Scritta da: Valentina

All'amore mio

Quanno che te vedo me se infiamma er core
è n'esplosione de sentimenti, de felicità, de amore
che pè te provo e che vorrei nun terminasse mai
la vita mia senza de te nun la so vedè giammai.

Da quella vorta che li sguardi nostri se sò incontrati
li pensieri mia giorno pè giorno se sò infervorati
sempre a te la mente annava, dicevo "è 'na follia"
e invece me sò accorta che ormai ero in balìa
de un dorce sentimento che da tempo nun provavo
e che te m'hai risvejato... come hai fatto? Nun pensavo!

Ma è inutile mo stasse a spiegà li motivi
der fatto che io e te semo stati impursivi
ar core nun se comanna, lo dice pure un proverbiale detto
tutto da sé è venuto, in modo naturale... sì lo ammetto
che 'n pochetto c'ho pensato ma è normale, semo umani
"carpe diem" e io questo ho fatto, ho dato retta a li romani.

Oggi poi me rendo sempre più conto de 'na cosa
ma come ho fatto senza de te a passà 'na vita dignitosa?
Boh nun me lo spiego proprio, è mejo che 'n ce penso
ma l'importante è avette incontrato e volette un bene immenso
io e te pe tutta la vita insieme, questo è er sogno mio
quanto c'ho voja de amatte... ce lo so solo io.
Anonimo
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di