Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: CINELLA MICCIANI

Dimmi chi sei

Ascoltami
e imprimiti
nell'anima
ogni parola.
Dimmi chi sei.
Credevo di saperlo.
Avevo fede in te
e ti voglio bene
di riflesso.
Conosco i difetti.
Carattere spigoloso
cocciuto, orgoglioso
ma anche buono
generoso, disponibile
pronto a capire
aiutare, riprovare.
Ho sbagliato.
Non sai perdonare
gli sbagli altrui
dettati sempre
da disperazione
bisogno d'amore.
Non hai mai slanci
che nascano da te.
L'amore è un dono.
Non s'implora.
Si dà e si riceve
spontaneamente.
Ho sbagliato con te.
Sai prendere
ma ti costa dare.
Ti sei finito tutto.
Una parola dolce
abbracci, carezze.
Dimmi chi sei.
Chi è per te la donna
che ha messo via
amor proprio, dignità
per averti accanto.
Non sei corso da lei
non hai raccolto
la richiesta d'aiuto.
Dio ti perdoni
e t'apra il cuore.
Stai uccidendo
chi è ferito fuori
e morto dentro.
Cinella Micciani
Composta mercoledì 10 gennaio 2018
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: CINELLA MICCIANI

    A te figlio

    Una cosa ti dico
    figlio mio caro.
    Ascoltami bene.
    La vita non è facile
    non lo è mai.
    La mia è andata
    sempre in salita.
    Non ho trovato
    scale di cristallo
    ma sono andata
    avanti spedita.
    Gradini sconnessi
    chiodi, schegge
    niente m'ha fermato.
    Ho guardato in alto.
    A volte ho corso
    altre ho scalato
    anche con fatica
    ma ho proseguito.
    Questo devi fare.
    Non arrenderti.
    Sali sempre veloce.
    Non fermarti mai.
    Io non lo faccio
    neppure ora che
    ne avrei voglia.
    Adesso sono io
    che seguo te.
    In te trovo la forza
    che mi manca.
    Sei tu che mi guidi.
    Sei tu il mio faro.
    Cammina sempre
    anche nel buio.
    La luce tornerà.
    Accendila in te.
    Guarda in alto.
    Supera gli scogli.
    Sii forte, intrepido.
    Alza la fronte,
    occhi volti al cielo.
    Io sarò lì con te.
    Specchiati nella vita
    col sorriso più bello.
    La vita lo apprezzerà.
    Radiosa e limpida
    la vedrai sorridere
    riflettendosi in te
    amore mio.
    Cinella Micciani
    Composta mercoledì 10 gennaio 2018
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: CINELLA MICCIANI

      Amico mare

      Non è facile
      star lontana da te
      amico mare.
      Sei così bello
      impetuoso
      affascinante
      che m'attiri
      come calamita.
      Quando posso
      rubo il tempo
      e corro da te.
      Tu non tradisci.
      Sei sempre lì
      ad aspettarmi.
      Abbracciata
      coccolata
      da folate di vento
      che scompigliano
      i miei capelli
      mi siedo sulla riva
      e ti osservo serena
      mentre l'anima mia
      galleggia tra le onde
      gioiose e birichine
      creando cavalloni
      su cui salgo veloce
      con la fantasia.
      Passerei la vita
      su uno scoglio
      ad ammirare
      l'infrangersi ritmico
      di onde e spruzzi
      d'acqua cristallina.
      La mente naviga
      su un mare di ricordi.
      Il cuore è sereno.
      L'anima luminosa
      è irradiata dal sole.
      Sono un brillio
      di affetti veri.
      Vivono dentro me
      dove batte il cuore
      ormeggia l'anima
      dove tutto è poesia.
      Cinella Micciani
      Composta mercoledì 10 gennaio 2018
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: CINELLA MICCIANI

