Sogno o incubo

Un sogno
Quante volte abbiamo fatto l'amore
Nascondendoci da occhi indiscreti.
Sento ancora il tuo profumo nel mio letto
Rilavo e rilavo le lenzuola ma l'odore permane
Il tuo profumo sovrasta anche il fiore più odoroso.

Ripenso ai primi momenti e i tuoi attimi di imbarazzo
Le tue mani fredde e sudate che per ore stringevo
Le tue labbra morbide che adoravo baciare
I tuoi capelli sempre spettinati che accarezzavo
I tuoi occhi seducenti e sorridenti

Ripenso alla passione mentre ci baciavamo
Ripenso alle ore nel letto insieme,
Ripenso ai nostri nudi corpi sotto le lenzuola.
Ripenso alle volte che abbiamo fatto l'amore
Ripenso a quando mi stringevi forte e mi dicevi "ti amo"

Un suono sopraggiunse al mio orecchio e mi svegliai

Eri sparita.
Anonimo
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Elisabetta

    Oh, se potessi!

    Oh, se potessi,
    Gesù Bambino,
    farti dormire
    nel mio lettino!
    Da questa grotta
    portarti via
    là nel calduccio
    di casa mia.
    Io di dormire
    sarei contento
    sopra una sedia
    sul pavimento,
    purché sapessi
    che tu, mio Re,
    dormi e riposi
    meglio di me.
    Ma la maestra
    mi ha detto a scuola
    che tu domandi una cosa sola:
    non la mia casa,
    non il mio letto,
    ma solo un cuore pieno d'affetto.
    Se questo chiedi,
    questo ti dono:
    con lo promessa di essere buono.
    Anonimo
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di