Scritta da: CINELLA MICCIANI

Amici speciali

Ho due amici speciali
a cui voglio tanto bene.
Un uomo e una donna.
In verità l'amica è lei,
unica, specialissima
immensamente cara.
Intelligente, capace
ha un carattere forte
e fragile ad un tempo.
È buona, dolcissima
ma anche dura, cocciuta.
Io la tengo nel mio cuore.
Ha mille pregi, valori seri
slanci di amore vero.
Bisognosa d'affetto
d'infinita dolcezza,
d'attenzioni continue,
si nutre di sentimenti
di parole colme d'amore.
Da sempre ama il suo lui,
giovane, buono, altruista,
assai diverso nel carattere.
È schivo, di poche parole,
parco nell'esternare il bene.
Orgogliosi, un po' testardi
si cercano e s'allontanano
alla velocità della luce.
Vicini, due fiammiferi accesi
lontani, due cani bastonati.
Giurano e spergiurano
di star bene da soli
ma se lei è in difficoltà
lui corre e si dispera.
Se sta male lui
il risultato è uguale.
Insieme si completano.
Voglio loro un gran bene.
Che la vita sia loro benigna
e li accompagni materna
verso un lungo viaggio
d'amore e felicità.
Cinella Micciani
Composta martedì 23 maggio 2017
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: CINELLA MICCIANI

    Abbi pietà

    O Signore,
    abbi pietà di noi.
    Tu hai ragione.
    Siamo miseri,
    poveri nel cuore,
    troppo distratti
    dai beni materiali.
    Ci ricordiamo di Te
    quando Tu ci servi.
    Hai dato la Tua vita
    per salvare la nostra
    ma troppe volte
    lo dimentichiamo.
    C'è tanta cattiveria.
    Un male assurdo
    sconvolge il mondo.
    Ogni giorno arrivano
    da qualche parte
    di questa povera terra
    notizie di disperazione
    lutti, devastazioni.
    Ovunque attentati,
    guerre, missili, bombe
    e morti, tanti morti.
    Ti scongiuro, mio Dio,
    volgi il tuo sguardo
    verso noi miseri.
    Perdona le colpe,
    tocca il cuore di chi
    conosce solo l'odio.
    Apri le loro menti
    Illumina l'anima
    di questi esseri malvagi.
    Non rispettano la vita
    neppure dei bambini.
    Troppe le lacrime versate.
    Oggi è un giorno di festa.
    La palma sia un vessillo,
    simbolo di pace, bene,
    amore e fratellanza.
    Ferma questo sterminio.
    Signore misericordioso,
    abbi pietà di noi.
    Cinella Micciani
    Composta martedì 23 maggio 2017
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: CINELLA MICCIANI

      Cuore colmo

      Ho un cuore
      colmo d'amore.
      Un sentimento
      variegato
      iridescente.
      S'apre a ventaglio
      ha mille sfumature
      tonalità diverse.
      Condivide, palpita,
      soffre, gioisce,
      sa essere tenero
      dolcissimo
      passionale,
      amichevole.
      Abbraccia l'amato,
      conforta l'amico
      consola l'afflitto
      stringe al cuore
      chi è fragile,
      chi s'annulla
      sconfortato,
      chi si perde
      incapace di reagire.
      Sono mille sfumature
      d'amore intenso,
      sempre forte, vero,
      mai ragionato
      mai tendenzioso
      fraudolento,
      sempre spontaneo
      effervescente
      come spuma
      di champagne.
      È un cuore vivo
      che ama per amore
      mai per interesse.
      È un cuore vero
      che mi fa star bene
      m'aiuta e sorregge,
      dà serenità all'anima
      che s'illumina, brilla.
      Un cuore forte, sincero.
      Nel buio più tetro
      nel dolore più straziante
      ha un brillio radioso
      ch'illumina la mia vita.
      Cinella Micciani
      Composta martedì 23 maggio 2017
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: CINELLA MICCIANI

        Armonia svanita

        Oggi il mio cuore
        ha bisogno di silenzio.
        Mi dirigo veloce
        in cerca d'armonia.
        L'anima è inquieta
        il sorriso s'è spento
        Intorno solo buio.
        Mi pongo domande.
        Non trovo riposte.
        Cerco luce nel cuore.
        Trovo solo buio.
        Lotto disperata
        alla ricerca di pace.
        Non riesco a volare.
        Qualcosa, qualcuno
        ha spezzato le mie ali.
        Non tocco più vette
        luminose, celestiali
        ma solo abissi tetri.
        Il silenzio non m'aiuta.
        Conosco le tue ferite.
        Le ho fatte mie
        per lenire le tue pene.
        Non l'hai capito.
        Una parola fraintesa
        scatena una rabbia
        incontrollata.
        Tutto ciò che c'era,
        meraviglioso, unico,
        sparisce d'incanto.
        Non esiste più niente.
        Un astio, un livore
        quasi una sorta di furore
        annebbia il tuo cuore.
        Il bene è un dono
        e non si elemosina.
        Il mio per te è vivo
        e lo sarà in eterno.
        Il tuo per me è ricordo
        struggente, un rimpianto
        che non avrà mai fine.
        Cinella Micciani
        Composta martedì 23 maggio 2017
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: CINELLA MICCIANI

          Buio e luce

          Non amo il buio.
          È tetro, tenebroso
          sparge intorno
          un silenzio assordante.
          Niente m'intristisce
          quanto l'oscurità.
          M'angoscia
          muovermi nel buio.
          Odo rumori ovunque.
          Tutto l'immenso
          che mi circonda
          è fragore, urlo.
          Mi sento fragile
          indifesa, persa
          tra urla immaginarie
          che diventano
          fragore dell'anima.
          Nel mio cuore
          è sempre acceso
          un lumicino
          che poi s'espande
          e diventa brillio infinito.
          Il buio si squarcia
          e s'aprono orizzonti
          colorati ed infiniti.
          Vivo nella luce
          radiosa, fulgida
          che illumina l'anima
          e mi dà forza, coraggio
          anche nei momenti
          nebulosi e tristi
          che la vita distribuisce
          a piene mani.
          La luce accarezza
          con mano leggera,
          apre squarci d'azzurro
          e mi fa volare in alto.
          Volteggio come libellula
          sorvolo mari e monti,
          campi fioriti,
          ginestre in fiore.
          La natura è profumo
          di vita vera,
          abbraccio accattivante
          di sogni smarriti.
          Cinella Micciani
          Composta martedì 23 maggio 2017
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di