Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: ROBERTO POZZI

Le maschere dell'Olimpo

Dall'alto del monte celestiale
le partecipanti divinità ammiravano
con sadico compiacimento viziato
i segni dell'ultima sinistra tempesta
che avevano scatenato tra i mortali.

Cedendo alla diabolica tentazione
di giocare con il destino degli umani,
annoiati dei e narcisistici semidei
avevano malauguratamente congiurato
con l'invincibile distruttivo Fato.

Abusando del loro divino potere
per la loro infame sete di riconoscimento
avevano dannato sfortunati esseri
a rivivere l'inutile dolore in ulteriori
terrificanti limbi emotivi.

Se pure il nulla rimaneva immutato,
il destino non era stato completamente cieco,
un insignificante evento sarebbe sopraggiunto
a colmare quell'inevitabile vuoto forzato.

Splendidi raggi di sole avrebbero riscaldato
i benevoli volti degli ignari innocenti,
il cielo sarebbe ritornato al suo intenso azzurro
costringendo le ignobili maschere dall'Olimpo
a perennemente strisciare come indegni vermi
nei loro stessi angoscianti inferni.
Roberto Pozzi
Composta giovedì 28 aprile 2016
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: ROBERTO POZZI

    Peccato

    Perfino il commuovente saluto
    era una costruita menzogna,
    un'altra delle magistrali farse
    recitata per abilmente mascherare
    il tuo pur sincero addio.

    Con grande probabilità,
    il mio sorriso di quella sera
    non ti avrebbe salvato dal rimorso
    che stava consumando il tuo animo
    da maledetto manipolatore.

    Nell'ultimo atto della tragedia,
    non potevo sospettare il finale,
    l'abbandono era stato scritto col cuore
    nella stessa affrettata maniera
    con cui avevi tramato la seduzione
    della mia anima pura.

    Avendo trovato un altro da possedere,
    ti eri liberato della mia presenza
    senza pronunciare una parola,
    lasciandomi soltanto il tuo silenzio
    a tenermi compagnia nell'abisso
    degli oscuri perché.

    Implorando dal mio Dio
    una miracolosa assoluzione dal dolore,
    di certo non potevo appellarmi
    alla tua latitante compassione,
    nemmeno esplicitamente dichiarare
    qualsiasi sentimento che provavo
    per quel malvagio gesto!

    Anche se per motivi diversi,
    la parola "peccato"
    continuerà a vivere
    dentro entrambi i nostri spiriti
    come un sofferto ricordo
    impossibile da cancellare!
    Roberto Pozzi
    Composta venerdì 30 maggio 2014
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: ROBERTO POZZI

      Piedestalli

      Certamente è sbagliato
      collocare le anime vicine al cuore
      su piedestalli così in alto
      che per ammirarli bisogna inchinarsi
      e guadare verso il cielo.

      Frutti di malate fantasie
      benediciamo come nuovi santi
      esseri considerati grandi amici,
      li investiamo di qualità divine
      che neanche nei sogni posseggono,
      permettendo a loro la libertà
      di arrecarci inimmaginabili torti.

      Eccetto per il peggiore di tutti,
      il peccato commesso a fin di bene,
      la cattiveria dietro l'apparenza dell'affetto
      espressa in una superficiale valutazione
      da farci vergognare chi siamo
      e in cosa crediamo veramente.

      Dopo l'apertura del nefasto vaso,
      l'inizio della fine comincerà da subito,
      l'abbattimento di quell'oscuro semidio
      ci trascinerà nell'infinito barato
      a contemplare quell'assurdità
      tra le rovine della sua statua.
      Roberto Pozzi
      Composta martedì 17 novembre 2015
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: ROBERTO POZZI

        Un mendicante di emozioni

        Il piattume spirituale della gente
        continuava a sconvolgere l'eterna speranza,
        non era quello il cerchio della vita
        che aspirava a sigillare
        il disilluso angelico spirito.

        Sentendosi un'inutile pedina
        al raggiungimento dello scopo divino,
        come un mendicante di emozioni
        in ricerca d'evanescenti affetti,
        scriveva un'altra malinconica poesia
        elemosinando la condivisione d'opinioni
        per evitare la consueta solitudine emotiva.

        Tra sordi che non riescono a sentire
        il battito del loro pietoso cuore
        e muti che vorrebbero urlare
        l'inespressa passione per quella vita
        che li ha condannati a soffrire,
        il povero accattone di sentimenti
        piangeva per aver ancora vissuto
        l'apatia della cosiddetta razza umana!
        Roberto Pozzi
        Composta martedì 27 ottobre 2015
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: ROBERTO POZZI

          Il volto dell'amore

          Il romanticismo non è morto,
          almeno nel mio cuore vive,
          reclama il legittimo rispetto
          da quei superficiali amanti,
          riscattando il senso della vita
          non soltanto nella mia anima
          impaziente di passione.

          Quanto vorrei penetrare
          nel profondo dei tuoi occhi,
          cogliere l'essenza dello spirito
          dietro la maschera dalle lenti solari
          e capire se tu sei davvero reale.

