Scritta da: CINELLA MICCIANI

Con occhi diversi

Quando riesci
a star bene
con te stessa
guardi la vita
con occhi diversi.
Non è facile.
Spesso lo desideri
ma non ce la fai.
Capitano giorni
nebulosi, tristi.
Tutto t'appare
troppo pesante
da sopportare.
I sogni fuggono
le speranze
svaniscono.
Il sorriso
non brilla più.
Scende lenta
una nebbia fitta
che oscura
il tuo orizzonte.
Non sei tu.
Allora reagisci.
Ti guardi dentro.
Cerchi la luce
nascosta in te
e la ritrovi.
È minuscola.
Un puntino.
L'accarezzi,
l'alimenti
la rendi luminosa.
Un raggio di sole
irradia l'anima.
In un istante
con occhi diversi
ti rivedi splendente
radiosa più che mai.
E riprendi a vivere.
Cinella Micciani
Composta domenica 23 luglio 2017
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: CINELLA MICCIANI

    Gioire e vivere

    Quando i sogni
    si affievoliscono,
    quando la luce
    si spegne,
    quando la gioia
    ci abbandona,
    arriva il momento
    di lottare con forza,
    per dare il meglio
    di noi stessi.
    È i momento
    di sorridere alla vita
    che ci volta le spalle.
    Nel mio cuore
    c'è sempre una luce,
    piccola, tenue
    ma sempre accesa.
    La vado a cercare
    l'accarezzo lieve
    la coccolo dolcemente
    e solo allora
    vedo un brillio radioso
    che illumina l'anima.
    Intorno a me,
    chicchi di rugiada,
    vortici di speranza,
    fiocchi di cielo,
    onde di vita
    fluttuanti, vive.
    Volo alto,
    libellula felice,
    spavaldo gabbiano,
    farfalla variopinta.
    Lascio che la marea
    porti via i pensieri,
    nebbia dell'anima.
    Nel cuore sorrisi,
    palpiti anelanti,
    brividi caldi
    in un brillo radioso
    che sa di gioia
    profuma di vita.
    Cinella Micciani
    Composta domenica 23 luglio 2017
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: CINELLA MICCIANI

      Dentro te

      Ci sono domande
      che non ti farò,
      risposte vere
      che tu non darai.
      Il tuo problema
      è dentro te.
      Neppure tu sai
      cosa t'accade.
      Cacci via tutti
      e lo fai bene.
      Sei brava,
      unica al mondo.
      È un'arte
      incomprensibile
      una specie
      di delirio
      distruttivo
      logorante.
      Esisti tu e basta.
      Il resto è contorno
      fastidioso
      presenze importune,
      irritanti.
      Ti chiudi in te,
      sei nemica
      di te stessa.
      Ti distrugge
      la solitudine,
      piangi, ti disperi
      ma rifiuti aiuto.
      Momenti di strazio
      voluti, cercati.
      Fustigazione
      dell'anima inquieta.
      Chi s'accosta,
      si fa del male.
      Guardati dentro.
      Parlati, ascolta
      le parole del cuore.
      Chi ti ama è lì.
      Dentro te.
      Afferra la mano tesa.
      Salvati dalla nebbia.
      T'ha spento l'anima.
      Cinella Micciani
      Composta domenica 23 luglio 2017
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: CINELLA MICCIANI

        Barriere di vetro

        Non riesco
        a concepire
        un'esistenza
        che s'annulla
        nella solitudine,
        nel vuoto
        dell'anima,
        senza pensare
        ad un futuro.
        Non riesco
        a concepire
        quel distacco
        doloroso, triste
        di due anime,
        unite dalla vita,
        divise da barriere
        di vetro opaco.
        Si cercano col cuore,
        s'allontano
        con la mente.
        Per motivi vari,
        non si parlano.
        Si feriscono
        senza volerlo,
        si rifiutano
        fino a distruggersi
        quando il tempo
        protrae l'attesa.
        A me la vita
        ha insegnato tanto.
        In amore non conta
        chi cerca l'altro.
        L'importante
        è trovarsi, stringersi,
        guardarsi negli occhi,
        saper perdonare
        la parola sbagliata,
        comprendere il dolore
        che lacera l'anima altrui
        e dilania la nostra.
        Il vetro delle barriere
        è troppo fragile.
        Non frantumarlo
        se vuoi costruire
        una vita vera.
        Cinella Micciani
        Composta domenica 23 luglio 2017
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: CINELLA MICCIANI

          Cosa sei

          Non è facile
          spiegarti
          cosa tu sei
          per me.
          Potrei dire
          mille cose.
          Niente
          basterebbe
          per definirti.
          Sei il profumo
          che ho sulla pelle.
          Sei il sorso
          d'acqua fresca
          che mi disseta.
          La luce radiosa
          che illumina
          il mio viso.
          Sei il palpito
          anelante
          che scoppia
          straborda
          volteggia
          ti raggiunge
          e s'insinua
          nelle pieghe
          del cuore.
          Sei la musica
          dolce melodia
          che accompagna
          la nostra canzone
          Ti penso sempre,
          mi scorri
          nelle vene.
          Il bisogno di te
          è un fiume
          dilagante,
          un ruscello
          che rompe gli argini
          e dilaga, straripa
          inonda l'anima.
          Piuma leggera,
          m'inabisso in te
          ti cullo tenera.
          Sei l'immenso.
          Cinella Micciani
          Composta domenica 23 luglio 2017
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di