Scritta da: Giorgio De Luca
in Poesie (Poesie d'Autore)

Una voce s'eleva

Una voce s'eleva.

Dolore è il nome,
Speranza il cognome.

Madre Natura,
travestita da boia,
colpisce nel sonno,
sbriciola case.

Gli angeli,
il viso tra le mani,
mostrano le ali ferite.

Un cane scava
tra le rovine,
cerca il suo padrone.

Trovano rifugio
tra le braccia
del silenzio
i sopravvissuti.

Sgomenti guardano
l'orologio del campanile
fermo alle 3,36.

La sera s'avvicina,
non ci sono stelle,
non c'è la luna.

Una gelida carezza
di vento solleva
piccoli granelli
di polvere.

Una voce s'eleva.
Composta mercoledì 24 agosto 2016
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Mariella Buscemi
    in Poesie (Poesie d'Autore)
    Dev'essere stato un ricordo, l'ultimo sussulto
    e le dita che battono sui tasti
    come fosse una marcia di pensieri in fila
    sul filo della bocca chiusa.
    Ci vuole il latte alle mandorle per certe cose della mente
    – mi dico; lo direi anche a te se ci fossi –
    credo tutto sia in eredità.
    Dallo splendore alla paura,
    dal coraggio alla disfatta,
    dal misfatto alla tragedia,
    dall'ansia al riso immotivato.
    Ho visto molte cose in questi giorni appena trascorsi.
    Conchiglie grandi così.
    E onde.
    Onde alte così.
    I miei occhi e le sue mani.
    Forse, il possibile è da aspirare lungo un tiro di sigaretta
    e per il probabile giro bene il caffè così sa più dolce.
    Mi mancano quattordici pagine per finire il libro,
    poi, magari, ne scrivo uno io.
    Sta bene questo nuovo vaso all'angolo della stanza.
    L'altro è ancòra vuoto.
    Mi sento andare verso un rassicurante autunno.
    Più mio.
    Questo è quanto.
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di