Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Alessio Fabretti

Scrittore - Ricercatore, nato a Roma (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Alessio Fabretti

Risveglio

Cammino nella valle del pianto,
mentre oscure ombre allungano
braccia adunche per ghermirmi.
Lontano un raggio di luce avvolge
i miei passi una voce:
"Il percorso è stato sofferenza,
ma ecco raggiunta è la meta,
la vita riprende e la consapevolezza
che nulla è come prima,
vivi e respira nella gioia
di vivere in un nuovo orizzonte.
Pensa che la vita è con te stesso,
con tutti coloro che seguiranno
per sempre.
Infine stringiamo le braccia
Tutti insieme
con un sorriso".
Alessio Fabretti
Composta mercoledì 1 aprile 2020
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Alessio Fabretti
    Giorno
    nel traffico impazzito, caldo torrido incombe
    visi sudati appiccicati, stretti nei corridoi
    del bus.
    Nella metropolitana
    un soffio di refrigero con l'odore della ferrovia
    arriva alle narici,
    mentre fermi si attende
    l'arrivo.
    L'aria invade la pensilina
    e ondeggia un vestito
    mostrando un paio di gambe tornite
    La fauna maschile si gira,
    peccato bisogna salire.
    Alessio Fabretti
    Composta mercoledì 11 luglio 2012
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Alessio Fabretti
      Domani il sole sarà già alto
      e scalderà le pietre e la strada
      che percorrerò per giungere a te.
      Domani sarò felice come lo sono oggi,
      perché i tuoi occhi sono stampati
      nel mio cuore e nella mia mente.
      Potrei percorrere al buio la strada che mi porta a Te.
      Le notti non hanno importanza
      e il freddo non scalfisce il mio corpo.
      Solo la brezza del vento lenisce la stanchezza.
      Penso al meraviglioso giardino,
      alla fontana che zampilla e alle tue parole,
      mentre un fiore è tra i tuoi capelli.
      La mia vita non è vita e il respiro
      non è il mio respiro senza il tuo.
      Non conoscevo la vita
      e le tue sembianze
      hanno aperto la porta dell'amore
      e il mio cuore si è addolcito alla tua presenza.
      Luci, suoni e colori, è festa
      quando ti vedrò e la folla variopinta
      non fermerà il mio correre verso di te.
      Alessio Fabretti
      Composta martedì 5 aprile 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Alessio Fabretti
        Ogni sera sarai con me
        nei pensieri,
        lungo la strada tortuosa della vita.
        Ogni sera il momento di salutarci
        è come un addio.
        Ogni sera, il volto tuo si tinge
        del colore della luna
        argentea che fa
        capolino tra una nube.
        Ogni sera allora
        mestamente avvio i miei passi
        solitari lungo il viale deserto.
        Ogni sera
        la vita mi regala un sospiro,
        il tuo amore.
        Alessio Fabretti
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Alessio Fabretti
          Pensieri...
          Ogni volta che la sera s'avanza silenziosa
          e tra lo stormir delle fronde
          si posa strisciando nel silenzio,
          chiudo gli occhi
          e il volto tuo si insinua prepotente
          nei sogni miei.
          Il bacio tuo avverto
          dolce nel respiro e
          lieve il tuo calore avvolge,
          mentre un fremito percorre la mia pelle.
          Alessio Fabretti
          Composta martedì 18 maggio 2010
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Alessio Fabretti
            Penso...
            ... Cammino senza posa
            senza una meta tra la gente
            e l'argine di un fiume
            raccoglie imiei passi.
            Un bambino, nei suoi occhi
            innocenti, guarda e poi
            corre via gioioso.
            Tendo un braccio al cielo,
            una muta preghiera,
            mentre stille salate
            rigano il mio viso.
            Perché son qui?
            E mi lascio trascinare dalla corrente...
            dei miei pensieri.
            Alessio Fabretti
            Composta domenica 16 maggio 2010
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Alessio Fabretti

              La sera

              La sera
              All'orizzonte un barbaglio di fuoco
              s'immerge il sole, tra vapori fumanti,
              scende la sera
              e la notte avvolge nel suo scuro mantello
              tutte le cose.
              Nelle case,
              il tintinnio delle stoviglie,
              s'appresta il desco.
              Guardo il cielo e
              riprendo il cammino
              per raggiungerti
              la nella valle antica
              vengo a bussare alla Tua porta.
              Alessio Fabretti
              Composta domenica 2 maggio 2010
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Alessio Fabretti

                A te

                A te...
                ... e il saluto a te non cheta la mia mente. Dolce dama, porgi a me il braccio si che io possa almeno stringere e sentire il lieve tepor d'un soffio. Ti prego dolce signora guarda i miei occhi stanchi che non trovano un luogo ove riposare se non nei tuoi. Un tenero bacio supplica il mio cuore dacché son giorni che il desio lo infiamma. Laggiù tra il clangore delle armi e le cavalcature il pensier di te mi ha sorretto. Solo una lieve ferita al fianco inferta da un saraceno, seppur cavaliere strenuo, tolsi la vita e nello spirar: "Forte il tuo braccio" mi disse. "Ciascun di noi vorrebbe battersi con te sii prode nel cuore come nell'arme". Un rivolo di sangue dalla bocca esalando l'ultimo respiro, e l'arma sanguinante scivolò dal mio braccio cadendo rovinosamente al suolo, cupo il suono, e cadde il mio volere con essa.
                Alessio Fabretti
                Composta domenica 2 maggio 2010
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Alessio Fabretti

                  Riflessioni

                  Riflessioni.
                  All'ombra di un cipresso ormai spoglio della sua chioma,
                  fermo il mio andare.
                  Una piatta pietra accoglie, fredda, poggio il bastone.
                  Un alito di vento agita il fumo di un comignolo acceso, disperde.
                  Il mio desiderato sogno infranto continuo a cercare,
                  nel vagare incessante dei miei pensieri.
                  Alessio Fabretti
                  Composta venerdì 2 aprile 2010
                  Vota la poesia: Commenta