Questo sito contribuisce alla audience di
Come un granello di sabbia - Poesie

Poesie dal Libro:Come un granello di sabbia - Poesie

Anno:
2010
Autore:
PensieriParole Staff
Editore:
PensieriParole

Scritta da: I. KAPO

Tutto è pronto o forse

Sono antica.
Com'è antica l'Ira che c'è in me
triste e glorioso rifugio di un Io.
Sono fluttuante
nella velocità di questa sera,
per poi far rientro nel porto dei nonluoghi.
Approdo lì
dove il cielo bacia il mare
e l'acqua richiama la sete.
Sembra tutto pronto...
manca solo un filo di vento
che faccia da cima al battello dei pensieri.
Tutto è pronto...
mi manca solo il quando...
ed una culla...
per mettere a dormire
un indomabile, innominabile
"Perché"?
Composta lunedì 5 maggio 2008
dal libro "Come un granello di sabbia - Poesie" di PensieriParole Staff
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Stefano Atzeni

    A te, Rosa

    L'essenza è femminile,
    in ogni suo gesto, ogni suo attimo.
    Sguardo fulmineo che ti prende
    e ti porta via,
    voli nel tuo paradiso!
    Emozioni, l'attaccamento è vicino,
    dentro di te.
    Come l'ombra che ti segue, dal tuo primo pianto
    a quando voli, torni da lei...
    Lei.
    Ti ha fatto nascere, innamorare
    è tutto per te!
    Di cosa sto parlando?
    Lo sai bene, il cuore parla.
    Basta sentirlo, seguirlo
    e non vergognarsi delle proprie emozioni.
    Composta domenica 2 agosto 2009
    dal libro "Come un granello di sabbia - Poesie" di PensieriParole Staff
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Elena Piccinini

      Veritas

      Coloro che cercano la verità, attingano parole pure
      dal pozzo della luce. Volendo lasciare traccia di sé
      continuino a scolpire la roccia del passato
      e costruiscano solide zattere di Storia
      perché sul fiume degli eventi possano scorrere
      ancora i segni tangibili del passaggio umano.
      Composta nel settembre 2007
      dal libro "Come un granello di sabbia - Poesie" di PensieriParole Staff
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Alessio Fabretti

        La notte

        Ho ascoltato la tua voce
        nel silenzio della notte.
        Anche se la stanchezza del giorno
        pervade le mie ossa e a nulla
        vale la leggera brezza che
        s'alza nell'ora più tarda,
        misero refrigerio nel tormento
        che s'appresta nelle pieghe
        della mia anima.

        Ho ascoltato la tua voce
        nel silenzio della sera.

        Mentre i pensieri lasciati liberi
        nel fluttuare, vagare alla ricerca
        di un posto, nelle braccia
        di chi ti ama nel silenzio
        percorrendo lo spazio infinito,
        e come le nuvole spinte dal vento
        unirsi, riformarsi e fondersi,
        così i nostri pensieri.

        Ho ascoltato la tua voce
        nel silenzio della sera.

        E, ascolto la tua voce
        nel silenzio del giorno
        che sta per nascere di la dal mare.
        Composta lunedì 20 luglio 2009
        dal libro "Come un granello di sabbia - Poesie" di PensieriParole Staff
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Luca Zecca

          Ti andai cercando per anni Amore

          Ti andai cercando per anni Amore,
          componendo versi e studiando parole,
          cercandoti di fiore in fiore.

          E oggi che mi abbagli come il sole,
          fatico a descriverti e a comporre,
          come se ti fossi coperto di nuvole.

          Sarà che l'averti per anni desiderato,
          sarà che il volerti le rime ha facilitato,
          sicuro è che oggi scriverti si è complicato.

          Oggi a riprova tante sono le poesie
          per coloro che il mio amore hanno rifiutato,
          pari a nessuna quelle per chi mi ha accettato
          senza ingannarmi o raccontarmi bugie.

          Ma questa a lei voglio dedicare,
          alla stupenda che mi sa amare.

          Tu Laura un nuovo impulso mi hai dato,
          e per sempre te ne sarò grato.

          Ti amo mio fiore che ti lasci baciare
          come la rosa che ancora colma di rugiada
          dal sole si lascia sfiorare.

          Ti amo stella del firmamento
          che nella moltitudine non ha perso se stessa
          e non ha lasciato che il mondo la
          istruisse a suo piacimento.

          Per te mia signora queste rime compongo,
          e con esse il nostro amore incorono.