        Donne oggetto

        Non passa giorno
        che io non senta
        parlare di violenza
        sulle donne in genere.
        Ogni giorno un caso.
        La tv dà bollettini
        di una guerra assurda.
        L'uomo non è più lui.
        Frustrato, geloso
        sfoga la delusione
        di sentire la donna
        indipendente, libera
        capace di decidere
        Non accetta la parità
        La donna è un oggetto
        da manipolare a piacere
        senza rispetto, dignità.
        L'uomo la conquista
        le mostra amore
        la fa sua con astuzia.
        Solo allora si rivela.
        Al primo diniego
        botte, pugni, schiaffi
        cui seguono pianti
        false promesse.
        La donna che ama
        cede, crede, perdona
        non denuncia e firma
        la sua condanna.
        Si verifica uno stato
        di passiva assuefazione
        al dolore, alla paura.
        Non si è più donne.
        Oggetti in balia altrui.
        O mia o di nessuno.
        La condanna è scritta.
        A voi la mia supplica.
        Denunciate, fuggite
        cercate asilo, aiuto.
        Siate vere donne
        non abbiate paura.
        Amatevi, rispettatevi
        ritrovate la dignità.
        L'amore è un dono
        che colora l'anima.
        Non tollera odio
        non cerca violenza.
        Cinella Micciani
        Composta mercoledì 10 gennaio 2018
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: CINELLA MICCIANI

          Meraviglia

          Oggi è il giorno
          di un ritorno
          meraviglioso.
          Il cuore è sereno.
          La paura svanita.
          Tutto intorno
          è luce radiosa.
          Una pace infinita
          è scesa nell'anima.
          Il sorriso è tornato
          luminoso e bello.
          Appare uno scenario
          d'infinita bellezza.
          Dal cielo limpido
          arriva una melodia
          un coro d'angeli
          che indora l'anima
          irradiata di luce
          dai mille colori.
          Guardo attenta.
          Non c'è nuvola
          nel limpido cielo.
          In lontananza
          gli occhi del cuore
          scrutano vigili
          un arrivo atteso.
          Ed eccolo qui.
          Una figura nota
          un viso amato.
          La vedo ridere
          allegra, felice
          mentre fa cenni
          si sbraccia gioiosa.
          In un istante
          la stringo a me.
          Finito è l'incubo
          svanita la tensione.
          Resta l'abbraccio
          che sa di magia
          di favola vera
          di gioia infinita.
          Immensa, favolosa
          magica meraviglia.
          Cinella Micciani
          Composta mercoledì 10 gennaio 2018
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: CINELLA MICCIANI

            Sono qui

            So che non mi vedi
            e neppure mi senti
            ma sono qui
            accanto a te.
            Vedo il visetto
            serio serio
            pensieroso
            lo sguardo perso
            chi sa dove
            con mille pensieri
            nella testolina
            non tutti belli.
            Vorrei tanto
            poterti parlare
            tenere la tua mano
            e dirti sono qui.
            So che hai paura.
            Ne ho tanta io
            ma ho anche
            una fede immensa.
            Andrà tutto bene.
            Lo sento dentro.
            La bontà divina
            non ha limiti
            né confini.
            Chiedete
            e vi sarà dato.
            Questo ci ha detto.
            Lui ti riporterà
            a chi ti ama
            sanata nel corpo
            serena nello spirito.
            Io sono qui
            accanto a te
            e non ti lascio mai.
            Torneremo insieme
            col cuore gioioso
            l'anima radiosa.
            Un'esplosione
            d'infinita felicità.
            Cinella Micciani
            Composta mercoledì 10 gennaio 2018
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: CINELLA MICCIANI

              A te Madre Santa

              Mi rivolgo a te
              Madre Santa.
              Intercedi pietosa.
              Ho bisogno
              del Tuo aiuto.
              So di essere misera
              manchevole, indegna.
              Mi prostro
              ai tuoi piedi.
              Perdona le mancanze
              la mia pochezza
              Ascoltami benevola.
              Non voglio nulla
              per me stessa.
              Accetto ogni cosa.
              Ti chiedo aiuto
              per la persona cara
              che sai Tu.
              Tu sai di chi parlo.
              Conosci tutto.
              Ti supplico.
              Veglia su di lei.
              Soffre, ha paura.
              Teme la prova
              da superare.
              Se potessi
              l'affronterei io
              al posto suo.
              Le voglio bene.
              La tengo nel cuore.
              Ha bisogno di Te.
              Esaudisci
              la mia supplica.
              Sfiorala col sorriso.
              Proteggila, sanala.
              Tieni la sua mano.
              Non lasciarla mai.
              Riportala ai suoi cari
              Madre Santa di Dio.
              Ho fede illimitata
              nel Tuo Santo aiuto.
              Ti offro il mio cuore
              grata e riconoscente
              per l'eternità.
              Cinella Micciani
              Composta mercoledì 10 gennaio 2018
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: CINELLA MICCIANI

