Scritta da: CINELLA MICCIANI

Vita su misura

Vivo una vita
forgiata su misura
d'un cuore caldo
mai sazio d'amore.
Amo le stelle
il cielo tempestato
di un brillio radioso
ad illuminare l'anima.
Amo le ampie
tempestose distese
di un mare impetuoso
o calmo e cristallino
che m'abbraccia
e m'inonda di sé.
M'affascina
lo schiumeggiare
delle onde birichine
che giocano sulla riva
Amo il canto dei grilli,
il profumo d'una rosa
il vagito d'un bimbo
che s'affaccia alla vita.
Amo la pioggia dolce
che disseta la terra
ancor più il sole
che brucia gli ardori
ma riscalda il cuore.
Vivo una vita
forgiata su misura.
Rifuggo il male
cerco scintille di bene
ovunque spero
possano germogliare.
Mi nutro d'emozioni
di sentimenti veri
di affetti sinceri.
Il bello è incanto.
La natura un sogno.
Non so se sia poco.
Per me è tutto.
Una vita su misura
profumata d'immensità.
Cinella Micciani
Composta martedì 23 maggio 2017
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: CINELLA MICCIANI

    Ai confini della realtà

    Oggi il mio cuore
    ha bisogno di volare.
    Spicco il volo
    con ali leggere
    e in un istante
    m'abbraccia un cielo
    limpido, azzurro,
    che sa di magia.
    Una nuvola morbida
    mi culla materna.
    Sento nell'anima
    d'essere nell'infinito
    alle porte del Paradiso,
    Intorno a me
    svolazzano liberi
    uccelli di tutti i colori.
    Un canto melodioso
    rallegra l'anima.
    Adagiata nel blù
    ammiro piccoli angeli
    che giocano, cantano.
    Mi unisco a loro,
    danzo leggera, serena
    come una bimba
    tra bimbi festosi.
    Intorno stelle luminose
    s'accendono improvvise
    creando un brillio magico.
    Solo incanto e poesia.
    La mia vita rifiorisce.
    Sono una gemma
    appena in boccio
    pronta a schiudersi,
    un'aurora rosata
    un tramonto da favola.
    Il mio cuore leggero
    profuma d'amore.
    Con un dito tocco il cielo.
    Tutto è immensa melodia.
    Sono ai confini della realtà.
    Cinella Micciani
    Composta martedì 23 maggio 2017
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: CINELLA MICCIANI

      Nebbia nel cuore

      Ci sono giorni
      così tristi, vuoti
      che il cuore perde
      ogni suo scintillio.
      Uno strato denso
      di nebbia fitta
      lo offusca, lo spegne.
      Nessuna luce filtra.
      Avanzo cauta,
      spenta nell'anima,
      vuota dentro di me.
      Solitamente mi muovo
      con passo leggero,
      veloce, agile,
      svolazzo nel cielo,
      farfalla variopinta
      dai mille colori.
      Ora non accade.
      Tutto è nebuloso
      grigio, anonimo.
      Mi manca tutto.
      Mi sento inerme
      fragile, indifesa
      come un bimbo
      impaurito dal buio.
      Avevo un peso,
      meglio ho un peso,
      che mi piega in due.
      Lotto con me stessa
      per rivedere la luce.
      Stavo reagendo
      poi, all'improvviso.
      Una ricaduta
      così violenta, inattesa
      ingiusta, inaspettata,
      che m'ha inferto
      il colpo mortale.
      Ora sono qui,
      in ginocchio,
      tentando di rialzarmi.
      Possa il cielo
      diradare la nebbia
      e donarmi almeno
      uno spiraglio di luce.
      Cinella Micciani
      Composta martedì 23 maggio 2017
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: CINELLA MICCIANI

        Non sei un uomo

        Voglio parlare a te
        e peso le parole.
        Me lo impongo a fatica.
        Troppo è lo sdegno.
        Mi rivolgo a te, uomo
        che di umano hai solo
        l'aspetto e l'identità.
        Deve essere devastante
        per la tua mente malata
        scoprire che la tua donna
        si è stancata di te.
        Non ti chiedi il perché,
        non ti poni domande,
        non ricordi le promesse
        i giuramenti, le lacrime.
        Quella donna è tua.
        Un oggetto tra i tanti,
        t'appartiene e basta.
        O tua o di nessuno.
        Questo è il pensiero
        che ottunde la mente.
        Offuscato nei sensi
        privo ormai di ragione
        vivi solo per annientare...
        non sei un uomo.
        Sei un animale ferito.
        L'orgoglio di maschio
        è assetato di sangue.
        Con false lusinghe
        l'accerchi, la segui,
        la pedini, la chiami.
        Un ultimo addio
        è la trappola giusta.
        Lei te lo concede
        e firma la sua condanna.
        Non conosco odio
        provo solo orrore.
        Ti auguro di ritrovare.
        Una coscienza vigile.
        Non ridarà la vita a lei
        ma certo devasterà la tua.
        Cinella Micciani
        Composta martedì 23 maggio 2017
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: CINELLA MICCIANI

          Amo la poesia

          Amo la poesia.
          L'amo da sempre.
          La poesia è vita,
          calore e profumo
          dell'animo umano.
          La poesia raccoglie
          una parte di me.
          Riverso su foglio
          istanti magici, radiosi
          alternati ad altri
          nebulosi, tristi
          a volte disperati
          della mia esistenza.
          In ogni mia poesia
          c'è sfogo dell'anima
          inquieta o felice,
          dubbiosa o serena,
          leggera o cupa.
          La poesia è sogno
          misto a realtà.
          Per me scrivere
          è mettere su foglio
          emozioni, pensieri,
          sentimenti veri,
          che colorano d'infinito
          la mia anima
          o la rendono disarmata,
          fragile, inquieta.
          Tutto nasce dal cuore
          e dal cuore si riversa
          come fiume in piena
          su foglio che diviene
          anima viva, parlante.
          Dialogo, condivido
          sorrido, piango,
          m'inabisso nell'oblio,
          volo alto nell'immensità.
          La poesia è vita per me.
          Amarla è bisogno interiore.
          Ogni mio verso è canto,
          un abbraccio a me stessa
          alla vita, all'amore.
          Cinella Micciani
          Composta martedì 23 maggio 2017
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di