Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: CINELLA MICCIANI

Chimera

Mi rivolgo a te,
destino amaro.
Sembri un monello
che gioca, si diverte
con la Vita altrui.
Nessuno pretende
che tu sia benevolo
pronto ad esaudire
bisogni e desideri
di ognuno di noi.
Nessuno lo chiede
anche se lo spera.
Non vivo d'illusioni.
Sto coi piedi in terra.
Conosco la Vita.
So che dà tanto
e tanto più toglie.
Questo l'accetto
anche con fatica.
Quello che non va
è l'accanimento
contro noi miseri
esseri impotenti
che sottostiamo
ai tuoi capricci.
Sono spesso mirati.
Colpisci pugnace
accanito, rabbioso
fino ad abbatterci
per sfinimento.
Una cosa ti chiedo
e non è per me.
Lascia a chi soffre
un filo di speranza
uno spicchio di luce
un soffio di fiducia.
Fà che la vita sia vita
che un sogno anelato
non risulti illusoria
ingannevole chimera.
Cinella Micciani
Composta mercoledì 15 agosto 2018
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: CINELLA MICCIANI

    Fantasie e miracoli

    Chiusa nel silenzio
    ne ascolto la voce
    ne faccio tesoro
    e serena mi ritrovo.
    Sono un anelito vivo
    uno slancio d'amore
    mai venuto meno.
    Mi nutro d'affetto
    di bene profondo
    di pace e serenità.
    Sono forte dentro,
    ma anche fragile.
    Se tengo qualcuno
    stretto nel cuore
    vivo per l'essere
    ch'è parte di me.
    Do l'anima mia
    senza condizioni
    a chi in me crede
    e so ricambiare
    con uguale lealtà.
    Mi guardo intorno.
    Cerco un miracolo.
    Voglio una carezza
    che mi parli d'amore.
    Alzo gli occhi al cielo
    in cerca di fantasie
    magiche visioni.
    Un sorriso di sole
    un lembo d'azzurro
    un sogno sopito
    una melodia dolce.
    Cerco un abbraccio
    caldo, avvolgente
    che riscaldi il cuore.
    Fantasie dell'anima
    miracoli d'amore.
    Cinella Micciani
    Composta mercoledì 15 agosto 2018
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: CINELLA MICCIANI

      Anelito d'amore

      Non importa
      chi io sia.
      Conta cosa sento
      nel mio cuore.
      Oggi è Pasqua.
      Il miracolo
      s'è compiuto.
      Gesù è risorto.
      La natura brilla.
      S'è fatta bella.
      Le campane
      con dolci rintocchi
      annunciano liete
      la grande festa.
      L'aria è più dolce.
      Il sole splende alto
      in un cielo azzurro
      limpido, luminoso.
      Avverto dentro me
      canti armoniosi
      d'amore puro.
      Una melodia dolce
      alito d'eternità
      s'alza soave
      dall'anima mia
      che s'apre al bene
      alla pace, alla gioia
      alla fratellanza.
      Allontanate le pene
      mi sento più buona.
      Amo ogni fratello
      senza distinzione.
      Sono anch'io angelo.
      Leggera mi libro
      in un volo magico
      di canti melodiosi.
      Tutto sa di miracolo.
      Sono un palpito vivo.
      Un anelito d'amore.
      Cinella Micciani
      Composta mercoledì 15 agosto 2018
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: CINELLA MICCIANI

        A te, Dio mio

        Sento vivo
        nel cuore
        il bisogno forte
        di parlare con TE.
        Ascoltami, Signore,
        Padre Santissimo
        di noi umili figli.
        Io sono indegna
        ma ho fede in Te.
        Conosco la bontà
        del tuo cuore.
        Abbraccia me
        e tutta l'umanità.
        Perdona le miserie
        le nostre mancanze
        la povertà di spirito.
        Siamo deboli.
        Sbagliamo tanto.
        Ci hai donato tutto.
        Hai offerto la vita
        del Figlio Tuo
        per salvare noi.
        Insegnaci ad amare
        Dacci la capacità
        d'accettare il dolore
        le pene del cuore.
        Fà cessare l'odio
        cancella gli egoismi
        allontana il male
        dai cuori malvagi
        che non conoscono
        la gioia di amare
        e saper perdonare.
        Rendici degni
        di alzare gli occhi
        verso il Tuo volto.
        Prendici per mano
        e non lasciarci mai.
        Sei la nostra forza
        la speranza infinita
        la salvezza eterna.
        Cinella Micciani
        Composta mercoledì 15 agosto 2018
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: CINELLA MICCIANI

