Scritta da: CINELLA MICCIANI

Lentamente si spegne

La Vita ci dona
un'infinità di cose
ma con la stessa
veloce frequenza
tante altre ci toglie.
Spesso arrivano
gioie immense
o profondi dolori
quando noi ignari
non ci pensavamo.
È facile gioire
sentire il cuore
scoppiare nel petto
s'è colmo di felicità.
Quando ad arrivare
sono forti dolori
sofferenze immense
lentamente si spegne
la nostra esistenza.
Imparare a soffrire
è assai complicato
ma è un'arte vera
che ci può salvare.
Lentamente si spegne
chi rifiuta di provare
chi allontana tutti
per non soffrire più.
Lentamente si spegne
chi smette di amare
delusa dall'amore.
Eppure niente esiste
più vivo e dolce
di un'emozione forte
di una passione vera.
Io ho un gran pregio.
Ho imparato a soffrire
soprattutto a reagire.
Mi spegnerò soltanto
quando Dio vorrà.
senza rimpianti
in pace e serenità.
Cinella Micciani
Composta lunedì 8 ottobre 2018
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: CINELLA MICCIANI

    Stupendo

    Stupendo
    il riso allegro
    d'un bambino
    che corre veloce
    dietro all'aquilone.
    Stupendo
    il sorgere del sole
    quando squarcia
    l'orizzonte infinito
    e crea l'arcobaleno.
    Stupendo
    il volo ardito
    dell'aquila reale
    quando apre le ali
    e abbraccia il cielo.
    Stupendo
    il magico canto
    d'un coro angelico
    tra archi, flauti
    arpe e violini.
    Stupendo
    il sonno innocente
    del neonato.
    Occhietti chiusi
    e ciuccio sul lettino.
    Stupendo
    il dono immenso
    della Vita
    il miracolo speciale,
    le bellezze del creato.
    Stupendo
    l'amore mio per te
    unico e immortale.
    Magia pura
    poesia e canto
    dell'anima radiosa
    che abbraccia
    l'immensità.
    Cinella Micciani
    Composta lunedì 8 ottobre 2018
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: CINELLA MICCIANI

      Malinconia

      M'accade di rado
      eppure capita.
      Ci sono giorni
      colmi di tristezza.
      Dentro di me
      confusa, fragile,
      si diffonde veloce
      una malinconia
      che rabbuia l'anima.
      Amo la vita
      la gioia, l'amore.
      Vivo di pace
      mi nutro di bene.
      Anche un sorriso
      m'irradia di luce.
      La malinconia
      è un sentimento
      che non è mio.
      Quando arriva
      cerco nel cuore
      le mille risorse
      che m'aiutano
      a ritrovarmi.
      Spesso mi salva
      il silenzio,
      la voce del cuore
      che parla tenero.
      All'istante ritrovo
      sorrisi luminosi
      svaniti nel nulla.
      Non spariscono
      senza un perché.
      C'è una ragione.
      Una ferita dentro
      che fa tanto male
      rabbuia l'anima.
      Io la lenirò, sanerò
      cullerò il mio cuore.
      La luce radiosa
      tornerà a brillare.
      La malinconia
      per sempre svanirà.
      Cinella Micciani
      Composta lunedì 8 ottobre 2018
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: CINELLA MICCIANI

        Pace nel cuore

        O Dio Santo
        Padre divino
        e misericordioso
        in questo giorno
        di immenso dolore
        dona Pace nel cuore
        a tutti coloro
        che hanno perso
        i loro cari congiunti
        nell'immane tragedia
        che ha sconvolto
        ogni essere umano.
        Nessuno più di TE
        sa cosa significhi
        provare dolore.
        Tu hai dato la vita
        per noi tutti,
        indegni figli tuoi,
        e noi incuranti
        superficiali
        troppo attaccati
        ai beni terreni
        lo dimentichiamo
        troppo spesso.
        In questo giorno
        di dolore immenso
        accogli pietoso
        ogni figlio defunto
        e dona pace a loro
        e alle famiglie
        che non trovano
        quiete e ristoro
        nell'anima dilaniata.
        Abbi pietà di noi
        anche se miseri
        per meritarla.
        Perdonaci tutti.
        Il tuo abbraccio
        salverà noi
        e colmerà di luce
        di bene e d'amore
        le anime dei defunti.
        Cinella Micciani
        Composta lunedì 8 ottobre 2018
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: CINELLA MICCIANI

          La coscienza grida

          Quante volte ancora
          verseremo lacrime
          per l'incuria di alcuni
          negligenza di altri.
          Accendi la tv e il cuore
          colpito a tradimento
          si ferma esterrefatto.
          Edizione straordinaria.
          Capisci al volo.
          C'è stato un dramma.
          Ascolti smarrita
          non respiri quasi.
          Pochi particolari
          una certezza sicura.
          Morti, feriti, danni.
          Una tragedia immane.
          Stordita, attonita
          vorresti sparire.
          Segui sconvolta.
          Alla fine ti arrendi.
          Resta solo il dolore
          e una coscienza
          che si ribella.
          La vita è un bene
          troppo prezioso
          per buttarla via
          specie quella altrui.
          Dio abbia pietà
          di chi provoca
          strazi simili.
          Il cuore si ferma
          non trova pace.
          Restano lacrime
          parole vuote
          vittime innocenti.
          Chi può si muova.
          La coscienza umana
          tragedie così
          non le accetta più.
          Cinella Micciani
          Composta lunedì 8 ottobre 2018
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di