Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Daniela Cesta

Voce nel vento

io sono la piccola
voce nel vento...
chiama voi,
penetra tra i rami degli alberi,
vola su prati e colline...
accarezza i ruscelli,
e giunge fino al mare.
Vola libera sulle grandi acque
insieme ai delfini,
tra le onde e la schiuma di mare,
il vento porta a voi
la mia voce,
raggiunge il tuo cuore.
Sussurra...
Daniela Cesta
Composta sabato 31 marzo 2012
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Daniela Cesta

    Primavera

    I mandorli sono in fiore!
    tutta la valle è avvolta
    dal profumo di questi
    deliziosi fiori!
    illuminati da
    uno splendido sole,
    sorridono allo
    splendore della primavera,
    oh potenza Divina!
    oh sorrisi del paradiso!
    oh incanto paradisiaco!
    la vita risorge allegra,
    la parvenza triste,
    piano se ne va...
    mentre le querce
    ancora spoglie
    respirano la fragranza
    bianca e profumata
    dei primi fiori.
    Daniela Cesta
    Composta venerdì 30 marzo 2012
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Daniela Cesta
      Tutto sembra strano
      su questa terra,
      anche il tempo!
      Ma, tutti noi sembriamo turbati,
      cosa tormenta noi?
      Perché siamo stressati?
      Abbiamo tutto,
      tecnologia,
      automatismo,
      supercellulari,
      strumenti megagalattici...
      eppure l'uomo su questa terra,
      si sente molto solo,
      perché l'uomo parla
      con la tecnologia,
      e non parla più con gli alberi,
      la terra e il cielo.
      Non comunica più con la natura,
      e non comunicando più
      con la natura,
      non comunica più con Dio!
      Daniela Cesta
      Composta martedì 13 marzo 2012
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Daniela Cesta

        Notte nella prateria

        È notte...
        il silenzio è
        solo apparente
        nella prateria
        il rumore dell'acqua
        del fiume da frescura...
        le rane gracidano,
        i grilli cantano,
        il vento della notte
        accarezza l'erba,
        una luna maliziosa
        da chiarore con dolcezza,
        mentre un guerriero
        suona una melodia,
        con il ramo toccato,
        dall'uccello che batte con il becco...
        il giovane guerriero
        ha lavorato molto per
        costruire
        una specie di flauto,
        con quel suono
        conquisterà per sempre
        la sua innamorata...
        Daniela Cesta
        Composta venerdì 16 marzo 2012
        Vota la poesia: Commenta