Scritta da: Violina Sirola

La bambola di sale

Una leggenda buddista narra
di una bambola di sale che voleva conoscere il mare.

Era una bambola di sale e non sapeva che cosa fosse il mare.
Un giorno decise di andare alla ricerca del mare.
Camminò per sentieri aridi e
scoscesi, s'inerpicò sui monti e
discese a valle, per contemplare l'immensa luce
bianca del sole sulle onde del mare, quand'era ancora
l'alba. Poi chiese di conoscere: "Che cosa posso fare"?
"Toccami" rispose il mare; la bambola esitò, poi lo toccò
perplessa con le dita di un piede e
incominciò a capire: una parte di sé se n'era andata via!

S'immerse nell'acqua quasi completamente
ancora non capiva che cosa fosse il mare.
E, quando finalmente nell'onda travolgente
il mare l'assorbì, la bambola di
sale, prima di scomparire, mormorò dolcemente: "Il mare sono io".
Anonimo
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Maria B.
    L'amore è:
    - scrivere Ti Amo su un finestrino anche se sai che qualcosa lo cancellerà
    - un abbraccio affettuoso ove l'intero corpo affonda
    - sentirsi volare senza ali ma mano a quell'angelo che ti permette di farlo
    - un fumetto bianco e nero perché a colori potrebbe sbiadirsi
    - la chiave di un segreto che solo quel lui conosce
    - guardare insieme la luna anche se si è consapevoli che si è lontani
    - un sogno magico, quella magia che vorresti durasse per sempre
    - un bacio a colori
    - due battiti di cuore uniti in un unico
    Solo due parole: ti amo.
    Anonimo
    Composta giovedì 5 febbraio 2009
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di