Scritta da: F4B10Z

22 Settembre

Tempo.

Inesorabile compagno,
odiato nemico.

Dalla felicità dell'amore,
alla consapevolezza della solitudine,
ed il tempo che dovrebbe dar conforto,
rende tutto più amaro.

Ed ora, 22 Settembre,
anniversario di quel che era,
e che non hai lasciato potesse essere,
sono qui, a scrivere.

Scrivo qualcosa che brucia ancora,
sulla mia pelle, sulle mie labbra,
direttamente impresso a fuoco,
sul cuore.

Odiami. Portami rancore.
... ma non dimenticare mai.
Anonimo
Vota la poesia: Commenta

    Plasma

    Capita a volte che
    sensazioni ed emozioni vengano assorbite dall'intorno di te stesso
    c'è talmente tanto che urla dentro di te che diventi il centro dell'universo
    un attimo che diventa l'infinito, l'inizio e la fine di tutto.
    E ci sei tu, ed è lì in quel preciso istante che il tuo io si annulla
    come l'amore più forte, come il dolore più atroce
    tutto attorno sembra raccontarti la stessa storia, suonare la stessa musica, emanare gli stessi profumi.
    Ma non è la dissociazione. È l'esatto contrario, è come un vortice di plasma in cui non si distingue la materia.
    Uno e tutto.
    Fuoco e ghiaccio.
    Rumorosa solitudine.
    Ma non ti uccide: è il puro e semplice non senso della vita.
    E allora, languido e spossato, cedo.
    Che il plasma mi prenda e mi affoghi come vuole, è inutile dimenarsi
    tanto una via sempre ci sta
    tanto il resto già si sa
    prima o poi una luce apparirà.
    Anonimo
    Composta sabato 30 novembre 2013
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Elena D'Andrea

      Innamorarsi

      Ti innamori così, per caso,
      di un tipo qualunque,
      che ti era
      addirittura antipatico.

      Ti innamori così: imparando
      a volergli bene, parlandogli,
      sorridendogli da amica;
      e accorgendoti di star male,
      se un giorno non lo vedi.

      Ti innamori così: stando
      ore e ore insieme a lui,
      sentendo il cuore che
      batte forte se si avvicina;
      e una voglia tremenda
      di baciarlo
      se dolcemente ti sfiora.

      Ti innamori così: sentendoti
      morire al solo pensiero
      che lui stia con un'altra...
      Anonimo
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Celeste Fiore

        Amarti

        Amarti come forse non ho mai saputo fare,
        di un amore grande e infinito come il mare.
        Amarti senza fine,
        in ogni attimo della mia vita...
        con tutto il cuore,
        con tutta l'anima
        che di te si è ormai invaghita.
        Amarti senza più liti,
        senza silenzi,
        senza più orgoglio,
        perché tu,
        mio solo amore
        sei tutto ciò che voglio.
        Amarti senza limiti,
        senza problemi,
        senza peccato,
        di un amore semplice,
        puro e sconfinato.
        Amarti oltre vita,
        perché senza te...
        la mia stessa, sarebbe finita!
        Anonimo
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Elisabetta

          Il girotondo delle maschere

          È Gianduia torinese
          Meneghino milanese.
          Vien da Bergamo Arlecchino
          Stenterello è fiorentino.
          Veneziano è Pantalone,
          con l'allegra Colombina.
          Di Bologna Balanzone,
          con il furbo Fagiolino.
          Vien da Roma Rugantino:
          Pur romano è Meo Patacca.
          Siciliano Peppenappa,
          di Verona Fracanappa
          e Pulcinella napoletano.
          Lieti e concordi si dan la mano;
          vengon da luoghi tanto lontani,
          ma son fratelli, sono italiani.
          Anonimo
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di