Questo sito contribuisce alla audience di

Racconti di Klara Erzsebet Bujtor

Nato a Keszthely (Ungheria)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Poesie, in Umorismo, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Caro Papa Francesco

Caro Papa Francesco,
padre di padri, dolce e umile,
con un cuore pieno di bontà,
ti chiedo di pregare per noi,
tu, che sai come fare, che io non so più.
Troppi dispiaceri ci han messo in ginocchio,
nel nostro cammino verso la luce eterna, e non poter essere sereni, forse un pochino felici.
Non... [continua a leggere »]
Klara Erzsebet Bujtor
Composto mercoledì 8 aprile 2015
Vota il racconto: Commenta

    I fratelli

    Ricordi di un tempo, quando ho trascorso l'estate nel mio paese Natale, dove incontrai vecchi amici, cari vicini di casa, con chi da bambina a piedi nudi giocavamo dalla mattina alla sera per la strada, e stanchi e affamati come lupi tornammo a casa e dormivamo come gli angeli.
    Ed ognuno di noi... [continua a leggere »]
    Klara Erzsebet Bujtor
    Composto giovedì 19 aprile 2018
    Vota il racconto: Commenta

      Il viaggio verso casa

      Mentre si riempie l'attesa di inquietudine, nei pensieri viaggio verso nord est, dove c'è la mia casa Natale, e i ricordi della mia infanzia perduta. È un percorso ben conosciuto da me, e pensando a cosa fare e ancora prima di partire, per iniziare un nuovo avventuroso viaggio verso alla mia... [continua a leggere »]
      Klara Erzsebet Bujtor
      Composto venerdì 27 settembre 2019
      Vota il racconto: Commenta

        L'albero in fiamme

        Un piccolo albero dimenticato nell'ombra della soffitta,
        oggi si veste di splendore e magia,
        unendo la piccola famiglia sotto i suoi rami carichi di palline colorate,
        che riempiono di gioia i loro cuori e avvolgendoli di dolce serenità.
        Nella mia infanzia per decorare l'albero per la Santa sera... [continua a leggere »]
        Klara Erzsebet Bujtor
        Composto martedì 8 ottobre 2019
        Vota il racconto: Commenta

          Mille colori di fiori profumati

          Guido.
          Il primo spiraglio di luce del mattino, sposta l'ombra della notte buia dal paesaggio assonnato autunnale, svegliando la maestosa natura spogliata dalla sua veste colorata.
          Il prato verde bagnato con la rugiada, piange sui fiorellini appassiti, i grilli quietano, il grano dorato è... [continua a leggere »]
          Klara Erzsebet Bujtor
          Composto sabato 28 agosto 2010
          Vota il racconto: Commenta

            Mille colori di fiori profumati

            Capitolo: Origini
            Mi domando spesso, perché quando sento pronunciare la parola "origini" mi sento un dolorino affondare nel cuore, perché tocca nel profondo dei miei sentimenti riempiendo con le inquietudini?
            E le domande mi martellano... Perché amo così quel piccolo paese dove ho visto per la prima volta la luce... [continua a leggere »]
            Klara Erzsebet Bujtor
            Vota il racconto: Commenta

              Scena d'autunno

              Un noioso pomeriggio d'autunno, un vento furibondo strappa una piccola foglia ingiallita dal ramo di un appassito albero, cadendo in una pozzanghera, dove saltellava una granocchiella, che vede arrivare la foglia dal cielo, e salta sopra per fare bagno nella calda luce del sole. Momenti magici... [continua a leggere »]
              Klara Erzsebet Bujtor
              Composto martedì 8 settembre 2015
              Vota il racconto: Commenta

                Una fiaba

                Su una panchina nell'ombra di giganti palazzi
                un gentil anziano racconta storielline della sua lunga vita,
                sono vere o fiabe?
                Non importa.
                Pieni gli occhi di calda luce, parla parla interrottamente,
                incantando chi lo ascolta.

                Oggi lo vidi solo, sommerso nei pensieri,
                sono seduta accanto... [continua a leggere »]
                Klara Erzsebet Bujtor
                Composto lunedì 8 marzo 2010
                Vota il racconto: Commenta