Le migliori poesie di Klara Erzsebet Bujtor

Nato a Keszthely (Ungheria)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Un pugno di anni

Un pugno di anni,
che mi son rimasti,
vorrei spargerli bene nel tempo
sulle candide nuvole
sul ciliegio in fiore,
sulle onde azzurre,
e nei tutti venti, che li portano
dove devo andare,
per stare,
per sempre.
Un pugno di anni che mi son rimasti,
non vorrei sprecarli ma donarli ai sogni
di che sono nata,
e dove voglio tornare
per addormentarsi
serenamente.
Voglio aprire il pugno
e guardare il fluire d'attimi della vita,
che scompaiono poco a poco
nell'orizzonte,
è cosi vicino a me,
che posso toccarlo con le mani
e udire il silenzio
dell'infinito.
Klara Erzsebet Bujtor
Composta venerdì 14 settembre 2012
Vota la poesia: Commenta

    Brindisi (mille colori di fiori profumati)

    Mamma dolce avventura nel tuo grembo,
    fra le tue braccia tenera,
    udire il tuo silente respiro
    l'immenso cuore palpitante,
    sommersa beata nel tuo amore e non avere paura dalla vita.
    Asciughi le mie lacrime con un soffio d'affetto e riporti il
    sorriso sul mio volto rattristito addolcendo la mia vita
    inquieta.
    Sei la sorgente della luce nella mia anima,
    calore nel mio cuor dolente,
    ed oggi,
    io,
    figlia tua smarrita nella lontananza,
    ti mando, con un carro di stelle luminose,
    questa ghirlanda annetata con i miei
    profondi sentimenti,
    per la tua festa nel cuore della primavera delle rose,
    ed ancora una volta alzo verso l'infinito cielo
    il calice colmo coi soavi tenerezze
    per far brindisi col inaudito affetto,
    per te
    mia mamma!
    Auguri.
    Klara Erzsebet Bujtor
    Composta venerdì 6 maggio 2016
    Vota la poesia: Commenta

      Casa dolce casa

      Casa dolce casa è un rifugio
      nell'immenso,
      è un tetto sotto l'infinito
      e dentro le vecchie mura
      c'è il calore del focolare.
      E c'è la finestra dalla quale affacciarsi al mondo
      e una tavola profumata di pane e di vino,
      e l'acqua pura nella boccia,
      un letto morbido dove distendere e chiudere gli occhi
      mentre la luna con la sua magia
      incanta il sonno
      e le stelle illuminano argentea il volo libero
      della fantasia.
      Klara Erzsebet Bujtor
      Composta giovedì 29 ottobre 2015
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di