Scritta da: Danza di Venere

Chissà come sarà

È sottile ed è sempre lei,
linea di confine tra umani e dei,
a vederti non lo direi,
non più almeno, ma del tuo respiro vivrei.

Non vivo per lei, ma senti?
La sua presenza crea dipendenza,
lunga attesa da far battere i denti,
è freddo il riparo ma senza scadenza.

Di tanto in tanto mi incuriosisce,
il tuo volto il tuo corpo,
sotto quella veste immagino e mi colpisce,
vedere attraverso gli abiti, la pelle fin nel tuo animo.

Chissà che forma ha,
sarà gentile, sarà elegante,
sarà quel che sarà,
la realtà è che non è qui presente.
Anonimo
Composta sabato 15 aprile 2017
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: NikkiPinki
    Un lampo di vita mi afferrò per le braccia...
    seduta su una nuvola del Cielo... lo sfidai con lo sguardo...
    guardandomi fisso negli occhi, iniziò:

    "L'hai persa...
    e non è un lavoro... non è un amore... non è una madre...
    non è il dolore... non è la vita...
    l'hai solo persa...
    la tua Anima
    l'hai persa...
    e adesso sei tra la gente
    con un corpo che solo in parte sei tu...
    e non senti niente...
    Sottili respiri sei...
    Dolci carezze e baci rubati...
    sei...
    Ma come si può vivere senz'Anima?
    E adesso silenziosa te ne stai
    con una mano tra i capelli...
    L'hai persa... L'hai persa...
    e non ridere..."

    Ed io pensavo...
    "Eppur vivo... Io sono viva...
    Ma la cerco... ho solo un po' paura!"
    Anonimo
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di