                Nessuno

                Mi rivolgo a te
                donna, uomo
                incontrati per caso
                nel lungo cammino
                della vita vera.
                La maggior parte
                ha creato un mondo
                reale, vero, pulito
                ove è bello ritrovarsi.
                Altri, pieni di sé
                sono nomi vuoti
                privi d'ogni anelito
                di calore, empatia.
                Guardano dall'alto
                con chiaro disprezzo.
                Considerano tutti
                essenze inferiori
                nullità assolute.
                Non comprendo
                cosa li autorizzi
                a dar giudizi basati
                su arroganza, boria
                superiorità, alterigia.
                La vostra protervia
                ferisce come lama.
                Penetra acuminata
                nell'anima altrui
                annichilisce, deturpa
                svilisce il cuore
                lacera la carne
                toglie ogni certezza.
                Neppure il Signore
                giudica e disprezza.
                Lui ama e perdona.
                Il rispetto altrui
                è un valore immenso
                ma tu non sai cosa sia.
                Vale più di ricchezze
                cultura, beni materiali.
                Chi ferisce per superbia
                e s'arroga ogni diritto
                è più misero dei miseri.
                Ricco, potente, borioso
                ti specchi nel tuo ego
                ma non sei nessuno.
                Cinella Micciani
                Composta giovedì 16 novembre 2017
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: CINELLA MICCIANI

                  Fiducia vera

                  Sarebbe stupendo
                  se amassimo di più
                  non solo noi stessi
                  l'universo intero.
                  L'amico accanto
                  a noi sconosciuto
                  il bimbo all'angolo
                  che tende la mano
                  il malato che muore
                  nella fredda corsia
                  solo con se stesso.
                  Impariamo ad amare.
                  Partiamo dalle cose
                  piccole, importanti.
                  Un cucciolo ferito
                  un ciuffo d'erba
                  da non calpestare
                  folate di vento
                  forti, distruttive
                  tempeste marine
                  rovinose, letali.
                  Amiamo tutto.
                  Lacrime amare
                  per ferite inferte.
                  Godiamo lo stupore
                  del sorgere del sole
                  la benevola pioggia
                  che disseta la terra
                  magici arcobaleni.
                  Potrei continuare.
                  Non basterebbe mai.
                  Amiamo veramente
                  con slanci genuini.
                  Un po' meno noi
                  tanto di più gli altri.
                  Non sparirà il male
                  ma di sicuro avremo
                  una vita migliore.
                  Se con fiducia vera
                  crederemo nei sogni
                  la vita li realizzerà.
                  Cinella Micciani
                  Composta giovedì 16 novembre 2017
                  Vota la poesia: Commenta
                    Scritta da: CINELLA MICCIANI

                    Il tempo

                    Dicono che il tempo
                    sani tutte le ferite.
                    Lo sento ripetere
                    come un ritornello.
                    Vorrei ardentemente
                    che fosse vero.
                    Voglio crederlo.
                    M'attacco
                    alla speranza
                    che sia realtà
                    ma il dubbio resta.
                    È tarlo che tormenta
                    logora le certezze
                    sfilaccia le speranze
                    lascia immutata
                    la sofferenza
                    sempre latente
                    a volte nascosta
                    altre accantonata.
                    Il tempo può forse
                    sanare la ferita,
                    non certo il bisogno
                    di sentire il cuore
                    sciogliersi felice
                    in un abbraccio
                    fatto di magia.
                    Può cambiare
                    le mie fattezze
                    non certo l'anima
                    eternamente
                    assetata di te.
                    Eri, sei poesia
                    canto d'amore
                    melodia eterna.
                    Sei sangue
                    delle mie vene
                    luce dei miei occhi.
                    Il tempo passerà
                    io sarò sempre io.
                    Tu l'amore mio.
                    Cinella Micciani
                    Composta giovedì 16 novembre 2017
                    Vota la poesia: Commenta