Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: ROBERTO POZZI

Caro amico

Caro amico mio,
con infinita stima
e con più di una rima,
ti scrivo questa mia personale,
e particolare,
riflessione sull'amicizia
che m'è affiorata,
inaspettata,
nella mia mente
per ringraziarti
del tuo affetto
per me!
Caro Amico
con la'À maiuscola,
anche se nessuno è perfetto,
tu sei perfetto,
con i tuoi sentimenti d'amore
e d'affetto.
tu sei un caro Amico
perché...
non sei uno che mi tradisce
ma mi compatisce,
non sei uno che mi ferisce
ma mi guarisce,
non sei uno che si vergogna di me
ma sei orgolioso di me,
non sei uno che mi disprezza
ma anzi mi apprezza,
anche quando non me lo merito,
ed infine tu
mi ascolti,
e mi capisci,
ed inoltre sei sempre
presente
senza esser invadente
e quindi sei felice per me
ma sei anche triste senza di me
visto che hai sempre paura di perdermi,
ma anch'io non vorrei mai perderti...
Mio caro Amico... immaginario!
Roberto Pozzi
Composta mercoledì 15 agosto 2012
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: ROBERTO POZZI

    COME UN ESSERE UMANO

    Fino all'altro giorno,
    pensavo e rimuginavo,
    come sempre,
    alla solitudine forzata dell'essere umano
    e alla solitudine della mia esistenza!
    Dopo anni di ricerca
    dell'affetto e della compagnia,
    troppi continuano a non capire chi sono e che cosa cerco,
    troppi continuano ad osteggiare cosa sono
    perché ancora non capiscono chi sono...
    solo un'anima persa
    alla ricerca di comprensione
    alla ricerca di una risoluzione
    o una qualsiasi soluzione
    al vuoto esistenziale!
    Come un essere umano,
    non sono stato creato per rimanere da solo,
    non posso vivere senza affetto di chi mi conosce
    e qualche volte anche di chi non mi conosce!
    Come un essere umano,
    vivo solamente per donare il mio affetto
    e ricevere affetto!
    Come un essere umano,
    io sono un egoista che chiede perdono
    per questa mia imperfezione
    a tutti gli altri esseri umani
    per cui conto
    per cui senza voi altri esseri umani
    non conto
    come essere umano!
    Roberto Pozzi
    Composta venerdì 31 agosto 2012
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: ROBERTO POZZI

      Santuario

      Ancora una volta,
      troppe persone ti hanno illuso
      e tu ne sei rimasto inevitabilmente deluso!
      Cerchi frettolosamente una via di scampo
      dalla tristezza che non ti da campo,
      allora cerchi il tuo rifugio spirituale,
      e non materiale,
      che puoi ritenere reale
      e non vituale
      sicuro
      e sacrosanto!
      Ancora una volta vorresti sparire
      per non soffrire
      dal mondo ostile,
      ed incivile,
      ma sopratutto,
      più di tutto,
      per ritrovare qualcosa,
      ma non sai mai di che cosa
      che potrebbe,
      anzi dovrebbe,
      il nulla sollevare
      ed dal limbo liberare
      te stesso!
      Ma non ci sono tanti posti
      dove potrai fuggire dal sentimento
      che ti sta uccidendo!
      All'inferno forzato
      e non meritato,
      l'unico vero santuario
      dove sempre regnerà
      la pace e la tranquillità,
      sarà sempre quel posto inamovibile,
      in quell'angolo inviolabile
      che è...
      e che sempre sarà...
      la tua anima
      dove tu potrari esprimere
      e vivere
      le tue debolezze,
      e le tue insicurezze,
      e potrai ritrovare le tue certezze
      e quindi te stesso
      ed essere liberamente te stesso!
      Roberto Pozzi
      Composta giovedì 9 agosto 2012
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: ROBERTO POZZI

        Alla mia cara amata

        Anche se oggi
        è il mio momento,
        arriverà presto
        anche il nostro,
        per te
        e per me,
        di ritrovarci
        insieme,
        per tutta la vita
        in un'altra
        ma eterna
        esistenza.

        Nel frattempo,
        nell'interminabile attesa
        di quel tempo,
        mia cara amata,
        ti prego di
        non piangere per me
        e non piangere per te.
        Non ha senso
        continuare a soffrire,
        per la mia fine secolare,
        o per questa mia nuova
        vita spirituale.

        Mia cara amata,
        nel cuore tuo
        ben sai,
        senza nessun
        ma dai,
        che sono sempre stato
        per tutti questi bellissimi
        anni di vero amore.
        il tuo caro amato,
        e tu
        la mia cara amata.

        Non essere triste,
        non sentirti abbandonata,
        lo sai che tu
        non sarai mai sola,
        io sarò sempre
        con il tuo spirito.
        Nella tua anima
        io vivrò sempre per te,
        come nella mia anima
        tu vivrai sempre
        per me...