          Troppi demoni incontrati sul cammino
          hanno turbato un dannato sognatore,
          promettendo angelici concerti
          per dopo regalare sgradevole sinfonie
          degne di diabolici applausi.

          Pur essendo democratico,
          il tempo non è affatto gentile,
          a nessuno lascia la possibilità
          di ripetere spesso gli stessi errori
          e di rivedere il volto dell'amore.
          Roberto Pozzi
          Composta domenica 18 ottobre 2015
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: ROBERTO POZZI

            L'inquietante realtà

            Alle docili masse conformiste
            condizionate da propagande mediatiche
            il male risiede sempre altrove,
            molto lontano dalla propria casa.

            L'inquietante realtà del presente
            rimane l'apatica indifferenza umana,
            gente apparentemente perbene
            non s'indigna più di nulla,
            se non per ipocrita spirito
            in una conversazione sociale.

            La violenza dell'uomo esiste soltanto
            al cinema o in qualche giornale.

            Non tutti gli spiriti turbati
            vivono d'interessi personali,
            non si adeguano ai taciti dogmi
            della mentalità dominante,
            alcuni coraggiosi osano trasgredire,
            rispettando la libertà altrui
            realizzano il proprio sé
            cambiando il mondo!
            Roberto Pozzi
            Composta sabato 17 ottobre 2015
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: ROBERTO POZZI

              L'armadio senza chiave

              Se sbagliare è umano,
              devo avere oltrepassato il limite
              concesso dall'onnipotente Dio
              credendo di potere di cambiare
              la natura che lui mi ha donato.

              Assecondando le dottrine di una chiesa
              da secoli svuotate della compassione
              del suo umano e divino creatore,
              come l'ennesimo Giuda rinato
              ho tradito me stesso.

              Rinnegando la consapevolezza dell'essere,
              ho lottato per decenni contro il fato
              che mi conduceva verso l'accettazione
              di un originale ma odiata diversità,
              ho rinchiuso nell'armadio senza chiave
              quella parte che illuminava
              la mia anima persa.

              Il disprezzo verso quell'innominabile frammento
              di una personalità da dover annientare
              aveva quasi distrutto il mio vitale istinto,
              finché ho compreso l'assoluta verità:
              nessuno ha il diritto di erigersi a padre eterno,
              distruggere chi sei sempre stato
              e chi sei destinato a diventare.
              Roberto Pozzi
              Composta giovedì 1 ottobre 2015
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: ROBERTO POZZI

                Il silenzio del tuo cuore

                Sono trascorsi pochi giorni
                dall'ultima volta che ti ho sentito
                già mi manca da morire
                la tua rassicurante voce.

                Abbandonato da sedicenti amici
                a soffrire in quella vergognosa solitudine
                la mia particolare personalità,
                avevo trovato nella tua dolce anima
                quell'umanità dimenticata
                da molti disumani spiriti.

                In tutti gli insormontabili ostacoli
                che entrambi abbiamo provato,
                nulla capita davvero per caso
                e noi ne siamo la prova.
                Il destino è stato benevolo
                incrociando due anime affine
                a condividere il comune sogno
                per una vita migliore.

                Non mi resta che aspettare
                nella mia angosciante desolazione,
                vivere nella speranza di risentire
                il sentimento della nostra amicizia
                che ho malauguratamente perso
                con il silenzio del tuo cuore.
                Roberto Pozzi
                Composta lunedì 5 ottobre 2015
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: ROBERTO POZZI

                  Il libro sullo scaffale

                  Sentimenti ancora in vita
                  non contemplano le conseguenze
                  del bene o del male
                  capitati a un gentil animo.
                  Distaccati dall'autentico essere,
                  risentono il pesante battito
                  delle incessanti emozioni
                  patite da un debole cuore,
                  reclamando in un nuovo santuario,
                  imparziale udienza al reame
                  dei vecchi rimpianti.
                  Trascrivendo il discreto racconto,
                  la realtà della fantasia conquista
                  tacita approvazione del cielo,
                  nel firmamento di antiche librerie
                  ripongo il consumato libro
                  sul decrepito e desolato scaffale,
                  persistendo ad accarezzare
                  ciò che non si è mai tramutato
                  nel domani di nessuno.
                  Roberto Pozzi
                  Composta domenica 26 ottobre 2014
                  Vota la poesia: Commenta
                    Scritta da: ROBERTO POZZI

                    Padri eterni dell'inferno

                    Ignoranti individui senza anima,
                    credendosi dei su questa terra
                    ricommettono il peccato originale.
                    Padri eterni dell'inferno,
                    incapaci di sentire
                    la cristiana compassione,
                    esistono per distruggere
                    il diverso dal sé,
                    non potendo accettare
                    ciò che non riescono
                    a comprendere.
                    Il male esiste
                    dentro ognuno di noi,
                    non è mai stato
                    un'immagine letteraria,
                    agendo in nome di dio,
                    con la loro contorta visione del bene,
                    falsi predicatori del puro odio
                    solamente servono
                    quel signore
                    dell'oscurità.
                    Roberto Pozzi
                    Composta lunedì 24 novembre 2014
                    Vota la poesia: Commenta