          La poesia qui concludo per non annoiare
          colui che poveretto legge e non saprà mai amare.
          Composta mercoledì 11 novembre 2009
          dal libro "Come un granello di sabbia - Poesie" di PensieriParole Staff
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Cristiano De Marchi

            Essere te

            Vorrei essere te...
            vorrei, per un solo istante, essere come le tue labbra,
            o forse come il tuo viso...

            Vorrei essere un tuo sguardo... quando pensi.
            Vorrei essere i tuoi occhi,
            forse le tue lacrime...

            Per un solo istante vorrei essere un tuo sogno,
            forse un tuo pensiero...

            Vorrei essere il tuo cuore
            un solo battito riempirebbe quel momento di solitudine quando non ci sei...

            Vorrei essere te, il tuo respiro...
            il mio silenzio.
            Si, per un solo istante vorrei che tu fossi me...
            Composta giovedì 15 ottobre 2009
            dal libro "Come un granello di sabbia - Poesie" di PensieriParole Staff
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Fiorella Cappelli

              Sculture di sabbia

              La donna di sabbia, distesa, nuda
              Guardata dal mare restava muta
              Allungata, all'onda lei offriva il petto

              Senza pudore e con grande rispetto
              Poi un'onda lunga... non fece rumore
              l'accarezzò svelta e le rubò il cuore.

              La donna di sabbia lasciò l'impronta
              di un'ombra disciolta che più non conta
              rimasero intorno solo... castelli
              tra bianca spuma... un cuore a granelli.
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Vincenza Molvetti

                Tutta la vita non basterà

                Tutta la vita non basterà...
                Tutta la vita non mi basterà a dimenticare:
                quei tuoi occhi grandi e colmi di felicità,
                quelle labbra rosate che spiccavano solo verità.

                No, nonna, tutta la vita non potrà mai bastare:
                per alleviare lo sconforto del passato,
                per accettare che ciò che non "doveva essere", invece è stato.

                Breve e fugace è stato il tempo che mi ha visto accanto a te ma,
                lunghi e felici sono stati gli attimi vissuti insieme a te.

                Ricordo le partite a carte che facevi con il nonno mentre io e gli altri vi giravamo intorno...

                Ricordo i film visti insieme, sedute l'una accanto all'altra sul divano,
                laddove assaporavamo il gusto denso della tua cioccolata piano, piano.

                Ricordo la tua chioma folta e dorata,
                l'eleganza nel vestire,
                la bontà e l'amore di cui eri dotata...
                ... chissà quante t'hanno, perfino, invidiata...

                Non mi basterà tutta la vita:
                per rimproverarmi di non aver trascorso più tempo assieme a te;
                per averti dato così poco mentre tu donavi così tanto e, non solo a me...

                Maria di nome e... di fatto,
                nessuno al mondo potrà mai sostituirti o somigliarti,
                nemmeno in un tratto.

                Mi manchi nonna, e tu sola sai quanto,
                restami accanto ancora più tanto.
                Non è un vero poeta che sta ad elogiarti,
                ma tua nipote che non vuol mai smettere di amarti.

                Non mi basterà tutta la vita per dimenticarti:
                prima perché farlo non voglio e, secondo perché un giorno spero di riabbracciarti.

                Ti amerò per sempre.
                dal libro "Come un granello di sabbia - Poesie" di PensieriParole Staff
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Marianna Carfora

                  Al mio angelo...

                  Il tuo profumo ancora vivo...
                  lì su quella giacca da camera e
                  come se l'avessi tolta ieri...
                  mentre sono anni che ormai non
                  riscalda più
                  il tuo corpo... ma in lei
                  il tuo profumo ti fa qui
                  accanto a me...
                  una semplice giacca,, mi
                  avvicina te...
                  ormai vecchia e piena di...
                  "acciacchi" del tempo
                  dovrebbe andar via...
                  ma rimane lì... nell'armadio
                  a darmi un po' di te...
                  quando la mente e il cuore...
                  ti vorrebbero qui con me...
                  dal libro "Come un granello di sabbia - Poesie" di PensieriParole Staff
                  Vota la poesia: Commenta
                    Scritta da: Silvio Squillante
                    Lacrima paura questo cielo
                    bagna l'ondulato muro dei tuoi pensieri
                    confonde malinconia e tristezza,
                    visionario infuso deglutito in giornate solitarie
                    nei giorni in cui il tuo viso sembra nebbia
                    ed anche la pià semplice negazione
                    ti mette un dubbio in testa...
                    Sono io che Vivo o mi stanno vivendo?
                    Composta sabato 21 novembre 2009
                    dal libro "Come un granello di sabbia - Poesie" di PensieriParole Staff
                    Vota la poesia: Commenta