Scritta da: CINELLA MICCIANI

Mi esamino

Mi accade spesso
quando il cuore
è colmo di lacrime
di cercare un angolo
il più nascosto
e accovacciarmi
su me stessa.
Ferita, indifesa,
piegata su di me
mi metto in ascolto
delle mille risposte
che non trovo.
Io so in coscienza
di essere sempre
la donna vera
che non sa far male
e se faccio errori
li pago su di me.
Questa certezza
dovrebbe bastare
ma non è così.
Il cuore è gonfio
l'anima è afflitta
il sorriso è spento.
Penso, rifletto
non trovo rimedi.
Ho le mani legate.
Vorrei ma non posso.
Piegata su di me
ormai senza difese
esamino me stessa.
Col cuore anelante
mi metto in ascolto.
Aspetto una voce
che scacci il buio
spenga il dolore
illumini l'anima.
Mi ridia la luce.
Voglio la mia vita
colma d'amore
di musica, poesia
infinita serenità.
Cinella Micciani
Composta martedì 13 febbraio 2018
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: CINELLA MICCIANI

    Sogni magici

    Giorno dopo giorno
    avanzo intrepida
    nel cammino arduo
    che la vita mi regala.
    A volte inciampo
    ma sempre mi rialzo.
    Porto con me
    sorrisi in una mano
    e lacrime nell'altra.
    Nell'anima sogni
    ricolmi d'amore
    mille speranze vive
    mai abbandonate
    o peggio svanite.
    C'è gente vuota
    che non ama i sogni.
    Vive di sostanza
    guadagni, ricchezze.
    Non guarda lontano.
    Vede solo se stesso.
    Il resto è fastidio
    ostacolo, intralcio.
    Non tende la mano.
    Non ama chi soffre.
    Non vede nell'altro
    il riflesso di Dio.
    Io amo sognare.
    I sogni aiutano.
    T'aprono orizzonti
    colorati d'immenso.
    Sono squarci di cielo.
    Farfalle in volo
    parole d'amore.
    La vita di chi sogna
    è un battito d'ali
    un respiro d'infinito
    un alito d'amore.
    I sogni sono magia.
    Rallegrano il cuore.
    Colorano l'anima.
    Sono volo perenne
    verso l'eternità.
    Cinella Micciani
    Composta martedì 13 febbraio 2018
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: CINELLA MICCIANI

      Il cuore canta

      Quando la vita
      ti schiaffeggia
      quando il cuore
      non vola leggero
      l'anima mia
      s'attacca con forza
      all'unica speranza
      che è fulcro, perno
      della mia esistenza.
      Il bene vince sempre.
      Soffrire è naturale.
      Fa parte della vita.
      In certi momenti
      non vedi un'uscita
      ti crolla un mondo.
      È quello il momento
      di dimostrare chi sei.
      Io non m'arrendo.
      Credo nel bene vero.
      Ho fede nella verità.
      Il tempo paga sempre.
      Salda i conti sospesi
      anche con interessi.
      Questo mi dà forza.
      Se la paura m'assale
      alzo lo sguardo
      verso il cielo dipinto
      ove sprazzi di luce
      indorano di scintille
      il firmamento intero.
      Con la forza del cuore
      dipingo arcobaleni
      magiche scie luminose
      d'iridescenti colori
      sui quali cammino
      sino a sfiorare il cielo.
      Alzo gli occhi in su
      lancio un bacio
      sfiorando le labbra
      profumate di vento.
      Mi giro e ritorno
      senza proferir parola.
      Il cuore è un canto
      d'amore infinito.
      Cinella Micciani
      Composta martedì 13 febbraio 2018
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: CINELLA MICCIANI

        Anima derisa

        Cammino
        senza una meta.
        Lo sguardo fisso
        il cuore a pezzi.
        Sono un miscuglio
        di emozioni diverse.
        Avvolta nell'oscurità.
        Cerco la luce
        ma non la trovo.
        Sono in un tunnel
        senza fine né sbocco.
        Avanzo come automa
        con le mani protese
        quasi a tastare l'aria
        che toglie il respiro.
        Avanzo cauta.
        All'improvviso
        sento il terreno aprirsi.
        Un abisso m'inghiotte
        e mi trascina giù.
        Precipito senza sosta.
        Cerco un appiglio
        non lo trovo.
        In lontananza sento
        parole dure, cattive.
        Penso all'inferno
        e mi chiedo perché.
        Non ho fatto del male.
        Errori tanti, ma pagati
        sulla mia pelle.
        Improvvisa arriva
        una risata beffarda.
        Parole rabbiose, offese
        s'abbattono su di me.
        Conosco quella voce.
        Mi sento meno di niente.
        Apro gli occhi devastata.
        È sparito tutto.
        Restano solo lacrime
        che scendono a fiume
        a risanare l'anima mia
        mai tanto dilaniata.
        Cinella Micciani
        Composta martedì 13 febbraio 2018
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: CINELLA MICCIANI

          Ali tenere

          Dolorosa
          dilaniante
          è la caduta
          se improvvisa
          inaspettata.
          Fa tanto male.
          Piccolo passero
          con alucce tenere
          volevo librarmi
          e sono caduta
          rovinosamente.
          Guardavo in alto.
          Mi sentivo forte
          ardimentosa
          capace di sfiorare
          cieli infiniti
          spiccare il volo
          verso vette ripide.
          Ho aperto le ali
          e sono caduta.
          Ora sono lì
          passerotto tenero
          sola, impaurita.
          Tremo dentro.
          Il vuoto m'assilla.
          Solo buio intorno.
          Guardo in cielo
          scorgo scintille
          luminose, belle.
          Allargo le ali
          come in croce
          e supplico pietà.
          In un istante
          sono un brillio
          radioso, infinito.
          Un atomo di luce
          goccia di rugiada
          scintilla di cuore
          riflesso di vita.
          Le piccole ali tenere
          tornano a svolazzare.
          Sono silente oasi
          stilla d'amore vero.
          Cinella Micciani
          Composta martedì 13 febbraio 2018
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di