        Il tuo caro amato
        da sempre,
        e per sempre.
        Roberto Pozzi
        Composta venerdì 10 agosto 2012
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: ROBERTO POZZI

          Lo specchio dell'anima

          Specchio
          o mio specchio
          delle mie brame
          e delle mie anime:
          chi è il più bello del reame?
          Lo specchio riflettendo l'anima
          della persona che lo sta guardando,
          risponde interrogando!
          Se per bello
          intendi puro,
          allora ti posso rispondere
          solo in modo oscuro:
          Tu non lo sei!
          Ma dire cosa sei,
          o cosa non sei
          non lo so
          nemmeno io!
          Lo specchio aggiunge:
          'Un'anima pura è tale
          perché è di spirito purò
          e tu che mi stai guardando,
          non sai la minima cosa
          sul significato di 'purò
          visto che sai tutto sull'impuro!
          La persona che ha posto la domanda ribadisce:
          "Non capisco il significato di'impuro."
          Semplice, risponde lo specchio delle anime,
          io rifletto solamente
          la genuina natura solitaria
          delle anime
          che si stanno rispecchiando in me,
          niente di piu
          o del resto,
          niente di menò!
          Allora, la persona ribadisce:
          'perché non rifletti anche la mia natura
          che si sta rispecchiando dentro di te? '
          Semplicemente, risponde lo Specchio,
          io posso solo riflettere solo l'anima
          e tu, purtroppo,
          non sei un'anima!
          Roberto Pozzi
          Composta domenica 29 luglio 2012
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: ROBERTO POZZI

            Il prigioniero

            In questa stanza
            il prigioniero sono io,
            ma il carceriere sono altrettanto io!
            Quante volte ci ho pensato,
            ma non ci ho mai creduto,
            che sono io nella mia stanza
            con finestre inferriate,
            porte bloccate,
            e gambe incatenate
            al pavimento del mio passato.
            Così, incarcerato nella mia stanza,
            non riesco a scappare da questa opprimente stanza
            io sono prigioniero di me stesso,
            dellle mie paure,
            delle mie aspettative,
            della mia mente
            e quindi di me stesso
            e solo io stesso
            posso liberare me stesso!
            Solo io posso lasciare questa prigione, quando voglio,
            anche se non sempre lo voglio,
            mi manca l'aria,
            non sopporto più il dolore,
            sono stanco della tristezza,
            e del mio predestinato menù,
            voglio il mio desiderato menù
            dalla vita!
            Non ce la faccio più!
            Voglio solo uscire,
            da queste mura troppo chiuse
            alla ricerca di una vita meno stretta,
            un po' più aperta
            a non osteggiarmi
            ma accettarmi...
            Finalmente
            m'accorgo che ogni tipo di sbarramento
            è apparentemente
            scomparso
            mentre intravedo un spiraglio di luce,
            un barlume di speranza,
            un faro nelle tenebre dello mio spirito
            che sta illuminando il mio cammino
            verso il mio vero destino!
            Roberto Pozzi
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: ROBERTO POZZI

              Il viaggio chiamato amicizia continua nella vita

              Nel percorso della vita,
              l'Amicizia è un viaggio in treno di sola andata,
              dove ci si conosce durante la traversata:
              nel vagone viaggiatori, ci si incontra gli amici e gli sconosciuti
              che viaggiano con te in prima classe,
              nel vagone ristorante, ci si ritrova per consumare un drink o un pasto con gli amici
              che viaggiano con te in seconda ed in prima classe,
              ed infine, nel vagone letto, ci si rivede, solo te, mia anima gemella, per condividere con me l'amore più intimo!
              Ma solo allora ci si rende conto che in questa vita noi siamo stati veramente baciati dalla fortuna,
              ma soprattutto dall'amore e dalla felicità,
              che sta viaggiando di lusso con te e me,
              sempre in prima classe!
              Roberto Pozzi
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: ROBERTO POZZI

                Non svegliarmi

                Ti prego,
                non svegliarmi dal mondo dei sogni!
                No!
                Non voglio svegliarmi da questi idilliaci sogni!
                No!
                In questo mondo surreale dove tutto è possibile
                e proprio niente è impossibile,
                dove l'accettazione e la considerazione sono di casa,
                e l'amore e l'affetto sono padroni di casa;
                e io sono uno di casa
                in questa celestiale casa!
                Ti prego,
                non voglio rivivere la sofferenza del mondo reale,
                non voglio voglio esistere in questo mondo cattivo,
                Ti prego,
                Dio!
                Non voglio morire,
                ma nemmeno sopravvivere,
                ma solo vivere,
                in un mondo più gentile
                ed accogliente
                per tutte le anime
                e non essere solo una delle tante anime,
                affabile
                e gentile
                ma sempre dannata
                per non sentirsi mai amata!
                Roberto Pozzi
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: ROBERTO POZZI

                  Nei tuoi occhi

                  Guardando nei tuoi occhi,
                  mi domando
                  a cosa stai pensando?
                  Continuando a fissarti negli occhi
                  per la risposta che sto cercando,
                  ma non decifrando
                  i tuoi occhi,
                  continuo sognando,
                  sperando,
                  di scoprire se la tua anima,
                  è la gemella della mia anima,
                  o un angelo incarnato
                  mandato dal cielo
                  per essere il mio amato
                  o magari entrambi
                  un angelo che incarna la mia anima gemella.
                  Roberto Pozzi
                  Vota la poesia: Commenta