Scritta da: Giuseppe

Volevo descrivere fiori

Volevo descrivere fiori
come gli occhi d'aprile
sottovoce sciogliendo le zolle
scrivevano righe di festa.
Sono entrato al profumo del sole
nel giardino, ho dipinto una rosa
ma le spine mi hanno ferito
ed ho pianto.
Ora corro notturno contro il tempo,
ti sento bussare mentre ascolto
la tua voce d'allora che mi segue
e parla col silenzio dietro il vetro
dove il tuo sguardo intatto è conservato.
Mi sgridano i contorni manomessi,
non aprono finestre all'orizzonte
al tocco serotino della sveglia
presa da sole placido dell'alba
col vento che lambiva i tuoi capelli
ed il sorriso fermo mentre piangi
guardando l'altro lato della piazza...
così nuotando insieme in questo sale
brucia le notti l'ultimo cuscino,
mentre le mani strette alla ringhiera
sotto il peso del vento
tirano il rettilineo
che fila dritto verso la frontiera.
Giuseppe Stracuzzi
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Giuseppe

    Tu non sai

    Nel ciglio di una sera
    la tua voce
    ha largito un oblio
    alla corrente,
    nella placida gora la luna
    ha raccolto il respiro del vento.
    Tu non sai
    il sorriso caldo di una mano,
    le perle di pieghe
    tra petali e l'onda degli occhi,
    tu non sai
    il frastuono dell'estasi di stelle
    che allaga l'infinito,
    lo scintillio che canta
    ancora fino all'alba di domani.
    Tu non sai
    che il fiore di un fiore
    rimasto acceso
    tiene ancora il mio cuore
    illuminato.
    Giuseppe Stracuzzi
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Giuseppe

      L'amore è

      L'amore è
      un'immagine
      un volto
      una parola
      o qualcosa capace
      a formattare
      un pensiero del cuore
      per tradurlo in poesia,
      ma non basta
      pitturarlo
      di note e di colori
      circondarlo
      di fiori e primavere
      perciò ti ho cercata
      nell'angolo di un sogno,
      ti ho rinvenuta,
      abbracciami!
      Ora che il sole e l'alba
      hanno forzato
      la porta delle stelle,
      sono dentro il fruscio
      delle tue onde.
      Giuseppe Stracuzzi
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Giuseppe

        Sei nel mio cuore

        Non pensare che la lontananza
        o il silenzio
        possano influire
        sulle sfaccettature dell'amore.
        Sei nel mio cuore,
        non so come sei entrata,
        ma l'alito infinito
        che ti ha condotto, il vento
        non potrà spezzare.
        Nello spazio di sogni
        il tempo vuoto pesa
        della calma di baci
        sul cuscino.
        Vorrei condurti
        sulla soglia dell'alba
        fino al sole
        ma non posso toccare la tua mano.
        Giuseppe Stracuzzi
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Giuseppe

          Stelline scintillanti

          Il sole coi raggi dolci
          sussurra alla terra spoglia,
          sentono amore le zolle
          le parole toccanti
          in superficie
          disseminano i campi
          di colori,
          esulta l'aria
          anche i trilli
          sentono amore
          parlano tra loro
          di progetti di nidi,
          un alito di vento
          vuole partecipare
          sfiora i germogli
          e gli bisbiglia amore,
          il fiume scorre
          sembra brontolare
          l'ascolta il sole
          con i raggi d'oro,
          manda un guizzo
          all'acqua
          e fa l'amore,
          nascono le stelline scintillanti.
          Giuseppe Stracuzzi
          Composta venerdì 20 marzo 2015
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di