Scritta da: trilly23

Non voglio, voglio ma non posso

I nostri sguardi si incrociarono dal primo momento che ci vidimo e fu subito magia. Ad un tratto il mondo attorno a noi si fermò. Solo io e te e niente più! Io con lui, tu con lei, ma mai noi due insieme... almeno non davvero! Ovunque c'eri tu e il resto taceva. Silenzi, sospiri, imbarazzi, sorrisi e voglia di noi!
E adesso? È tutto più strano... perché adesso no? Non voglio, voglio ma non posso!
Non so se sarà più lo stesso ma io ti cercherò. "Ti cercherò negli occhi della gente che nel mondo incontrerò e dentro quegli sguardi mi ricorderò di te. Chissà se si chiamava amore!?"
Anonimo
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Luigi Malgrati

    Quando non dici niente

    È spettacolare come tu riesca a parlare bene al mio cuore
    senza dire una parola, tu puoi illuminare il buio, ci provi come me
    ma io non potrei mai spiegare quel che sento quando non dici niente.
    Il sorriso sul tuo viso mi fa capire che hai bisogno di me,
    c'è una sincerità nei tuoi occhi che mi dice che non mi lascerai mai,
    il tocco della tua mano dice che tu mi alzerai in qualsiasi momento io cadrò,
    tu dici le cose migliori... quando non dici proprio niente.
    Tutto il giorno posso sentire le persone parlare ad alta voce,
    ma quando tu mi stringi forte, tu sommergi la folla,
    ci provi come loro, ma loro non potrebbero mai definire
    ciò che è stato detto tra te
    e il mio cuore,
    tu dici le cose migliori... proprio quando non dici niente.
    Anonimo
    Vota la poesia: Commenta
      L'altro giorno ti ho vista,
      i nostri sguardi si sono incrociati,
      ma i tuoi occhi erano lucidi e tristi.
      Sono ancora innamorato.
      I miei sentimenti non sono svaniti,
      il mio cuore arde ancora per te.

      Ma tu non eri sola,
      non ti sentivi sicura,
      pensavi che io mi avvicinassi a te?
      Non avevi il coraggio di affrontare la situazione?
      Perché?

      Mi hai lasciato
      non hai avuto il coraggio di dirmelo di persona,
      hai usato il telefono
      È stata la cosa più brutta che potevi fare,
      ti sei tenuta le chiavi di casa,
      cosa sono per te?
      Un ricordo?

      Ti amo ancora,
      il mio cuore è ancora tuo.
      Anonimo
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di