Scritta da: CINELLA MICCIANI

Certezza vera

Avere certezze
forti, salde
aiuta a vivere bene.
Ognuno di noi
s'appiglia a quelle
che ha nel cuore
e ritrova la forza
quando qualcosa
lo abbatte, lo fiacca.
Arrivano per tutti
giorni, attimi
che ti travolgono.
Ti senti svuotato
un dubbio vivente.
Cerchi risposte
senza trovarle.
Apri il tuo cuore
lo doni spontanea.
Te lo ritrovi a pezzi
calpestato, deriso.
Ti crolla l'universo.
Le certezze volano
come foglie al vento.
T'attacchi ai valori
imprescindibili
che ti hanno sorretto
per una vita intera.
Ti mostri come sei.
Fragile ma forte
leale, sincera, vera.
Porgi tu la mano
ricevi morsi dilanianti.
Muri invalicabili
ti crollano addosso.
T'appelli all'amore
guida, sprone di vita.
Ami e vivi di pace.
T'ascolti fiduciosa.
Il cuore non mente.
La verità riaffiorerà.
L'anima s'acquieta
hai dato tutto di te.
L'amore vince sempre.
Una certezza salda
che in eterno vivrà.
Cinella Micciani
Composta mercoledì 10 gennaio 2018
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: CINELLA MICCIANI

    Dimmi chi sei

    Ascoltami
    e imprimiti
    nell'anima
    ogni parola.
    Dimmi chi sei.
    Credevo di saperlo.
    Avevo fede in te
    e ti voglio bene
    di riflesso.
    Conosco i difetti.
    Carattere spigoloso
    cocciuto, orgoglioso
    ma anche buono
    generoso, disponibile
    pronto a capire
    aiutare, riprovare.
    Ho sbagliato.
    Non sai perdonare
    gli sbagli altrui
    dettati sempre
    da disperazione
    bisogno d'amore.
    Non hai mai slanci
    che nascano da te.
    L'amore è un dono.
    Non s'implora.
    Si dà e si riceve
    spontaneamente.
    Ho sbagliato con te.
    Sai prendere
    ma ti costa dare.
    Ti sei finito tutto.
    Una parola dolce
    abbracci, carezze.
    Dimmi chi sei.
    Chi è per te la donna
    che ha messo via
    amor proprio, dignità
    per averti accanto.
    Non sei corso da lei
    non hai raccolto
    la richiesta d'aiuto.
    Dio ti perdoni
    e t'apra il cuore.
    Stai uccidendo
    chi è ferito fuori
    e morto dentro.
    Cinella Micciani
    Composta mercoledì 10 gennaio 2018
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: CINELLA MICCIANI

      A te figlio

      Una cosa ti dico
      figlio mio caro.
      Ascoltami bene.
      La vita non è facile
      non lo è mai.
      La mia è andata
      sempre in salita.
      Non ho trovato
      scale di cristallo
      ma sono andata
      avanti spedita.
      Gradini sconnessi
      chiodi, schegge
      niente m'ha fermato.
      Ho guardato in alto.
      A volte ho corso
      altre ho scalato
      anche con fatica
      ma ho proseguito.
      Questo devi fare.
      Non arrenderti.
      Sali sempre veloce.
      Non fermarti mai.
      Io non lo faccio
      neppure ora che
      ne avrei voglia.
      Adesso sono io
      che seguo te.
      In te trovo la forza
      che mi manca.
      Sei tu che mi guidi.
      Sei tu il mio faro.
      Cammina sempre
      anche nel buio.
      La luce tornerà.
      Accendila in te.
      Guarda in alto.
      Supera gli scogli.
      Sii forte, intrepido.
      Alza la fronte,
      occhi volti al cielo.
      Io sarò lì con te.
      Specchiati nella vita
      col sorriso più bello.
      La vita lo apprezzerà.
      Radiosa e limpida
      la vedrai sorridere
      riflettendosi in te
      amore mio.
      Cinella Micciani
      Composta mercoledì 10 gennaio 2018
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: CINELLA MICCIANI

        Amico mare

        Non è facile
        star lontana da te
        amico mare.
        Sei così bello
        impetuoso
        affascinante
        che m'attiri
        come calamita.
        Quando posso
        rubo il tempo
        e corro da te.
        Tu non tradisci.
        Sei sempre lì
        ad aspettarmi.
        Abbracciata
        coccolata
        da folate di vento
        che scompigliano
        i miei capelli
        mi siedo sulla riva
        e ti osservo serena
        mentre l'anima mia
        galleggia tra le onde
        gioiose e birichine
        creando cavalloni
        su cui salgo veloce
        con la fantasia.
        Passerei la vita
        su uno scoglio
        ad ammirare
        l'infrangersi ritmico
        di onde e spruzzi
        d'acqua cristallina.
        La mente naviga
        su un mare di ricordi.
        Il cuore è sereno.
        L'anima luminosa
        è irradiata dal sole.
        Sono un brillio
        di affetti veri.
        Vivono dentro me
        dove batte il cuore
        ormeggia l'anima
        dove tutto è poesia.
        Cinella Micciani
        Composta mercoledì 10 gennaio 2018
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: CINELLA MICCIANI

          Donne oggetto

          Non passa giorno
          che io non senta
          parlare di violenza
          sulle donne in genere.
          Ogni giorno un caso.
          La tv dà bollettini
          di una guerra assurda.
          L'uomo non è più lui.
          Frustrato, geloso
          sfoga la delusione
          di sentire la donna
          indipendente, libera
          capace di decidere
          Non accetta la parità
          La donna è un oggetto
          da manipolare a piacere
          senza rispetto, dignità.
          L'uomo la conquista
          le mostra amore
          la fa sua con astuzia.
          Solo allora si rivela.
          Al primo diniego
          botte, pugni, schiaffi
          cui seguono pianti
          false promesse.
          La donna che ama
          cede, crede, perdona
          non denuncia e firma
          la sua condanna.
          Si verifica uno stato
          di passiva assuefazione
          al dolore, alla paura.
          Non si è più donne.
          Oggetti in balia altrui.
          O mia o di nessuno.
          La condanna è scritta.
          A voi la mia supplica.
          Denunciate, fuggite
          cercate asilo, aiuto.
          Siate vere donne
          non abbiate paura.
          Amatevi, rispettatevi
          ritrovate la dignità.
          L'amore è un dono
          che colora l'anima.
          Non tollera odio
          non cerca violenza.
          Cinella Micciani
          Composta mercoledì 10 gennaio 2018
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di