Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Klara Erzsebet Bujtor

Nato a Keszthely (Ungheria)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Regina

Sei una regina
dice il mio uomo ogni mattina prima di andare al lavoro,
resto sola nell'ombra delle mura mute,
e conto le ore.
Spolvero i mobili, lustro le posate,
cucino e sforno biscotti,
e canticchio,
sempre più piano,
guardo l'orologio,
la sera ancora lontana.
Bussa il postino, squilla il telefono,
di nuovo il silenzio
guardo l'orologio
la sera ancora lontana.
Sono una regina
fiera di quel privilegio,
nel palazzo reale tra quattro cipressi.
Ogni mattina colgo una rosa rossa e
intreccio con i capelli
e tingo le labbra rosee,
per farmi bella,
essere degna d'una regina vera e
quando si fa sera accendo le luci,
un mazzo di rosa rossa
profuma sulla tavola,
e guardo l'orologio,
sono ancora sola.
Arriva il mio uomo con passi pesanti,
con un fiorellino nell'occhiello,
mi stringe tra le braccia appassionatamente
- "cosa hai fatto oggi mia bella regina?
Sta sera non ceno, rimboccami le coperte,
e dammi un ardente bacio di buona notte,
sognerò felice
te"
Guardo l'orologio,
la notte ancora lontana,
palpita il silenzio nel cuore,
diamanti lacrime brillano negli occhi,
sono una regina
nel regno della
solitudine.
Klara Erzsebet Bujtor
Composta lunedì 22 febbraio 2010
Vota la poesia: Commenta

    Dove finisce il cielo

    Il Tempo non si prende nella mano,
    non si può fermarlo, mandare avanti o dietro,
    solo starci dentro,
    nella sua misura
    fatta per noi.
    Solo il cielo non ha Tempo, esteso sereno nell'infinito,
    ed avvolge d'azzurro tutti gli astri.
    Giovane o vecchio,
    quante porte ha per oltrepassarle e trovare l'ultimo cielo?
    Ma dove porta la via celeste,
    dove vanno dormire gli angeli,
    vorrei chiederli,
    di raccontarmi prima che si sbriciola il mio Tempo,
    dove finisce il cielo.
    Klara Erzsebet Bujtor
    Composta domenica 1 febbraio 2009
    Vota la poesia: Commenta

      Brindisi (mille colori di fiori profumati)

      Mamma dolce avventura nel tuo grembo,
      fra le tue braccia tenera,
      udire il tuo silente respiro
      l'immenso cuore palpitante,
      sommersa beata nel tuo amore e non avere paura dalla vita.
      Asciughi le mie lacrime con un soffio d'affetto e riporti il
      sorriso sul mio volto rattristito addolcendo la mia vita
      inquieta.
      Sei la sorgente della luce nella mia anima,
      calore nel mio cuor dolente,
      ed oggi,
      io,
      figlia tua smarrita nella lontananza,
      ti mando, con un carro di stelle luminose,
      questa ghirlanda annetata con i miei
      profondi sentimenti,
      per la tua festa nel cuore della primavera delle rose,
      ed ancora una volta alzo verso l'infinito cielo
      il calice colmo coi soavi tenerezze
      per far brindisi col inaudito affetto,
      per te
      mia mamma!
      Auguri.
      Klara Erzsebet Bujtor
      Composta venerdì 6 maggio 2016
      Vota la poesia: Commenta

        Un pugno di anni

        Un pugno di anni,
        che mi son rimasti,
        vorrei spargerli bene nel tempo
        sulle candide nuvole
        sul ciliegio in fiore,
        sulle onde azzurre,
        e nei tutti venti, che li portano
        dove devo andare,
        per stare,
        per sempre.
        Un pugno di anni che mi son rimasti,
        non vorrei sprecarli ma donarli ai sogni
        di che sono nata,
        e dove voglio tornare
        per addormentarsi
        serenamente.
        Voglio aprire il pugno
        e guardare il fluire d'attimi della vita,
        che scompaiono poco a poco
        nell'orizzonte,
        è cosi vicino a me,
        che posso toccarlo con le mani
        e udire il silenzio
        dell'infinito.
        Klara Erzsebet Bujtor
        Composta venerdì 14 settembre 2012
        Vota la poesia: Commenta
          Che cosa sarà di me
          quando smetterò di sognare e sarò un cadavere
          sepolta in una fossa profonda,
          con la mia foto sospesa sulla croce
          sorridente, pare felice di stare là
          ... sotto piogge battenti, bianca neve, sotto mantello di primavera,
          sempre con il sorriso inciso sulla carta
          mentre il mio povero corpo diventa poco a poco polvere,
          ricco concime alla terra,
          e spunteranno erbe, fiori, forse anche un albero.
          chi lo sa.
          Violetta vorrei rinascere,
          azzurra come il mare
          serena dondolare nel felice vento,
          e m'innamorerà il sole,
          mi adorerà la dolce luna e lampeggeranno le stelle argentine con lo stupore
          e sarà l'intero universo in un solo fiore
          nella mia violetta di color mare.
          Klara Erzsebet Bujtor
          Composta mercoledì 26 ottobre 2011
          Vota la poesia: Commenta

            Casa dolce casa

            Casa dolce casa è un rifugio
            nell'immenso,
            è un tetto sotto l'infinito
            e dentro le vecchie mura
            c'è il calore del focolare.
            E c'è la finestra dalla quale affacciarsi al mondo
            e una tavola profumata di pane e di vino,
            e l'acqua pura nella boccia,
            un letto morbido dove distendere e chiudere gli occhi
            mentre la luna con la sua magia
            incanta il sonno
            e le stelle illuminano argentea il volo libero
            della fantasia.
            Klara Erzsebet Bujtor
            Composta giovedì 29 ottobre 2015
            Vota la poesia: Commenta