Scritta da: Daniela Cesta

Dal mio balcone

Io guardo tutto il mondo
dal mio balcone piccolo

sento il respiro delle foreste
il bacio del vento, che tocca le mie labbra,

le nuvole che veloci corrono, nell'immenso cielo,
l'ululato del lupo, che arriva fino a me,

il sospiro dei monti, melodia di rocce e terra,
il canto degli uccelli, che annunciano

l'arrivo della primavera,
il volo di un gufo reale, che vola

al disopra della mia testa, silenzioso e fantastico,
il mormorio dolce del ruscello, poco lontano,

e ancora ascolto il risveglio
degli animali della foresta, il loro sussurro

arriva a me, come una carezza nell'anima,
corre, una madre cinghiale, con i suoi piccoli,

mentre una bella volpe rossa, fugge, dietro un cespuglio,
e il falco e l'aquila, taciti osservano i loro territori,

mentre il sole, da lassù, carezza noi tutti,
io mando a tutto il mondo, l'amore del mio cuore.
Daniela Cesta
Composta venerdì 14 febbraio 2014
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Daniela Cesta

    noi e il tempo

    Quando lo spirito avvolge tenero
    nell'estasi del tempo, i miei occhi brillano
    guardando i tuoi, due anime a confronto,

    come quattro stelle, nel cielo che luccicano
    cristalli argentei nella notte buia,
    melodia che esce dal cuore e si intreccia

    con passione crescente da così lontano,
    nella corteccia del tempo, tra pianeti e costellazioni
    la luce del cuore corre veloce, nella sofferenza e nella gioia

    nell'ombra fugace di un sorriso, di una lacrima,
    di un sussurro, di un sospiro di speranza, nella nostra similarità,
    nella nostra incantevole complicità,

    una complicità che incanta, l'intero universo.
    Daniela Cesta
    Composta sabato 4 gennaio 2014
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Daniela Cesta

      Vorrei essere

      A volte vorrei essere, eterea e trasparente
      e volare sopra foreste e vallate,

      sul pelo dell'acqua di torrenti impetuosi,
      mentre il vento carezza la mia pelle nuda

      e gioca con i miei capelli strapazzandoli
      e spinge tutto il mio corpo nell'estasi,

      vorrei avere le ali di una farfalla,
      sentire il profumo dei fiori in primavera

      rotolare tra le nuvole estive
      e scendere in picchiata sulla fresca erba,

      osservare il nido dell'aquila solitaria,
      sorridere alla sua orgogliosa potenza,

      godere dall'alto del cielo della bellezza della terra
      con i suoi umori, sapori, profumi,

      libera dai dolori quotidiani,
      lontano dalle violenze terrene,

      dall'ingordigia dell'essere umano, che no guarda il creato.
      Mentre ascolto il silenzioso grido, della natura deturpata,

      di questa terra maltrattata, no amata,
      e allora volo verso il mare, per salvare le mie lacrime

      e versarle nell'acqua salata, come di sale sono le mie gocce
      che lente scendono dai miei occhi.
      Daniela Cesta
      Composta sabato 4 gennaio 2014
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Daniela Cesta

        Abbraccio invernale

        Nello scintillante momento dell'anima,
        veloce il giorno, passa la luce,
        nel freddo inverno del tempo,

        nel gelido crepuscolo senza confini,
        nel celestiale disegno etereo,
        anima che lieta canti tra cristalli di neve

        nello spirito fantastico che scorre
        come un torrente impetuoso e puro,
        dell'acqua gelida e brillante,

        mentre canta nel suo gorgoglio,
        l'inverno tiene tutti noi
        nel suo forte abbraccio piangente.
        Daniela Cesta
        Composta sabato 4 gennaio 2014
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Daniela Cesta

          nel mio cammino

          Nel mio cammino verso il cielo
          porto con me i miei sentimenti

          per tutto ciò che mi circonda
          il mio spirito folle e pieno di amore

          la mia passione per tutta la terra
          l'amore per gli animali e le piante

          l'attaccamento verso il cielo e tutte le galassie,
          l'amore per tutti popoli di questa terra, e le loro usanze,

          se ho sbagliato è perché io ho troppo amato,
          la mia vivacità sorprendente e inesauribile,

          la mia incredibile voglia di vivere fino alla vecchiaia!
          La mia gioia continua, guardando i fiori e le farfalle!

          Il mio impressionante amore per il mare e le sue creature,
          il mio sostare sulle sue onde, nel rotolamento insieme a lui,

          io appartengo al cielo alla terra e a Dio
          per questo devo vivere ancora per lungo tempo,

          e pasticciare ancora con il mondo!
          Daniela Cesta
          Composta martedì 19 novembre 2013
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di