          Bagliori d'immenso

          Certi giorni
          serpeggia nell'anima
          un senso vago
          di malinconia.
          Si spegne il sorriso
          s'oscura il sole.
          Senti dentro te
          scorrere impetuoso
          un fiume d'emozioni
          alimentato dal soffio
          dell'inquietudine.
          Tu appari la stessa
          ma non sei più tu.
          Un cumolo di idee
          ti sovrasta, ti piega.
          Mille pensieri vuoti
          t'avvolgono
          in spirali nebulose
          che s'attorcigliano
          t'opprimono
          quasi ti soffocano.
          È proprio qui
          nell'oblio assoluto
          che io mi ritrovo.
          Veloce riaccendo
          la luce radiante.
          L'anima rifulge.
          Araba fenice
          riprendo vita
          dalle mie ceneri.
          Via il buio tetro.
          Ho il mio mondo.
          Mari di cristallo
          vette innevate
          albe luminose
          orizzonti infiniti
          tramonti di fuoco
          sorrisi d'amore.
          Il mio cuore libero
          ritorna a volare.
          Per i vuoti dentro
          sono cose da nulla
          per me aliti d'eterno
          bagliori d'immenso.
          Cinella Micciani
          Composta mercoledì 15 agosto 2018
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: CINELLA MICCIANI

            Musica infinita

            Amo la Vita
            nonostante tutto.
            È un bene immenso
            un dono prezioso
            una speranza viva
            mai abbandonata
            né rinnegata.
            Nel mondo d'oggi
            è sempre più duro
            pensare ad un futuro.
            Viviamo il presente
            serbiamo il passato
            e ci fermiamo qui.
            Il domani è nebbia
            incertezza, paura,
            un sorriso spento
            un petalo caduto
            un'ascesa incerta.
            Nonostante ciò
            io amo la Vita.
            Mi piace pensarla
            come luce accesa
            alba luminosa
            arcobaleno colorato.
            La Vita è musica
            melodia dell'anima
            note cadenzate, vive
            uno spartito d'autore.
            Mi vedo sfiorare
            con insolita maestria
            corde di violino
            organo a tastiera
            e trarne un concerto
            che colora l'anima.
            M'aiuta la fantasia.
            La Vita è magica.
            Un'alba rosata
            un sorriso di sole
            una stilla di luce
            un anelito di bene
            musica infinita.
            Cinella Micciani
            Composta mercoledì 15 agosto 2018
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: CINELLA MICCIANI

              Angoscia nell'anima

              Sei stata sempre
              e sempre resterai
              dentro l'anima mia.
              Non ti rammento
              i momenti divisi.
              Li conosci tutti.
              Non ti ricordo
              le pazze risate
              le lacrime versate
              le parole di bene
              e quelle di rabbia.
              Tortuoso e scosceso,
              il nostro cammino
              non è stato facile
              ma io ci credevo
              con tutta la forza
              d'un cuore ostinato
              mai arrendevole
              troppo sensibile
              fedele oltre misura.
              Ho sbagliato tutto.
              Ho accettato da te
              anche l'inaccettabile.
              L'angoscia dilania
              il dolore strazia.
              Odo la mia voce
              che ti cerca.
              Risponde un silenzio
              agghiacciante, freddo.
              L'anima s'inabissa
              in baratri oscuri
              che m'inghiottono.
              Intorno il vuoto
              il niente assoluto.
              Nell'anima straziata
              un'angoscia infinita.
              Accartocciata in me,
              preda senza difesa,
              perdono te
              che non sai capire
              perdono me
              che non so lasciarti.
              Cinella Micciani
              Composta lunedì 13 agosto 2018
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: CINELLA MICCIANI

