Poesie di Dora Pergolizzi

Insegnante scuola infanzia, nato martedì 5 novembre 1963 a Messina (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Dora

Magia di una notte

Quando il cielo con il mare si fonde
e la luna danza sulle sue onde
vedo stelle, luminose, infinite
ad illuminar le acque nere e profonde.
È tutto un manto di raso scuro
trapuntato di luci sfavillanti
piccole sfere come diamanti
ed è lì che lo sguardo si perde
mi sento piccola, inutile, inerme.
L'universo mi circonda e mi avvolge
in un abbraccio di luci e di ombre.
Nella notte fra magia e mistero
l'anima mia si tinge di nero
in questo mondo fra la vita e la morte
che all'ignoto apre le porte
racchiusa sto, in una sfera ovattata,
fra pareti di cielo di questa calda nottata.
Dora Pergolizzi
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Dora

    Mi padre...

    Mio padre era bellissimo
    aveva gli occhi grandi e un sorriso sereno
    la voce dolce e lo sguardo severo
    mi richiamava, mi consigliava

    ma io non lo seguivo
    spesso litigavo e lo ingannavo

    Mio padre mi ha lasciato senza un addio
    e troppo presto è volato via
    a volte non rammento il suo volto

    lo cerco in un ricordo, una fotografia,
    nel riflesso al mattino in uno specchio
    e nel mio viso riconosco il suo...
    Dora Pergolizzi
    Composta mercoledì 19 marzo 2014
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Dora

      Aprile

      Cosa fai aprile?
      Agli alberi doni colore
      al cielo la luce
      agli occhi torpore
      che al sonno induce
      nell'aria profumi
      di nettare e frutti
      amori presumi
      di gioia e conflitti.
      Sai di pioggia e di sole
      di ricordi e memorie
      di cascate di fiori
      di prati ed aiuole
      di cinguettar vivace
      di amore e di pace.
      Dora Pergolizzi
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Dora

        Lasciami qui...

        Lasciami posare
        qui su questa pietra
        le mie gambe stanche
        non voglio proseguire
        il mio cammino
        temo di inciampare
        sul gradino
        smussato, rovinato
        dal tempo della vita.
        Vita che incontrerà
        la fine della strada
        e lì si fermerà.
        Lasciami indugiare
        voglio restare qui a riposare
        prima di proseguire
        per questo lungo viaggio
        che conosce la meta
        ma ritorno non ha.
        Dora Pergolizzi
        Composta martedì 22 aprile 2014
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di