Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Antonio Machado

Poeta e scrittore, nato lunedì 26 luglio 1875 a Siviglia (Spagna), morto mercoledì 22 febbraio 1939 a Collioure (Francia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi.

Rosa di fuoco

Di primavera siete orditi, o amanti;
di vento e d'acqua e terra e sole orditi.
La montagna nei vostri petti ansanti
e dentro gli occhi i campi rifioriti,

esibite una mutua primavera,
di dolce latte impavidi e insaziati,
ch'oggi v'offre la lùbrica pantera,
prima che, torva, sul cammino guati.

Muovetevi, se l'asse della terra
verso il solstizio dell'estate aberra –
verde il mandorlo e vizza la violetta,

sete vicina, fonte non lontano –
verso la sera amabile e perfetta
con la rosa di fuoco nella mano.
Antonio Machado
Vota la poesia: Commenta

    La primavera sorrideva

    Un giorno mi sorprese la primavera
    che in tutti i campi intorno sorrideva.
    Verdi foglie in germoglio
    gialle rigonfie gemme delle fronde,
    fiori gialli, bianchi e rossi davano
    varietà di toni al paesaggio.
    E il sole
    sulle fronde tenere
    era una pioggia
    di raggi d'oro;
    nel sonoro scorrere
    del fiume ampio
    si specchiavano
    argentei e sottili i pioppi.
    Antonio Machado
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Prometeo

      Notte d'estate

      È una bella notte d'estate
      Tengono le alte case
      aperti i balconi
      del vecchio paese sulla vasta piazza
      Nell'ampio rettangolo deserto,
      panchine di pietra, evonimi ed acacie
      simmetrici disegnano
      le nere ombre sulla bianca arena.
      Allo zenit la luna, e sulla torre
      la sfera dell'orologio illuminata.
      Io in questo vecchio paese vo passeggiando
      solo come un fantasma.
      Antonio Machado
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Elisabetta

        Poesia

        Nuda è la terra, e l'anima
        ulula contro il pallido orizzonte
        come lupa famelica. Che cerchi,
        poeta, nel tramonto?

        Amaro camminare, perché pesa
        il cammino sul cuore. Il vento freddo,

        e la notte che giunge, e l'amarezza
        della distanza... Sul cammino bianco,
        alberi che nereggiano stecchiti;

        sopra i monti lontani sangue ed oro...
        Morto è il sole... Che cerchi,
        poeta, nel tramonto?
        Antonio Machado
        Vota la poesia: Commenta