                Luce di vita

                Amo la luce
                la Vita, i sogni.
                Non temo la notte
                né il buio tetro
                che s'insinua
                nell'anima
                l'avvolge
                immette dubbi
                ansie, paure.
                Il buio vive in noi
                se lo accogliamo
                gli diamo spazio
                gli permettiamo
                di farla da padrone.
                Lui ci prova sempre
                ma il mio cuore
                è ricco di sogni
                di speranze reali
                e vive nella luce.
                È una luce radiosa
                ch'illumina l'anima
                la rende splendente
                la colma di sogni.
                D'incanto m'irradio
                Sono raggio di sole
                iridescente stella
                d'un cielo imperlato
                di stille scintillanti.
                Sono pillola di Vita
                alito d'amore vero
                farfalla variopinta
                in volo nell'azzurro.
                Mi salutano gioiosi,
                magico arcobaleno,
                splendidi colori
                pennellate d'autore
                dalla bellezza infinita.
                Sono carezza d'amore
                respiro d'immenso
                luce calda di Vita.
                Cinella Micciani
                Composta lunedì 13 agosto 2018
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: CINELLA MICCIANI

                  Come bambole

                  Ogni giorno
                  una ferita in più
                  a lacerare l'anima.
                  C'è già tanto male
                  tanta malvagità
                  per la natura distorta
                  di esseri disumani
                  che vivono solo
                  per star bene loro.
                  Eppure non basta.
                  Esiste gente vuota
                  crudele, malata
                  che vede la donna
                  come un oggetto
                  a sua disposizione.
                  Bambola di pezza
                  con cui divertirsi.
                  Non chiede, pretende.
                  Guai a contraddirli.
                  La donna è oggetto
                  gingillo allettante
                  un corpo godibile
                  da violare a piacere.
                  Non esistono freni
                  nell'anima depravata.
                  Non si accetta diniego.
                  Il rifiuto è affronto
                  intollerabile, bieco
                  per orgogli distorti.
                  La mente s'annebbia.
                  Monta solo la rabbia
                  distruttiva, accecante
                  e la condanna è scritta.
                  S'arriva a far scempio
                  delle povere carni.
                  Una bambola rotta
                  non è più un trofeo.
                  Si butta via a pezzi.
                  Uno così merita
                  di non avere pace
                  per l'eternità.
                  Cinella Micciani
                  Composta lunedì 13 agosto 2018
                  Vota la poesia: Commenta
                    Scritta da: CINELLA MICCIANI

                    Ad un amico unico

                    Tutti nella vita
                    abbiamo amici.
                    C'è l'amico reale
                    conosciuto da sempre.
                    C'è quello occasionale
                    il festaiolo, il sincero
                    e quello che ti cerca
                    solo se tu gli servi.
                    Ci sono poi i virtuali,
                    amici d'ogni genere
                    per sfumature varie.
                    Alcuni emergono
                    si distinguono
                    e con il tempo
                    diventano "veri".
                    I miei amici speciali.
                    Conoscerne alcuni
                    è vincere al lotto.
                    La dea bendata
                    è stata generosa.
                    Me ne ha dato uno
                    non speciale, unico.
                    Espansivo, allegro,
                    gentile, rispettoso,
                    è cordiale sempre.
                    Ti riempie il cuore
                    con due parole care
                    ti strappa un sorriso
                    con la battuta giusta.
                    Ti racconta di sé,
                    problemi e gioie,
                    senza farli pesare.
                    Non è invadente
                    né supera i limiti
                    o si prende libertà.
                    È un tesoro.
                    Un alito di bene.
                    Un dono della vita.
                    Il nome non conta.
                    È un amico vero
                    unico tra tutti
                    speciale per me.
                    Cinella Micciani
                    Composta lunedì 13 agosto 2018
                    Vota la poesia: Commenta