Vota la poesia: Commenta